PARCO GRAN PARADISO - I sindaci del Canavese scrivono al governo: «Vogliamo contare di più»

| Nei giorni in cui alla Camera dei Deputati è in fase di esame il disegno di legge sulle aree protette, i Sindaci dell'Unione montana Gran Paradiso hanno inviato una lettera a tutti i Capigruppo della Camera

+ Miei preferiti
PARCO GRAN PARADISO - I sindaci del Canavese scrivono al governo: «Vogliamo contare di più»
Nei giorni in cui alla Camera dei Deputati è in fase di esame il disegno di legge sulle aree protette, i Sindaci dell'Unione montana Gran Paradiso hanno inviato una lettera a tutti i Capigruppo della Camera chiedendo una rapida approvazione del provvedimento. La nota, firmata dal Presidente Silvio Varetto, rachiude elementi cardine condivisi anche dal Presidente del Parco nazionale piemontese e valdostano, Italo Cerise. 
     
«Dare ai Parchi una governance migliore, come prevede il ddl, restituendo ruolo e protagonismo agli Enti locali - scrivono Varetto, primo cittadino di Alpette, e gli altri Sindaci canavesani - ci allinea a quanto hanno fatto altri Paesi europei. Dà agli Enti parco una capacità di azione forte, riconosciuta e in stretta interazione con le Unioni montane di Comuni. Dopo vent'anni di latitanza del Parlamento su questi temi, finalmente il Paese potrà avere una legge capace di riconoscere alle aree rurali il ruolo che gli spetta. E cioè di valorizzare i servizi ecosistemici-ambientali che nelle terre alte, nelle zone rurali, attraverso le aree protette, vengono assicurati all'intera collettività. Come ad esempio lo stoccaggio dell'anidride carbonica nei boschi gestiti, la tutela delle fonti idriche, la protezione del paesaggio e del clima». 
 
La montagna, le aree interne, ridefiniscono il rapporto con la città "solo se le aree urbane potranno dare alle aree montane non delle royalties, bensì una stabile remunerazione per i servizi che la montagna svolge", aggiungono. Il futuro dei territori rurali passa dall'interazione tra il sistema pubblico con gli operatori economici del territorio, in primis le aziende agricole, gli imprenditori turistici, i produttori di energia. 
 
«Insieme - evidenziano gli Amministratori dei Comuni sul versante piemontese del Parco nazionale Gran Paradiso - concorrono allo sviluppo che non vuol dire tutela e basta, ma è tale solo se crea opportunità di reddito, di lavoro, di impegno e blocca lo sfruttamento. I parchi sono in Italia e in Piemonte aree che includono interi Comuni, borghi e frazioni. Il legame tra gli Enti gestori e le Unioni montane deve dunque essere facilitato, come previsto dalla legge, per un percorso non solo conservativo. La lotta all'abbandono, alla desertificazione, all'impoverimento del territorio passa dalla capacità di creare sinergie tra sistemi ambientali e aree antropizzate, dove servizi e imprese determinano conservazione, tutela, sviluppo. Il ddl Parchi, con questi pilastri, restituisce dunque piena dignità ai sistemi territoriali. Venga approvato il prima possibile. Il territorio ne ha bisogno».
Dove è successo
Politica
RIVAROLO - Mercatino flop: ora si trasloca in corso Indipendenza
RIVAROLO - Mercatino flop: ora si trasloca in corso Indipendenza
Pochi espositori, pochi clienti. Alla fine il mercato a chilometri zero di Campagna Amica è costretto a lasciare piazza Litisetto
IVREA - Assegno di maternità e al nucleo con almeno tre figli minori
IVREA - Assegno di maternità e al nucleo con almeno tre figli minori
Dal primo gennaio è possibile presentare domanda di assegno di maternità e assegno al nucleo con almeno tre figli minori
MAPPANO - Contro la «decrescita infelice» prima iniziativa del Pd
MAPPANO - Contro la «decrescita infelice» prima iniziativa del Pd
Primi bilanci del nuovo Comune nell'assemblea pubblica di giovedì 1 febbraio alle 20.45 all'hotel Stellina di strada Cuorgnè
STRAMBINELLO - Allarme sul Ponte Preti: per ora non rischia il crollo
STRAMBINELLO - Allarme sul Ponte Preti: per ora non rischia il crollo
La Città metropolitana ha comunque previsto di intensificare l'attività di controllo e monitoraggio con dei sensori
TRENO AD ALTA VELOCITA' - Può nascere la stazione «Porta Canavese» tra Chivasso e Montanaro
TRENO AD ALTA VELOCITA
Una fermata dell'alta velocità in Canavese servirebbe anche a collegare le numerose linee regionali con la Torino-Milano. Un'opportunità importante per i pendolari che potrebbe servire anche al rilancio economico e turistico di tutta l'area
FAVRIA - Da giugno l'elicottero atterrerà anche di notte
FAVRIA - Da giugno l
Il Comune ospiterà l'area per l'atterraggio notturno dell'elisoccorso al campo sportivo del parco Bonaudo. In zona l'area si affiancherà a quelle di Rivarolo, Cuorgnè e Castellamonte
CHIVASSO - Il sindaco Castello incontra i disabili visivi dell'Apri
CHIVASSO - Il sindaco Castello incontra i disabili visivi dell
Nel corso del colloquio si sono affrontate, col primo cittadino, una serie di problematiche vissute dai disabili sul territorio
FAVRIA - Palazzo civico prende la via dell'informatica
FAVRIA - Palazzo civico prende la via dell
Il sindaco Vittorio Bellone: «L’obiettivo finale è quello di offrire più servizi ai cittadini e sveltire le pratiche burocratiche»
RIVAROLO - Flavio Tosi per «Noi con l'Italia» candida Marco Succio
RIVAROLO - Flavio Tosi per «Noi con l
Il partito ha appena raggiunto l'accordo con l'Udc e presentato il simbolo in cui campeggia anche lo storico scudo crociato
IVREA - Massimo Fresc candidato a sindaco del Movimento 5 Stelle
IVREA - Massimo Fresc candidato a sindaco del Movimento 5 Stelle
A fare gli onori di casa, insieme a Luigi Di Maio, c'era anche Davide Casaleggio, il figlio del fondatore del Movimento
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore