LEINI - Presepe vietato: interviene il parroco don Pierantonio

| «Il nostro stato italiano ha ancora, grazie al cielo, delle istituzioni che sono o laiche o marcatamente confessionali»

+ Miei preferiti
LEINI - Presepe vietato: interviene il parroco don Pierantonio
Il parroco di Leini, don Pierantonio Garbiglia, ha affidato alla propria pagina Facebook la sua riflessione sulla vicenda del presepe vietato alla scuola elementare Anna Frank. «Intervengo solo perché sono stato interpellato più volte in questi giorni – scrive il sacerdote - ritengo innanzitutto che oggi i problemi principali della nostra cittadina di Leinì e del nostro Stato Italiano siano ben altri rispetto a “presepe sì, presepe no”, e siano la mancanza di lavoro, la sfiducia nel futuro e nelle istituzioni, la solitudine dilagante che porta anche a fenomeni di violenza, le strade che sono ormai un colabrodo, la mancanza di risorse per il welfare, e potremo andare avanti con l’elenco».
 
Il pensiero del parroco è assolutamente chiaro. «Fermo restando che non conosco direttamente e a fondo tutti i contorni della vicenda leinicese se non “dal sentito dire”, penso che oggi le minoranze religiose non ci chiedano di abolire il presepe ma ci chiedano innanzitutto accoglienza, dialogo e pane. Valori che abbiamo sempre chiesto e continuiamo a chiedere a chi ci ospita quando gli stranieri nel mondo siamo noi.
 
Inoltre ho sempre sostenuto che paese che visiti o abiti, consuetudine e usanza che trovi e che devi accettare. E non viceversa. Dico questo con un po’ di bagaglio di vita maturato. Perché dopo i numerosi pellegrinaggi e viaggi, che ho fatto sia in Turchia che in Israele, in Giordania e nel Sinai, la Cina o la Russia di venti anni fa, “per me è sempre stato scontato il doversi adeguare a casa d’altri” e quindi togliersi i calzari o coprirsi il capo quando si entra in un luogo religioso e sacro, o in alcuni contesti non poter esporre segni identificativi, o in alcuni luoghi neppure poter celebrare la messa.  E così è stato nei quasi tre anni passati nell’Amazzonia Brasiliana, dove la prima regola insegnatami è stata quella di ascoltare, non giudicare e rispettare le altre espressioni religiose che erano lì da più tempo e ben più radicate e profonde del mio semplice modo di vedere. Quindi non riesco a spiegarmi perché in Italia, in alcuni contesti, in nome di una tolleranza (a volte finta) e di un’accoglienza (sovente buonista) si porti avanti invece l’idea che quella che si deve adeguare sia la maggioranza e non la minoranza.
 
Il nostro stato italiano ha ancora, grazie al cielo, delle istituzioni che sono a seconda della storia e dei ruoli o laiche (nella piena positività e nobiltà del termine) o marcatamente confessionali. Questo è il frutto della democrazia e del dialogo. (…) Non posso chiedere all’istituzione, qualsiasi essa sia (scuola, associazione, parrocchia, oratorio,..) che magicamente faccia quello che io le ho (a volte tacitamente) delegato perché non ne ho più il tempo o le motivazioni. Quindi, prima di chiedere a un’istituzione il perché fa o non fa un presepe, dovrei chiedermi se anch’io sono uno dei tanti cristiani che a casa propria ha sostituito il personaggio principale del presepe con il babbo natale. 
 
E se gridiamo allo scandalo di fronte a “presepe sì, presepe no”, allora proviamo a chiederci come cristiani difensori delle proprie tradizioni e che desiderano educare le nuove generazioni, come abbiamo ridotto la vigilia e la festa di Tutti i Santi (tanto per citare una delle feste più importanti del patrimonio cristiano). Anzi, abbiamo fatto di meglio. Siamo riusciti perfino a svuotare una tradizione anglosassone (All-Hallows-Eve) dei suoi migliori significati e portarla a casa nostra come un carnevale posticipato e adattabile a tutte le età. Ma qui nessuno grida allo scandalo, ma anzi, si alzano le spalle e si fa un sorrisino complice e imbarazzato».
Politica
BOLLENGO - Il paese è stato uno dei «4000 luoghi del 21 marzo»
BOLLENGO - Il paese è stato uno dei «4000 luoghi del 21 marzo»
Iniziative nelle scuole del paese per la giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie
IVREA - L'Auditorium Mozart è adesso una sala pubblica - FOTO
IVREA - L
La città e tutto il Canavese hanno a disposizione un nuovo spazio di incontro per attività culturali, sociali, di formazione e impresa
SAN MAURIZIO - Partono i lavori del parco giochi di via della Quercia
SAN MAURIZIO - Partono i lavori del parco giochi di via della Quercia
Sarà un parco giochi privo di barriere architettoniche e con i giochi accessibili a tutti, anche ai piccoli con disabilità
VOLPIANO - Un terreno abbandonato diventa il «frutteto comunitario»
VOLPIANO - Un terreno abbandonato diventa il «frutteto comunitario»
Il progetto «I frutti proibiti» del Comune è stato selezionato nell'ambito del bando promosso dalla Compagnia San Paolo
ELEZIONI CANAVESE - Il 26 maggio vanno al voto 77 Comuni per eleggere i nuovi sindaci
ELEZIONI CANAVESE - Il 26 maggio vanno al voto 77 Comuni per eleggere i nuovi sindaci
Maxi tornata elettorale: in quegli stessi Comuni, ovviamente, gli elettori avranno tre schede sulle quali apporre il voto dal momento che domenica 26 maggio si voterà anche per le elezioni Europee e per le regionali del Piemonte
CANAVESE - Ferraris lascia la politica: «Una scelta doverosa»
CANAVESE - Ferraris lascia la politica: «Una scelta doverosa»
«E' maturo il tempo di tornare ad occuparmi delle mie attività professionali e restituire il grande bagaglio acquisito»
VOLPIANO - Dal Ministero dell'istruzione 78mila euro per gli asili
VOLPIANO - Dal Ministero dell
Le risorse possono essere utilizzate per i costi di gestione e per favorire l'accesso ai servizi dei bambini diversamente abili
PONTE PRETI - Il ponte è sicuro ma inadatto al traffico pesante: i lavori non prima del 2020?
PONTE PRETI - Il ponte è sicuro ma inadatto al traffico pesante: i lavori non prima del 2020?
Notizie buone e meno buone sul futuro del Ponte Preti, la vecchia infrastruttura che collega Ivrea con l'alto Canavese lungo l'ex statale pedemontana. Per i lavori bisognerà attendere il passaggio all'Anas ma le tempistiche non sono chiare
IVREA - I 41 lavoratori di Giordano Vini contro il trasloco in Canavese
IVREA - I 41 lavoratori di Giordano Vini contro il trasloco in Canavese
Si è svolto oggi in Regione Piemonte un incontro tra i vertici delle società Comdata, Koiné e i rappresentanti sindacali
CANAVESE - Francesca Bonomo nella direzione nazionale del Partito Democratico
CANAVESE - Francesca Bonomo nella direzione nazionale del Partito Democratico
«Ci aspettano sfide importanti e spero che il nostro partito colga veramente l'occasione di essere plurale nelle idee ma unitario nelle azioni»
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore