LEINI - Presepe vietato: interviene il parroco don Pierantonio

| «Il nostro stato italiano ha ancora, grazie al cielo, delle istituzioni che sono o laiche o marcatamente confessionali»

+ Miei preferiti
LEINI - Presepe vietato: interviene il parroco don Pierantonio
Il parroco di Leini, don Pierantonio Garbiglia, ha affidato alla propria pagina Facebook la sua riflessione sulla vicenda del presepe vietato alla scuola elementare Anna Frank. «Intervengo solo perché sono stato interpellato più volte in questi giorni – scrive il sacerdote - ritengo innanzitutto che oggi i problemi principali della nostra cittadina di Leinì e del nostro Stato Italiano siano ben altri rispetto a “presepe sì, presepe no”, e siano la mancanza di lavoro, la sfiducia nel futuro e nelle istituzioni, la solitudine dilagante che porta anche a fenomeni di violenza, le strade che sono ormai un colabrodo, la mancanza di risorse per il welfare, e potremo andare avanti con l’elenco».
 
Il pensiero del parroco è assolutamente chiaro. «Fermo restando che non conosco direttamente e a fondo tutti i contorni della vicenda leinicese se non “dal sentito dire”, penso che oggi le minoranze religiose non ci chiedano di abolire il presepe ma ci chiedano innanzitutto accoglienza, dialogo e pane. Valori che abbiamo sempre chiesto e continuiamo a chiedere a chi ci ospita quando gli stranieri nel mondo siamo noi.
 
Inoltre ho sempre sostenuto che paese che visiti o abiti, consuetudine e usanza che trovi e che devi accettare. E non viceversa. Dico questo con un po’ di bagaglio di vita maturato. Perché dopo i numerosi pellegrinaggi e viaggi, che ho fatto sia in Turchia che in Israele, in Giordania e nel Sinai, la Cina o la Russia di venti anni fa, “per me è sempre stato scontato il doversi adeguare a casa d’altri” e quindi togliersi i calzari o coprirsi il capo quando si entra in un luogo religioso e sacro, o in alcuni contesti non poter esporre segni identificativi, o in alcuni luoghi neppure poter celebrare la messa.  E così è stato nei quasi tre anni passati nell’Amazzonia Brasiliana, dove la prima regola insegnatami è stata quella di ascoltare, non giudicare e rispettare le altre espressioni religiose che erano lì da più tempo e ben più radicate e profonde del mio semplice modo di vedere. Quindi non riesco a spiegarmi perché in Italia, in alcuni contesti, in nome di una tolleranza (a volte finta) e di un’accoglienza (sovente buonista) si porti avanti invece l’idea che quella che si deve adeguare sia la maggioranza e non la minoranza.
 
Il nostro stato italiano ha ancora, grazie al cielo, delle istituzioni che sono a seconda della storia e dei ruoli o laiche (nella piena positività e nobiltà del termine) o marcatamente confessionali. Questo è il frutto della democrazia e del dialogo. (…) Non posso chiedere all’istituzione, qualsiasi essa sia (scuola, associazione, parrocchia, oratorio,..) che magicamente faccia quello che io le ho (a volte tacitamente) delegato perché non ne ho più il tempo o le motivazioni. Quindi, prima di chiedere a un’istituzione il perché fa o non fa un presepe, dovrei chiedermi se anch’io sono uno dei tanti cristiani che a casa propria ha sostituito il personaggio principale del presepe con il babbo natale. 
 
E se gridiamo allo scandalo di fronte a “presepe sì, presepe no”, allora proviamo a chiederci come cristiani difensori delle proprie tradizioni e che desiderano educare le nuove generazioni, come abbiamo ridotto la vigilia e la festa di Tutti i Santi (tanto per citare una delle feste più importanti del patrimonio cristiano). Anzi, abbiamo fatto di meglio. Siamo riusciti perfino a svuotare una tradizione anglosassone (All-Hallows-Eve) dei suoi migliori significati e portarla a casa nostra come un carnevale posticipato e adattabile a tutte le età. Ma qui nessuno grida allo scandalo, ma anzi, si alzano le spalle e si fa un sorrisino complice e imbarazzato».
Politica
LEINI - In marcia per la legalità, uniti contro la mafia - VIDEO
LEINI - In marcia per la legalità, uniti contro la mafia - VIDEO
Mercoledì scorso, Leinì è stata attraversata dal lunghissimo e coloratissimo corteo di bambini, genitori, nonni ed insegnanti
REFERENDUM - Si vota domenica ad Alice, Lugnacco e Pecco
REFERENDUM - Si vota domenica ad Alice, Lugnacco e Pecco
Dalle 7 alle 23 si vota per chiedere ai cittadini il via libera alla nascita del «Comune della Val di Chy», prima fusione della storia
BUSANO - Più di 6000 giocattoli donati ai bimbi meno fortunati
BUSANO - Più di 6000 giocattoli donati ai bimbi meno fortunati
La manifestazione, patrocinata dalla Città di Torino, viene organizzata ogni anno da Centrale del Latte di Torino
VOLPIANO - Il 2 giugno il taglio del nastro per la nuova piazza Italia
VOLPIANO - Il 2 giugno il taglio del nastro per la nuova piazza Italia
In serata anche la Fanfara dei bersaglieri. La piazza è destinata ad accogliere il mercato; previsto un ufficio di polizia municipale
CALUSO - Incidente ferroviario, cordoglio dalla politica per vittime
CALUSO - Incidente ferroviario, cordoglio dalla politica per vittime
Il grave incidente di Caluso, costato la vita al macchinista e ad un autotrasportatore, non ha lasciato indifferente la politica
TRENO CONTRO TIR A CALUSO - Interrogazione parlamentare sul possibile guasto al passaggio a livello
TRENO CONTRO TIR A CALUSO - Interrogazione parlamentare sul possibile guasto al passaggio a livello
«Da tempo vi erano dei vizi che minavano la sicurezza di quel varco. E altri vi sarebbero in passaggi simili nel Canavese. Per questo ho deciso di presentare un’interrogazione parlamentare» dice Augusta Montaruli di Fratelli d'Italia
RIVAROLO - Lotta ai «maiali» con la giornata ecologica
RIVAROLO - Lotta ai «maiali» con la giornata ecologica
Obiettivo dell'iniziativa ripulire la città e sensibilizzare la cittadinanza al rispetto dell'ambiente e dei luoghi pubblici
STRAMBINO - I soci Coop chiamati ad approvare il bilancio del 2017
STRAMBINO - I soci Coop chiamati ad approvare il bilancio del 2017
Il presidio di Strambino, che conta su 5264 soci, nel 2017 ha generato donazioni per 1554 euro nel progetto Buon Fine
FAVRIA - Estate Ragazzi 2018: lo gestisce di nuovo «Favria Giovane»
FAVRIA - Estate Ragazzi 2018: lo gestisce di nuovo «Favria Giovane»
Il sindaco Bellone: «Le illazioni su un presunto accanimento contro l'associazione erano totalmente infondate»
CANAVESE - I militanti dicono Si all'accordo «Lega-Stellato»
CANAVESE - I militanti dicono Si all
Lo comunica la Lega del Canavese in base alla consultazione dello scorso weekend. 1500 votanti in Canavese, il 97% per il Si
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore