PONT - Riapre Insieme per Pont dopo il «silenzio stampa»

| «Fra scettici, scontenti, perplessi e tanti sostenitori di questa nostra iniziativa: in fondo ognuno “spara con le munizioni” che possiede»

+ Miei preferiti
PONT - Riapre Insieme per Pont dopo il «silenzio stampa»
Riceviamo e pubblichiamo dal gruppo «Insieme per Pont».
 
«12 Giugno 2017. Rieccoci qui dopo questo intervallo di voluta assenza seppur con rammarico per non aver potuto dare risalto ad alcuni importanti e bei eventi avvenuti in paese in questo lasso di tempo. Fra scettici, scontenti, perplessi e tanti sostenitori di questa nostra iniziativa: in fondo ognuno “spara con le munizioni” che possiede e dalla nostra avevamo solo un educato, esclusivamente dimostrativo, civile silenzio. In effetti non ci sbagliavamo. È successo o accaduto qualcosa in merito all’iter per l’edificazione del nuovo Polo Scolastico? Sono per caso piovuti Euri dal cielo o è cambiato qualche dettaglio logistico/strutturale?  Mhhh... No. Semmai sono rimasti gli stessi macro problemi di prima e per risolverne alcuni si ipotizza di shakerare i bambini delle Elementari con i ragazzi delle Medie. Perfetto quanto assurdo perchè verrebbe meno il presupposto iniziale ma lasciamo perdere... Ciò che è sicuro è che dal canto nostro abbiamo risparmiato un sacco di parole inutili, flaconi di Maalox ed abbiamo capito che “questa nuova scuola sa da fasi”: par forsa!
 
Abbiamo concesso un po’ di ferie (!) a coloro i quali, nonostante il dado fosse già ben tratto, i nostri post, like o commenti erano diventati un costante, curioso, assillo. Perciò abbiamo fatto anche un’opera  quasi caritatevole. Noi non siamo spariti eh!! Anzi. In questo breve periodo abbiamo incontrato e parlato con la gente comune del Paese e frazioni, molti commercianti, genitori, ragazzi, docenti, pensionati ecc ecc, compresi coloro che Feisbuc non sanno cos’è ma hanno una testa del tutto in grado di pensare. Anche fra loro, i sostenitori di questa operazione (progettuale, logistica ed economica soprattutto), sigh, si possono contare davvero sulle dita della mano. Alcuni sono talmente rassegnati per la situazione in generale che esprimono indifferenza. Inesorabile realtà dei fatti ma nessuno è più sordo di chi non vuol sentire.
 
Abbiamo letto un articolo, apparso su una testata locale la scorsa settimana: enfasi e numeroni sul risparmio energetico della nuova struttura: forse non c’era più spazio in quell’articolo per scrivere che fra circa 20 anni o poco più, quel tetto energizzante sarà scaduto ed esaurito. Esattamente come accade per il decadimento della batteria dei nostri comuni cellulari. Sarà solo necessario smaltirlo e rifarlo. Bazzecole tecniche. Speriamo che il Mutuo subisca la stessa sorte. Così come, nel paventato risparmio, non viene menzionato il costo di mantenimento che continuerà ad avere la vecchia scuola: peccato che la matematica non possa essere solo un opinione: le Maestre insegnano la + e la - ai bambini in Prima Elementare. Forse, chissà, un giorno la troveremo in vendita su Ebay con immenso rammarico delle ultra felici Associazioni che stanno ricevendo  spintanei inviti per traslocare. Ma si dai, dettagli. Chissà che ne sarà di noi fra vent’anni? Forse rimarrà un effige sulla nuova scuola per ricordare ai posteri i nomi dei promotori tecnico/finanziari con la speranza che si rivelino “eroi”. 
 
Nel frattempo nelle nostre case private, per trascorrere gli inverni, continueremo ad usare i putagè’, le stufe a pellet o i classici, vecchi, cari termosifoni alimentati dalle più moderne tecnologie (!), che vanno dalla caldaia a legna...al metano, spendendo all’anno all’incirca quanto si prospetta che si spenda per un’intera scuola (4.800 EuroAnno). Sempre nel frattempo, noi “comuni mortali” cercheremo di mantenere il più possibile degnamente, le nostre case,  seppure spesso richiedano costanti manutenzioni.  Nessuno di noi si indebiterà  fino al collo per costruirsi una nuova casa ”ecosostenibile”  mantenendo viva e attiva la vecchia in mattoni e cemento (!!) Che “pifferi” siamo!
 
Buona Estate a tutti Voi, un cordiale sorriso,  guardiamo avanti senza polemica, facciamo “na bela festa” scacciapensieri ogni tanto, viva la Vita e viva Pont». 
 
Insieme per Pont (che non siamo assolutamente quelli contrari a tutto, ANZI: siamo quelli che ci dimostriamo felici e grati, quando si fa qualcosa di buono per il Paese e siamo critici, scettici ma propositivi quando si fa qualcosa che invece, lo danneggia e lo compromette matematicamente).
Dove è successo
Politica
IVREA - Caffè con l'esperto: incontro sui media con Marco Mussini
IVREA - Caffè con l
Marco Mussini, giornalista ed ex-assistente all'Europarlamento, parlerà di comunicazione e media
TORINO-CERES - Da Vivi Caselle una proposta per ridurre i disagi
TORINO-CERES - Da Vivi Caselle una proposta per ridurre i disagi
Dopo la proposta per ridurre i disagi del tunnel di corso Grosseto a chi usa i bus, arriva un'analoga iniziativa per i treni
IVREA - Dall'Anpi un appello a coerenza e responsabilità
IVREA - Dall
Riceviamo e pubblichiamo una riflessione sull'attualità (anche in Canavese) di Mario Beiletti dell'Anpi Ivrea e Basso Canavese
CANAVESE - Esposto in procura contro l'Asl To4: «Negli ospedali del Canavese poco personale e pazienti a rischio»
CANAVESE - Esposto in procura contro l
Dopo il fallito tentativo in Prefettura, il segretario territoriale Giuseppe Summa, a nome del Nursind, ha presentato un esposto alla procura di Ivrea per denunciare le gravissime condizioni in cui verserebbero gli ospedali dell'Asl To4
IVREA - Neve e ghiaccio: la città resta senza sale e il Comune si scusa
IVREA - Neve e ghiaccio: la città resta senza sale e il Comune si scusa
Diventano oggetto di scontro politico i disagi patiti dagli eporediesi dopo l'ondata di maltempo. Attacco della Lega Nord
IVREA - I carnevali storici del Piemonte uniscono le forze
IVREA - I carnevali storici del Piemonte uniscono le forze
I grandi Carnevali regionali non solo svolgono una funzione storico-sociale ma rappresentano un’importante occasione di promozione del territorio piemontese. Un patto tra Borgosesia, Chivasso, Ivrea e Santhià
TRASPORTI SCADENTI - Indagine di Legambiente: la Canavesana è tra le dieci ferrovie peggiori d'Italia
TRASPORTI SCADENTI - Indagine di Legambiente: la Canavesana è tra le dieci ferrovie peggiori d
Per la prima volta c'è anche la ferrovia del Canavese nella poco invidiabile classifica di Legambiente. Settima in graduatoria insieme alla Circumvesuviana, la Reggio Calabria-Taranto, la Campobasso-Roma e l'Agrigento-Palermo...
CANAVESANA E TORINO-CERES - Taglio dei treni per la montagna
CANAVESANA E TORINO-CERES - Taglio dei treni per la montagna
Nadia Conticelli, consigliera regionale e presidente della commissione Trasporti, presenterà un question time in Consiglio
CUORGNE' - Arrivano i parcheggi a pagamento nel centro cittadino
CUORGNE
Il Comune va controcorrente e istituisce la zona blu. Sperimentazione al via dal mese di aprile. «Ma non facciamo cassa»
CIMICE ASIATICA - Un parassita «buono» per combattere la cimice aggressiva
CIMICE ASIATICA - Un parassita «buono» per combattere la cimice aggressiva
Il tasso di contagio della cimice asiatica è molto alto (47% rispetto a 2-3% di altri organismi paragonabili), un elemento che la sta rendendo una vera e propria piaga per molte coltivazioni del Nord Italia
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore