QUINCINETTO - Frana sulla Torino-Aosta: bisogna fare in fretta

| Mentre la frana avanza, il Comune rischia di perdere il contributo statale per i lavori. Si prepara il progetto di demolizione

+ Miei preferiti
QUINCINETTO - Frana sulla Torino-Aosta: bisogna fare in fretta
I lavori di messa in sicurezza della frana che dal 2012 incombe sull'autostrada Torino-Aosta, in località Chiappetti, dovranno tassativamente partire entro il prossimo 20 aprile. In caso contrario, il Comune di Quincinetto rischia di perdere il contributo statale di quattro  milioni di euro, già stanziato dal ministero dell'Ambiente.  Lo ha annunciato il sindaco di Quincinetto, Angelo Canale Clapetto, nel corso dell'incontro pubblico tenutosi martedì scorso presso l'Auditorium comunale Dante Conrero, alla presenza dei rappresentanti di Città metropolitana di Torino, della Regione Valle d'Aosta, di Sav, concessionario dell'autostrada A5 nel tratto Quincinetto-Aosta, oltre ad una folta schiera di sindaci canavesani e della Bassa Valle d'Aosta tra i quali, in prima fila il sindaco di Ivrea, Stefano Sertoli.
 
La parola d'ordine è fare presto, prima che accada un disastro. Si parla, infatti, di un ammasso di pietre di una quindicina di metri per lato, che pesano dalle 9 alle 12 mila tonnellate, in bilico a circa 900 metri sopra la strada e che ha già portato alla chiusura precauzionale della A5 tre volte nel corso dell'anno. Di fatto, la frana, costantemente monitorata, continua ad avanzare con uno spostamento di 40 centimetri tra ottobre 2018-19, con accelerazioni nei periodi di pioggia.  La caduta dei massi coinvolgerebbe direttamente l'autostrada, che passa proprio sotto il versante della montagna e, indirettamente, anche la ferrovia. 
 
Dopo aver analizzato una serie di possibili soluzioni si è concluso che il metodo più efficace è far brillare con l'esplosivo i due massi più imponenti che si trovano in quota, come ha spiegato il geologo Andrea Lazzari. Il primo misura duemila metri cubi, il secondo tremila per un'altezza compresa tra i 20 e i 25 metri.Ciò che però non è possibile prevedere è la quantità di materiale che l'esplosione smuoverebbe, tenendo conto che nella parte soprastante ci sono altri 200 mila metri cubi di materiale. Per avere una risposta occorre effettuare un ulteriore monitoraggio dei massi retrostanti la frana, operazione che deve prevedere un tempo sufficientemente esteso per raccogliere i dati necessari ai progettisti, i quali dovranno realizzare il piano di demolizione. (L.r.)
Politica
IVREA - Tutto pronto per gli scambi linguistici con gli studenti del liceo Botta
IVREA - Tutto pronto per gli scambi linguistici con gli studenti del liceo Botta
Diversi studenti francesi ospiti in Canavese ad inizio febbraio
CASTELLAMONTE - Ciao carnevale: la Lega contro l'amministrazione
CASTELLAMONTE - Ciao carnevale: la Lega contro l
Diventa un caso politico lo storico carnevale, destinato ad un'edizione 2020 particolarmente ridotta rispetto alla tradizione
IVREA - Il sindaco ha ricevuto i ragazzi del «Fridays For Future»
IVREA - Il sindaco ha ricevuto i ragazzi del «Fridays For Future»
L'assessore Balzola ha proposto l'avvio di un confronto più frequente sulle iniziative della Giunta e per ascoltare i ragazzi
CASTELLAMONTE - Terminato il ciclo di incontri di RiciclArte: un esperimento di successo
CASTELLAMONTE - Terminato il ciclo di incontri di RiciclArte: un esperimento di successo
Un progetto che ha suscitato grande interesse dei bambini, dei loro genitori e del Comune
LAVORO - Crisi Olisistem: martedì protesta sotto il grattacielo Intesa
LAVORO - Crisi Olisistem: martedì protesta sotto il grattacielo Intesa
L'annunciata cessione del ramo d'azienda porterebbe alla riduzione della retribuzione di oltre 100 euro al mese a 150 lavoratori
LUPI IN CANAVESE - Scontro tra Regione e Radicali sulle tutele
LUPI IN CANAVESE - Scontro tra Regione e Radicali sulle tutele
La Regione scrive al Ministero. Duro Silvio Viale: «L'assessore non sa ancora che Cappuccetto Rosso è solo una fiaba»
SAN FRANCESCO - Ripristinate alcune strade bianche in periferia
SAN FRANCESCO - Ripristinate alcune strade bianche in periferia
«I costi sostenuti per riqualificare queste zone sono stati di 18 mila euro, presi dal capitolo riguardante la viabilità»
VOLPIANO - Giorno della Memoria, due eventi per non dimenticare
VOLPIANO - Giorno della Memoria, due eventi per non dimenticare
Il Giorno della Memoria si celebra, su iniziativa delle Nazioni Unite, per commemorare le vittime dell'Olocausto
BOLLENGO - Dissesto idrogeologico: in arrivo 800 mila euro per i lavori
BOLLENGO - Dissesto idrogeologico: in arrivo 800 mila euro per i lavori
Il progetto prevede la realizzazione di una serie di interventi idraulici lungo il Rio Vignarossa ed il Rio Morto per la sicurezza
IVREA - Manifestazione contro la guerra sabato 25 gennaio in centro
IVREA - Manifestazione contro la guerra sabato 25 gennaio in centro
I promotori invitano anche gli eporediesi (e non solo) ad esporre la bandiera della pace nelle case e in tutti gli edifici
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore