LOCANA - Il futuro del Parco Gran Paradiso nella nuova legge

| "Parchi naturali. Verso la nuova legge nazionale" è il titolo del convegno di sabato promosso da Comune, Ente Parco e Uncem

+ Miei preferiti
LOCANA - Il futuro del Parco Gran Paradiso nella nuova legge
"Parchi naturali. Verso la nuova legge nazionale" è il titolo del convegno che si terrà sabato 25 marzo alle ore 16 a Locana (TO), nella sala consiliare del Municipio del Comune della Valle Orco. A promuovere l'incontro sono il Comune canavesano, il Parco nazionale Gran Paradiso e l'Uncem Piemonte. Il convegno permetterà di fare il punto con cittadini, Amministratori locali, associazioni, portatori di interesse, sulla modifica della legge 394 del 1991, il cui iter è in corso alla Camera dei Deputati. Al seminario di Locana, con il Sindaco Giovanni Mattiet, il Presidente del Parco Italo Cerise, il Vicepresidente Uncem Marco Bussone, interverranno il Consigliere regionale Davide Gariglio, la Deputata Francesca Bonomo, il Senatore Albert Laniece e il Deputato relatore della legge alla Camera, Enrico Borghi.

La Commissione Ambiente Territorio e Lavori Pubblici della Camera dei Deputati il 15 marzo scorso ha  varato, dopo un approfondito esame, la legge di riforma dei Parchi. L'approdo in Aula è previsto il 27 marzo. Nel passaggio in Commissione sono stati rafforzati l'impianto originario della legge 394 e il ruolo delle Aree protette anche rispetto al testo varato al Senato. Tra i punti qualificanti c'è la reintroduzione del piano triennale, uno strumento di programmazione nazionale per tutto il sistema, con priorità nei finanziamenti per le aree protette regionali e marine. Per garantire maggiore trasparenza arrivano la selezione pubblica per la nomina dei direttori dei Parchi Nazionali e requisiti più rigorosi per la scelta dei presidenti. È inoltre previsto che il ministero dell'Ambiente emani linee guida per la nomina dei direttori delle Aree Marine Protette.

Entrano nei consigli direttivi degli enti parco nazionali un rappresentate delle associazioni scientifiche e uno degli agricoltori o dei pescatori per orientare le attività economiche locali verso la sostenibilità, che così si affiancano a quello delle associazioni ambientaliste. Per la prima volta negli organi direttivi deve essere ‘tenuta in considerazione la rappresentanza di genere', visto che nei 23 Parchi nazionali oggi solo un presidente e due direttori sono donne e su ben 230 membri dei consigli direttivi solo 14 sono donne, appena il 6%.

Si individuano anche modalità per la tutela della biodiversità e per la gestione della fauna maggiormente rispondenti alla direttive comunitarie, prevedendo un importante ruolo di valutazione da parte dell'Ispra. Viene introdotto il divieto di trivellazioni nei parchi e nelle aree contigue. Proibita nei parchi anche la pratica dell'eliski, mentre dovranno essere disciplinate dal regolamento dell'ente il sorvolo di velivoli e droni e le esercitazioni militari. Su tutto il territorio nazionale è inoltre vietato l'allevamento di cinghiali al fine del ripopolamento.

Una delle novità più rilevanti confermate dall'esame della Commissione riguarda i piani dei Parchi Nazionali che vengono sottoposti a Valutazione ambientale strategica, facendo entrare così nel procedimento i ministeri dell'Ambiente e dei Beni Culturali rispetto al testo originale della legge 394/91 che prevedeva la sola approvazione della Regione. I parchi avranno inoltre la facoltà di concedere a pagamento il proprio marchio, ad esempio per i prodotti tipici locali che soddisfino anche i requisiti qualità e di sostenibilità ambientale, e di disporre dei beni demaniali. Gli Enti gestori delle aree protette sono inclusi nell'elenco dei soggetti beneficiari del 5x1000. Per promuove la sinergia operativa tra Comitato nazionale delle aree protette, Comitato paritetico per la biodiversità e Comitato per il Capitale naturale e per far conoscere attività effettuate e risultati conseguiti il ministro dell'Ambiente convoca entro il gennaio 2019 e successivamente ogni tre anni la Conferenza nazionale La Natura dell'Italia. L'obiettivo della riforma è rendere i Pachi protagonisti dello sviluppo del Paese coniugando la tutela e la valorizzazione del territorio e delle biodiversità con la buona economia.

"L'incontro - spiega il Sindaco Mattiet - sarà l'occasione anche per rilanciare la sinergia tra Comuni, attraverso le Unioni montane, e il Parco Gran Paradiso, a totale vantaggio dello sviluppo socio-economico ambientale del territorio. Le Valli Orco e Soana devono poter essere vettori di nuova crescita, per residenti, imprese e turisti, proprio grazie al Parco. Siamo sulla strada giusta e la nuova legge dà gambe a tanti progetti per il territorio".

Galleria fotografica
LOCANA - Il futuro del Parco Gran Paradiso nella nuova legge - immagine 1
Dove è successo
Politica
VOLPIANO - David Puente al lavoro contro bufale e fake news
VOLPIANO - David Puente al lavoro contro bufale e fake news
Ospite del festival «I luoghi delle parole» il blogger ha indicato le tipologie più pericolose di bufale che circolano su Internet
IVREA-ALBIANO - Mediapolis: Legambiente se la prende con il Pd
IVREA-ALBIANO - Mediapolis: Legambiente se la prende con il Pd
Il circolo Legambiente Dora Baltea esprime perplessità sulle parole del nuovo segretario del Partito Democratico di Ivrea
BELMONTE - Primo passo avanti della Regione per salvare santuario e Sacro Monte, patrimonio Unesco
BELMONTE - Primo passo avanti della Regione per salvare santuario e Sacro Monte, patrimonio Unesco
La Regione garantisce massimo impegno per salvare Belmonte, uno dei simboli del Canavese. Se ne è discusso anche in consiglio regionale dopo l'ordine del giorno presentato dal consigliere Valentina Caputo
CANAVESE - Le Lega Nord torna a chiedere il referendum
CANAVESE - Le Lega Nord torna a chiedere il referendum
«Chiamparino, se ci sei batti un colpo», dice il segretario del Carroccio, Cesare Pianasso, sollecitando la Regione
RIVAROLO - Al Vallesusa ufficio pubblico ma strada privata... FOTO
RIVAROLO - Al Vallesusa ufficio pubblico ma strada privata... FOTO
Lo strano caso dell'ex cotonificio. Da qualche giorno affissi i cartelli: «Strada privata: rallentare, attenzione buche»
IVREA - Striscione sulla sede di Comdata contro i sindacati: dura reazione di Rifondazione Comunista
IVREA - Striscione sulla sede di Comdata contro i sindacati: dura reazione di Rifondazione Comunista
Uno striscione dal testo piuttosto pesante contro i sindacati è stato affisso l'altra sera dal gruppo «Rebel Firm» di Ivrea. Oggi è arrivata la risposta del circolo di Rifondazione. Lo striscione ha coperto la scritta «Olivetti»
IVREA - Un appello per la messa al bando di tutte le armi nucleari
IVREA - Un appello per la messa al bando di tutte le armi nucleari
Diverse associazioni eporediesi hanno presentato l'appello al Comune di Ivrea chiedendo che l'Italia aderisca al Trattato ONU
OZEGNA - Parte da Bartoli la battaglia contro il caro-rifiuti
OZEGNA - Parte da Bartoli la battaglia contro il caro-rifiuti
Il sindaco rivendica per i Comuni più possibilità di scelta ed è intenzionato a far approdare la discussione in regione
LEINI - Bollette Tari: «Il Comune non applica tributi aggiuntivi»
LEINI - Bollette Tari: «Il Comune non applica tributi aggiuntivi»
«Il Comune non ha applicato il tributo sulla parte variabile relativa alle pertinenze degli immobili» dicono da palazzo civico
VOLPIANO - Crisi Comital: Città metropolitana sostiene lavoratori
VOLPIANO - Crisi Comital: Città metropolitana sostiene lavoratori
Intanto la Regione Piemonte ha reso noto che, su richiesta dell'azienda, la riunione del tavolo di crisi è slittata a domani
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore