RIVAROLO - I dubbi del comitato sulla centrale a biomassa

| Non bruciamoci il futuro ribadisce la necessità di un sistema che garantisca la totale trasparenza dei controlli

+ Miei preferiti
RIVAROLO - I dubbi del comitato sulla centrale a biomassa
Una raffica di domande sono state poste ai tecnici di Arpa e Provincia, da parte del comitato Non bruciamoci il futuro, nel corso dell'incontro organizzato dall'amministrazione comunale che si è tenuto la scorsa settimana a palazzo Lomellini. Mancano, al momento, copia delle relazioni sulla tipologia e l'origine della biomassa bruciata nella centrale e i verbali dei sopralluoghi dell'Arpa, che il comitato ha richiesto tramite istanza di accesso agli atti. Resta da capire se il comitato può effettivamente ottenere quella documentazione (richiesta a gennaio e sollecitata già due volte) o se, per qualche motivo, risulti riservata. 
 
«Durante l'incontro abbiamo chiesto spiegazioni alle numerose incongruenze riscontrate sui dati SME (Sistema Monitoraggio Emissioni) nel periodo 1 gennaio-16 maggio 2014 - dicono dal Comitato - come è possibile, per uno SME in autocontrollo, trasmettere lo stato impianto fermo (esempio di giovedì 9 gennaio e martedì 21 gennaio 2014) mentre contemporaneamente dal camino sembra elevarsi con evidenza il fumo? Come è possibile che numerosi superamenti del limite delle emissioni sembrano coincidere con repentini cambiamenti di stato dell'impianto (spegnimento SP, accensione AC) per poi tornare prontamente allo stato di servizio regolare? Come è possibile che sia sufficiente comunicare ad Arpa uno sforamento dei limiti entro le 24 ore per poter essere giustificati (caso del 28 ottobre 2013)? Come è possibile che su 3.240 ore (1 gennaio-16maggio 2014) si possono contare sino a 465 ore in cui non è valido (sigla NV) il valore del carbonio organico totale (COT), 370 ore in cui non è valido il valore delle polveri (PLV), 266 ore in cui non è valido il valore dell'ossido di azoto (NOx)?»
 
«Arpa - confermano dal comitato - ha di nuovo evidenziato che tutti i limiti di legge sono a tutt'oggi rispettati dall'impianto e che loro continueranno a controllare e vigilare per garantire la sicurezza a tutta la popolazione. Pensiamo sia necessario un rigoroso approfondimento poiché, pur nel rispetto dei limiti di legge (limiti nel nostro caso molto elevati), questo non equivale a dire che l'impianto non inquina come ci insegnano diversi esempi tipo la Centrale di Vado ligure».
 
La richiesta è stata ribadita ancora una volta: serve un sistema che garantisca in totale trasparenza, controlli continui sulla natura del materiale che viene (e verrà nel tempo) bruciato all'interno dell'impianto e sulla sua provenienza. «Analogamente, in totale trasparenza, il sistema dovrà garantire un rigoroso controllo in continuo sui fumi che usciranno dal camino e sul trattamento dei rifiuti prodotti (polveri, ceneri, acque di scarico)».
Politica
CUORGNE' - La scommessa da vincere è lo sport come turismo
CUORGNE
Summit in municipio, l'altra sera, tra le associazioni sportive di Cuorgnè e l'assessore regionale Giovanni Maria Ferraris
CANAVESE - Cittadini soddisfatti del proprio territorio: «Ma non è il posto migliore dove vivere»
CANAVESE - Cittadini soddisfatti del proprio territorio: «Ma non è il posto migliore dove vivere»
Un'analisi puntuale del territorio. E' quella che al teatro Giacosa è emersa durante la serata dedicata al futuro del territorio nord-ovest e, in particolare, al futuro del Canavese. Una serata promossa dal quotidiano La Stampa
AGLIE' - In castello il summit delle Pro loco della provincia
AGLIE
Saranno presenti i principali rappresentanti dell’UNPLI Torino e Piemonte
CUORGNE' - Anziana bloccata per la neve: intervengono i carabinieri
CUORGNE
«Purtroppo abbiamo verificato e si tratta di strada privata – spiega l’assessore Silvia Leto - dove il Comune non può intervenire»
IVREA-BORGOFRANCO - Nasce «Pascal» per una mobilità sostenibile
IVREA-BORGOFRANCO - Nasce «Pascal» per una mobilità sostenibile
Nuovo progetto di mobilità sostenibile lanciato dalla Città metropolitana di Torino in partenariato con 16 Comuni, due in Canavese
CASTELLAMONTE - Lavori rinviati a scuola: «Maddio come Pinocchio»
CASTELLAMONTE - Lavori rinviati a scuola: «Maddio come Pinocchio»
Duro affondo della minoranza dopo l'annuncio del rinvio dei lavori per l'ascensore delle elementari alle vacanze di Pasqua
CUORGNE' - Muore l'ex segretario comunale Antonio Berta
CUORGNE
Il cordoglio del sindaco Beppe Pezzetto e di tutta la macchina comunale
CUORGNE' - Caldaia rotta: bimbi al fresco alla scuola elementare Peno
CUORGNE
«Purtroppo una caldaia su tre della scuola elementare Aldo Peno è fuori uso», conferma l'assessore Pieruccini. Lavori a giorni
CASTELLAMONTE - Approvata la convenzione per i vigili del fuoco
CASTELLAMONTE - Approvata la convenzione per i vigili del fuoco
Un atto formale ma di grande importanza per garantire ai pompieri volontari della città la completa fruizione dei nuovi spazi
RIVAROLO - La prima cittadinanza italiana del 2017
RIVAROLO - La prima cittadinanza italiana del 2017
Ana Ilioi è stata la prima rivarolese ad ottenere nel 2017 la cittadinanza italiana
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore