MAPPANO - Lettera aperta del comitato Mappano Comune

| «Non possiamo stare placidamente ad attendere gli eventi, vogliamo essere costruttori del nostro futuro»

+ Miei preferiti
MAPPANO - Lettera aperta del comitato Mappano Comune
Riceviamo e pubblichiamo la lettera aperta scritta dagli esponenti del “Comitato per la costituzione di Mappano Comune”.
 
Con questa lettera vogliamo rispondere alle accuse ricevute nei giorni scorsi e rilanciare le iniziative per difendere l'autonomia del Comune di Mappano, bloccata dal 2013 a causa dell'accanimento giudiziario attuato da parte dell'amministrazione del Comune di Settimo Torinese. Le accuse da noi ricevute sono state la conseguenza di aver pubblicamente denunciato l'esito delle votazioni del 28 novembre e del 29 dicembre delle maggioranze dei Comuni di Borgaro e Caselle, che hanno bocciato la richiesta di una soluzione di mediazione con il Comune di Settimo.
 
L'elezione del nuovo Consiglio degli Organizzatori-Rappresentanti e del Presidente del “Comitato per la Costituzione di Mappano Comune” è avvenuta con assemblea regolarmente convocata a norma di statuto il 17 ottobre 2014, tanto che la rappresentanza in giudizio del Presidente è stata validata anche dal TAR. Mettere in discussione la legittimità del consiglio o della figura del Presidente non giova certo alla causa di Mappano Comune.
 
L'Assemblea del Comitato riunitasi il 17 ottobre 2014, ha dato al suo presidente il mandato di resistere in giudizio presso il TAR e di cercare di uscire dal contenzioso. La rinuncia del Comune di Settimo sarebbe senza dubbio la soluzione migliore per tutti, infatti permetterebbe di sbloccare la vita amministrativa di Mappano e di sedersi attorno ad un tavolo dove non ci sarebbero vincitori e vinti, ma solo due comunità riconciliate. La continuazione del contenzioso pone invece in contrapposizione frontale gli interessi della comunità di Mappano con chi governa gli altri Comuni. In che direzione si vuole andare? Riteniamo che non sia troppo tardi per chiedere insieme con forza la rinuncia al ricorso da parte del Comune di Settimo, ma è necessario farlo subito, prima dell'udienza del 19 febbraio 2015.
 
La legittimità del riconoscimento dell'autonomia di Mappano affonda le sue radici in un movimento che è iniziato decenni fa, di cui ci siamo fatti interpreti e con determinazione ne abbiamo proseguito le istanze. In tanti anni di alterne vicende è difficile parlare di “fughe in avanti”, ma avanti bisognava andare e così è stato. Abbiamo favorito e fortemente sostenuto l'approvazione di 2 leggi regionali nel 2009, una nel 2010 e nel 2013 l'ultima è stata il coronamento del nostro lavoro: l'Istituzione del Comune di Mappano con la legge 1 del 2013! La misura della rappresentatività del nostro Comitato sono 2000 aderenti dal 2001, quasi 6000 firme raccolte nel 2008, 2000 persone in piazza il 15 novembre 2009, quasi 5000 Sì al Referendum dell'11 novembre 2012, la quasi unanimità del Consiglio Regionale nell'approvazione della Legge 1/2013, due pronunce a noi favorevoli della Corte Costituzionale e una del Consiglio di Stato. 
 
Se permanessero problemi sui confini o di altro genere (che al momento ci sembrano più un pretesto) potrebbero essere affrontati con i diretti interessati e con un intervento regionale di revisione delle circoscrizioni comunali. Era possibile in passato, ma è possibile anche in futuro, sentite le popolazioni interessate. Non desideriamo fare “terra bruciata” attorno a noi, anzi quello che cerchiamo è proprio una maggior collaborazione con le amministrazioni dei Comuni confinanti, ma non possiamo nemmeno tacere se vengono calpestati i nostri diritti, sanciti dalla legge regionale e dalle sentenze della Suprema Corte. Noi abbiamo sempre detto che in caso di rinuncia al ricorso ci saremmo seduti attorno ad un tavolo per collaborare, anche con la supervisione della Regione, e resteremo disponibili in questo senso fino all'udienza. Diversamente continueremo per la nostra strada, fino a veder riconosciute, per l'ennesima volta, le nostre ragioni. 
 
In un giudizio i giudici sentono le parti, che hanno diritto di difendersi, perché lo prevede la legge e lo prevede la costituzione. Noi mappanesi, quando la nostra esistenza come comune autonomo è stata rimessa in discussione, non potevamo restare in silenzio ad aspettare che piovesse un giudizio dall'alto. Noi abbiamo fiducia nelle istituzioni, ma senza la nostra iniziativa oggi non ci sarebbe nessun Comune da difendere. Non possiamo stare placidamente ad attendere gli eventi, vogliamo e dobbiamo essere costruttori del  nostro futuro e riteniamo che chi ha la responsabilità di un mandato elettorale debba fare altrettanto. 
 
L'unità non è scontata, ma è frutto di obiettivi comuni, noi oggi abbiamo come obiettivo immediato di raggiungere l'agibilità amministrativa del nostro Comune, di chiudere per sempre questa guerra giudiziaria e di poter cominciare a costruire il nostro dignitoso futuro di comunità. Per riproporre una collaborazione nelle prossime settimane incontreremo gli amministratori dei comuni confinanti con Mappano per valutare le possibilità di collaborazione e organizzeremo un'assemblea del Comitato prima dell'udienza del 19 febbraio per informare i cittadini e realtà associative di Mappano e per chiedere la loro collaborazione.
Noi ci siamo, e voi?
 
Il Consiglio degli Organizzatori-Rappresentanti del “Comitato per la Costituzione di Mappano Comune”
Francesco Grassi – Presidente
Marco Bongi – Vicepresidente
Paola Borsello – Vicepresidente
Ercole Carpanetto – Segretario
Davide Battaglia – Tesoriere
Maurizio Ballisai – Consigliere
Alessandro Matera – Consigliere
Stefano Morreale - Consigliere
 

Politica
CHIVASSO - Alta velocità: 5 Stelle favorevoli alla fermata d'interscambio
CHIVASSO - Alta velocità: 5 Stelle favorevoli alla fermata d
Incontro su tematiche e soluzioni che coniughino benefici economici e una mobilità sostenibile ed efficiente sul territorio
CASTELLAMONTE - Eletti i consigli delle frazioni - TUTTI I NOMI
CASTELLAMONTE - Eletti i consigli delle frazioni - TUTTI I NOMI
Lo ha confermato l'amministrazione comunale fornendo l'elenco delle persone che faranno parte dei consigli
RIVAROLO-BOSCONERO - Rotonda alla Vittoria: è la volta buona
RIVAROLO-BOSCONERO - Rotonda alla Vittoria: è la volta buona
Mauro Fava rassicura: «Venerdì sopralluogo con i tecnici della Città Metropolitana e della ditta per l'apertura cantiere»
CHIVASSO - Via alle attività della Libera Università della Legalità
CHIVASSO - Via alle attività della Libera Università della Legalità
«Proseguiamo questo progetto che era stato proposto dall'amministrazione comunale guidata dal sindaco Libero Ciuffreda»
FERROVIA CANAVESANA - Class action dei pendolari contro Gtt: «Stufi dei continui disservizi»
FERROVIA CANAVESANA - Class action dei pendolari contro Gtt: «Stufi dei continui disservizi»
Ora i pendolari fanno sul serio. Se ne sta occupando l'associazione Codici Torino, centro per i diritti del cittadino. Giovedì 24 gennaio è previsto un primo incontro a Chieri. Entro fine mese un altro summit in Canavese, a Bosconero
CUORGNE' - Morgando all'Anpi: «Non uso il mio ruolo di Dirigente Scolastico per fare politica»
CUORGNE
Prosegue il confronto tra l'Anpi e l'ex presidente della sezione di Cuorgnè dell'associazione partigiani, Federico Morgando
IVREA - Legambiente contraria al nuovo centro commerciale Ipercoop
IVREA - Legambiente contraria al nuovo centro commerciale Ipercoop
Legambiente dice «No» alla modifica del piano regolatore che permetterebbe la costruzione di un nuovo supermercato
LEINI - Lavori in corso in via Carlo Alberto fino a venerdì 25 gennaio
LEINI - Lavori in corso in via Carlo Alberto fino a venerdì 25 gennaio
Agenti di Polizia Municipale e personale dell'Ufficio Tecnico sono a disposizione di cittadini e commercianti per informazioni
IVREA - Alternanza scuola lavoro: Confindustria firma il protocollo
IVREA - Alternanza scuola lavoro: Confindustria firma il protocollo
È stato rinnovato il protocollo di Intesa dai rappresentanti di enti e associazioni imprenditoriali dell'area torinese
SAN COLOMBANO - Più sicurezza sulla provinciale 43 per Canischio
SAN COLOMBANO - Più sicurezza sulla provinciale 43 per Canischio
L'esigenza di mitigare l'eccessiva velocità delle autovetture provenienti da Cuorgnè sul rettilineo d'ingresso al paese, era già stata evidenziata nel 2015
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore