REFERENDUM TRIVELLE - Le ragioni dell'astensionismo

| «Non sprechiamo la nostra energia e non sprechiamo il lavoro degli italiani»

+ Miei preferiti
REFERENDUM TRIVELLE - Le ragioni dellastensionismo
«Il referendum del 17 aprile rappresenta un grave pericolo per l'economia, per l''ambiente e per la democrazia italiana. I sostenitori del sì - i cosiddetti "No-Triv" e "No a Tutto" - prendono in giro gli italiani, li illudono che domenica potranno schierarsi a favore delle energie rinnovabili e contro le "trivelle". È falso: già oggi, per legge, non sono più possibili nuove concessioni di estrazione di gas e petrolio e nuove trivellazioni entro le 12 miglia marine dalla costa; il referendum riguarda esclusivamente piattaforme operanti da oltre 40 anni e che estraggono soprattutto gas naturale, in piena sicurezza e rispetto dell''ambiente. 
 
Dal 1965 non si è verificato alcun incidente, come sanno bene milioni di italiani che vivono nelle località marine a largo delle quali ci sono le piattaforme. Anzi, la legislazione italiana è considerata tra le più rigorose al mondo in materia di controlli ambientali e di sicurezza. Se dovessero vincere i sostenitori del referendum, entro pochi anni si interromperebbe un importate industria italiana, quella della produzione nazionale di gas naturale: migliaia di persone perderebbero il posto di lavoro (nel settore, lavorano 11mila persone ed altre 20mila circa nell'indotto) e l'Italia diventerebbe molto più dipendente energeticamente da paesi come la Russia, la Libia, l'Algeria, il Qatar e l'Arabia Saudita. Sono paesi instabili e non sempre "amici", di cui non possiamo fidarci. 
 
Se vince il sì, poi, ancora più navi petroliere attraverserebbero i nostri mari. I sostenitori del sì parlano di petrolio, ma la principale produzione delle piattaforme di estrazione è il gas naturale. E'' energia pulita, sicura, stabile: è l'energia dei nostri fornelli e delle nostre caldaie, ed è migliore del carbone (usato abbondantemente in Germania, ad esempio). Perché dovremmo bloccare la produzione italiana di gas? Non ci conviene affatto. Insieme alle rinnovabili, il gas italiano sarà un protagonista importante della riconversione energetica italiana perché è la più verde tra le fonti fossili. I veri ambientalisti siamo noi. Nel futuro dell'Italia c'è la sfida della riconversione energetica: la ricerca e lo sviluppo di nuove fonti rinnovabili e non inquinanti è iniziata da tempo e sta già producendo i suoi risultati. Dobbiamo continuare, con pragmatismo e innovazione. Ma c'è una fase transitoria, che sarà ancora molto lunga. 
 
Non sprechiamo la nostra energia e non sprechiamo il lavoro degli italiani. Come sostiene anche il presidente emerito della Repubblica Giorgio Napolitano, la Costituzione assegna a noi cittadini il diritto di dichiarare nullo un referendum, se la maggioranza degli elettori decide di astenersi dal voto. Il 17 aprile noi sceglieremo democraticamente e consapevolmente di non votare ad un referendum sbagliato e dannoso». Comitato referendario CANAVESE x l'astensione.
Politica
CANAVESE - Operativo il nuovo centro per la salute degli immigrati
CANAVESE - Operativo il nuovo centro per la salute degli immigrati
Il Servizio si rivolge ai cittadini stranieri non in regola e non iscrivibili al Servizio Sanitario Nazionale
TAVAGNASCO - Siglato il «gemellaggio» con Charantonnay
TAVAGNASCO - Siglato il «gemellaggio» con Charantonnay
In piazza del Municipio si è svolta la celebrazione dell'unione tra i due Comuni, con la lettura della Carta del Gemellaggio
IVREA - 80 posti di lavoro a rischio al Cic: incontro in Regione
IVREA - 80 posti di lavoro a rischio al Cic: incontro in Regione
La Regione Piemonte chiederà con urgenza un tavolo al Ministero dello Sviluppo economico per affrontare la situazione
RIVAROLO - Summit dei geometri al Castello Malgrà
RIVAROLO - Summit dei geometri al Castello Malgrà
Snellimento delle procedure burocratiche e velocizzazione delle pratiche. Sono queste le richieste principali che i geometri di Torino e Provincia rivolgono al nuovo governo insediatosi poco più di un mese fa
CANAVESE - 500 mila euro per gli studenti pendolari che partono dai paesi di montagna
CANAVESE - 500 mila euro per gli studenti pendolari che partono dai paesi di montagna
Si tratta di un contributo per l'acquisto degli abbonamenti al trasporto pubblico, per il prossimo anno scolastico, che favorirà la residenzialità nei Comuni posti a oltre 600 metri di altitudine, limitando abbandono e spopolamento
MONTALTO DORA - La Fasti ha ottento il «Bollino per l'Alternanza»
MONTALTO DORA - La Fasti ha ottento il «Bollino per l
Un riconoscimento per le imprese associate a Confindustria che si distinguono per i percorsi di alternanza scuola-lavoro
CUORGNE' - Puliti i canali per evitare guai in caso di nubifragi
CUORGNE
«Sono azioni di prevenzione che rientrano nell’ambito del progetto Cuorgnè più Sicura», dice il sindaco Beppe Pezzetto
LOCANA - Taglio del nastro per la nuova centralina idroelettrica
LOCANA - Taglio del nastro per la nuova centralina idroelettrica
Alla cerimonia il sindaco Giovanni Bruno Mattiet insieme all'onorevole Alessandro Giglio Vigna e alla Senatrice Virginia Tiraboschi
CASTELLAMONTE - L'ex asilo va in malora: è scontro politico - FOTO
CASTELLAMONTE - L
Allarme degrado a Preparetto. Da quando la vecchia gestione ha lasciato la frazione, la struttura è stata abbandonata
RIVAROLO - Addio zona blu... ma solo ad agosto
RIVAROLO - Addio zona blu... ma solo ad agosto
Arriva il mese di agosto e, come consuetudine, va in vacanza anche la sosta a pagamento
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore