RIVAROLO - Comune commissariato: «Panorama» assolve Bertot. Interrogazione parlamentare della Gelmini

| Il settimanale ha dedicato un intero servizio sullo scioglimento del consiglio comunale di Rivarolo Canavese per infiltrazioni mafiose. Diversi parlamentari chiedono chiarezza. Risposta immediata da parte di Libera

+ Miei preferiti
RIVAROLO - Comune commissariato: «Panorama» assolve Bertot. Interrogazione parlamentare della Gelmini
Assoluzione piena per l'ex sindaco di Rivarolo Canavese, Fabrizio Bertot, e tanti dubbi sul commissariamento del Comune. Il settimanale «Panorama» (pubblicato da Mondadori) ha dedicato un intero servizio, nel numero ancora in edicola in questi giorni, sullo scioglimento del consiglio comunale di Rivarolo Canavese per infiltrazioni mafiose. Riportando dichiarazioni di parlamentari del centrodestra pronti a chiedere chiarezza su quanto accaduto dopo l'operazione Minotauro. Rivarolo, infatti, venne commissariato nel 2012 senza che nessun amministratore in carica fosse indagato per 'ndrangheta. Il segretario generale, Antonino Battaglia, lui si finito sotto inchiesta e arrestato dai carabinieri, ha visto derubricato il reato mafioso dalla Corte di cassazione in reato elettorale semplice. Da qui i dubbi sull'operato dell'allora commissione d'indagine e sull'allora ministro dell'interno, Anna Maria Cancellieri.

Dubbi palesati dal settimanale e rimarcati (oltre che dall'ex sindaco di Forza Italia) anche dal vicepresidente del Senato, Maurizio Gasparri che, al giornale, dichiara: «C'è stato un approccio superficiale, non ci sono stati riscontri adeguati, sono mancati i controlli e l'intera procedura ha dimostrato limiti pesanti». Sempre nel Pdl, Mariastella Gelmini ha anche presentato un'interrogazione parlamentare per chiedere conto di quanto avvenuto a Rivarolo. Dubbi espressi (in senso più generale) anche dal senatore Pd, Stefano Esposito che, secondo quanto riporta Panorama, conferma che «la normativa sugli scioglimenti andrebbe rivista se si vuole contrastare la mafia in modo davvero efficace».

Insomma, anche in parlamento si torna a discutere di Rivarolo Canavese e del suo commissariamento per mafia. L'associazione OpenPolis che si occupa di «open government», nel suo dossier ha rilevato che dal 1991 al 2014 sono stati sciolti per mafia 258 Comuni in tutta Italia. «Il dibattito sulla materia è sempre molto acceso, specie per il suo notevole peso sulle dinamiche politiche dell'ente locale». Particolarmente significativo è stato l'arrivo del governo tecnico guidato da Mario Monti nel 2012, quando i decreti di scioglimento per infiltrazioni mafiose sono aumentati del 380%. Tra questi anche quelli di Rivarolo e Leini.

Di diverso avviso, invece, Libera, l'associazione di Don Ciotti che ha pubblicato, nei giorni scorsi, una «risposta» all'uscita di Panorama, andando a rileggere la sentenza della Corte di Cassazione. «La decisione di derubricare il reato è frutto di un’interpretazione del nuovo 416 ter, approvato dopo la commissione del reato di Battaglia. Si legge, nel merito, quanto segue: “In conclusione deve ritenersi che nel caso di specie, nel quale, secondo la ricostruzione della Corte territoriale, non vi fu, a fronte della promessa, effettiva erogazione della somma richiesta, non risulta ravvisabile il reato contestato nella formulazione vigente al momento della condotta”.

In sostanza, l’imputato non è stato condannato per 416ter perché, al momento della commissione del reato, la norma esistente prevedeva lo scambio voti a favore di denaro, mentre nella nuova formulazione è sufficiente che ci sia la promessa del pagamento. Ma quale sarebbe la condotta di Antonino Battaglia? Nelle carte si ricostruisce il “patto” siglato dallo stesso Battaglia e da Macrì (anche per lui è il reato è stato derubricato) con Giuseppe Catalano, boss della ‘ndrangheta a Torino, per portare voti a Fabrizio Bertot, candidato alle Europee del 2009.

L’ex segretario era consapevole a chi stesse chiedendo aiuto per l’elezione di Bertot. La Cassazione conferma: «La ricerca dei voti costituiva il precipuo interesse dell’azione e che peraltro fin dall’inizio era stata individuata quella rete dei calabresi, con la consapevolezza che la stessa avesse implicazioni malavitose, legate a quel tipo di fratellanza». Libera aggiunge anche un'importante postilla, interamente dedicata all'ex sindaco di Rivarolo. «Fabrizio Bertot, invece, mai indagato per nessun tipo di reato, è stato il  beneficiario del patto . Presente al pranzo elettorale tenuto al Bar Italia, con il ghota della ’ndrangheta, secondo la sentenza di Cassazione era consapevole del bacino elettorale a cui stava chiedendo sostegno perché era “interessato ad avvalersi della rete dei calabresi e peraltro consapevole per sua ammissione del fatto che laria Giovanni era a sua volta un noto malavitoso».

Politica
CIRIE' - Posizionati i cartelli che insegnano il «vivere civile»
CIRIE
Sono 25 i cartelli dedicati al decoro urbano e al rispetto degli altri, che verranno presto affissi sul territorio comunale
VOLPIANO - Il Ministero finanzia i lavori per il rio San Giovanni
VOLPIANO - Il Ministero finanzia i lavori per il rio San Giovanni
Approvato un finanziamento a fondo perduto a favore del Comune di Volpiano di 680mila euro per la sistemazione idraulica
IVREA - Le frasi contro gli zingari di Giorgia Povolo diventano un caso nazionale
IVREA - Le frasi contro gli zingari di Giorgia Povolo diventano un caso nazionale
Si continua a discutere del post contro gli zingari pubblicato su Facebook, a gennaio, dall'attuale assessore alle politiche sociali del Comune di Ivrea
CANAVESE - Lavori post maltempo: rimosse le frane a Belmonte e in Valchiusella
CANAVESE - Lavori post maltempo: rimosse le frane a Belmonte e in Valchiusella
I tre servizi di viabilità della Città metropolitana di Torino hanno effettuato molteplici interventi per una cifra complessiva stimata intorno ai 900 mila euro
MAPPANO - Disastro 46: l'Agenzia per la mobilità chiede lumi alla Gtt
MAPPANO - Disastro 46: l
Anche l'Agenzia per la Mobilità Piemontese, dopo i solleciti, ha chiesto conto a Gtt dei disservizi segnalati dai cittadini
IVREA - «Zingari zecche e parassiti»: l'assessore Povolo risponde alle critiche per il suo post
IVREA - «Zingari zecche e parassiti»: l
«Si tratta di parole scritte in un momento di grande rabbia e panico, a seguito di un brutto furto, il primo che io abbia subito». Si giustifica così Giorgia Povolo, assessore alle politiche sociali del Comune di Ivrea
COLLERETTO G. - Conicella è il presidente dei Parchi Scientifici
COLLERETTO G. - Conicella è il presidente dei Parchi Scientifici
Conicella è il direttore generale di Bioindustry Park Silvano Fumero Spa di Colleretto Giacosa. E' stato nominato a Milano
VALCHIUSELLA - Unione tra Vico, Meugliano e Trausella: vince il Si
VALCHIUSELLA - Unione tra Vico, Meugliano e Trausella: vince il Si
A Trausella, però, a sorpresa, si sono imposti i contrari, nell'unico Comune in cui, tra l'altro, l'affluenza ha superato il 50%
IVREA - Post dell'assessore leghista su Facebook: «Zingari zecche e parassiti». Il centrosinistra insorge
IVREA - Post dell
Un post contro gli zingari scatena la polemica politica ad Ivrea. Il Partito Democratico ha presentato un'interpellanza al sindaco Stefano Sertoli per le affermazioni dell'assessore leghista alle politiche sociali, Giorgia Povolo
CASTELLAMONTE - Migranti: per la Lega «c'è falsa accoglienza»
CASTELLAMONTE - Migranti: per la Lega «c
«Il concetto di accoglienza funziona se viene tutelata la dignità umana di chi scappa da situazioni estreme nel paese di origine»
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore