RIVAROLO - Il Comune studia un «peduncolo» per ridurre il traffico

| Incontro tra il Comitato Mobilità e Sviluppo Alto Canavese, il sindaco Alberto Rostagno e l'assessore Francesco Diemoz

+ Miei preferiti
RIVAROLO - Il Comune studia un «peduncolo» per ridurre il traffico
Riceviamo e pubblichiamo dal Comitato Mobilità e Sviluppo Alto Canavese.

A seguito di richiesta dell’11 aprile 2018 fatta dal Comitato MSAC all’Assessore all’Urbanistica del Comune di Rivarolo Canavese, sì è tenuto in data 18 aprile 2018 un incontro con il Sindaco, Alberto Rostagno, l’Assessore all’Urbanistica, Francesco Diemoz, ed il professionista estensore della bozza di Variante  Generale del PRGC, Arch. Giancarlo Paglia
Per il Comitato erano presenti i sigg. Flavio Vacca, Graziano Colacicco, l’Architetto Livio Leone ed il consulente tecnico Geometra Aldo Raimondo. L’incontro aveva lo scopo di ricevere dall’Amministrazione i ritorni sull’Osservazione alla Variante Generale del PRGC in merito alle  richieste e alle proposte presentate a suo tempo dal Comitato (Circonvallazione e possibile soluzione alternativa).

La riunione si è svolta in un clima disteso e privo di polemiche, dove sono stati affrontati in maniera pragmatica e fattuale i problemi legati al traffico rivarolese rispetto alla Variante del PRGC in corso di elaborazione e alla richiesta del Comitato di inserire la Circonvallazione nella variante. I rappresentanti del Comune hanno ancora una volta spiegato le ragioni della non possibilità di inserimento della Circonvallazione nel PRGC, e il Comitato ha ribadito la necessità dell’opera. Pur nella differenza di vedute, si è esaminata la possibilità di alternative, e l’Assessore Diemoz ha offerto la possibilità di una soluzione, che incontra parzialmente una proposta fatta dal Comitato stesso nell’Osservazione della Variante, a suo tempo depositata.

Allo scopo di alleggerire il traffico veicolare (compreso quello pesante) dall’asse corso Torino – Corso Indipendenza, è stato previsto nella bozza di Variante   presentata alla Conferenza dei Servizi  il cosiddetto “Peduncolo”, come lo ha  definito l’Architetto Diemoz.Il Peduncolo partirebbe dalla rotonda di Piazza Massoglia, correrebbe lungo una preesistente sterrata (ora strada di cantiere) per andarsi a collegare con la str ada che porta all’accesso veicolare del Polisportivo. Una rotonda lo collegherebbe con via Trieste per poi condurre il traffico ad un’altra rotonda in fase di ultimazione, e a sua volta verso corso Indipendenza, dove sfocerebbe attraverso un’altra rotonda da costruirsi.

Questo per tamponare la situazione nel breve: in un’ottica di lungo periodo, e premesso che si possa accedere a fondi che permettano un’adeguata difesa spondale, si potrebbe poi prolungare il Peduncolo  dal Polisportivo  verso Vesignano (creando un “secondo tronco” di Peduncolo in direzione Vesignano.) La soluzione, pur non essendo ottimale, è parsa al Comitato utile allo scopo di alleggerire il traffico, valutandola quindi positivamente, come anche l’espressione della volontà  da parte dell’Amministrazione – in futuro  - di proseguire il tratto verso Vesignano  previa adeguati lavori spondali. Vi è, a detta dell’Amministrazione, una buona probabilità che tale assetto venga accettato dagli Enti Superiori nella nuova Variante.

E’ stata altresì apprezzata dal Comitato un’ulteriore alternativa per l’alleggerimento del traffico pesante, cioè di deviarlo sul tratto Ponte dell’Orco di Rivarolo – Ozegna Circonvallazione – SP 222 – SS565 verso ponte di Salassa e poi immissione in rotonda. Tale azione potrà essere messa in campo quando l’incrocio tra la SS 565 e la SP 222 (prima di Castellamonte) sarà messo in sicurezza (una delle battaglie portate avanti dal Comitato). La riunione è terminata con la disponibilità a incontrarsi nuovamente, ove necessario, sui temi attinenti la circolazione ed il traffico.

Politica
PONTE PRETI - La Città metropolitana assicura: «300 mila euro per la sicurezza»
PONTE PRETI - La Città metropolitana assicura: «300 mila euro per la sicurezza»
«Il ponte Preti è una struttura ben diversa dal ponte dell'autostrada A10 crollato a Genova ed è una struttura monitorata in continuo dal nostro servizio Viabilità»
PONTE PRETI - Il ponte è pericoloso? Bozzello: «Fermiamo subito i camion»
PONTE PRETI - Il ponte è pericoloso? Bozzello: «Fermiamo subito i camion»
Dopo il crollo del viadotto Morandi a Genova, anche in Canavese si sono moltiplicate le segnalazioni di ponti «problematici» perchè vecchi e (forse) alle prese con una scarsa manutenzione
CUORGNE' - Due tirocinanti diventano cantonieri per sei mesi
CUORGNE
«Un'iniziativa che si inserisce nell'ambito degli interventi a favore di soggetti svantaggiati ed in situazione economica precaria», dice il sindaco Pezzetto
IVREA - Parte il corso per le nuove Guardie Ecologiche Volontarie
IVREA - Parte il corso per le nuove Guardie Ecologiche Volontarie
Le lezioni si svolgeranno in più sedi contemporaneamente, collegate via video: Torino, Pinerolo, Susa, Lanzo e Ivrea
MAPPANO - Procedura finita, il Mercatone Uno può riaprire
MAPPANO - Procedura finita, il Mercatone Uno può riaprire
Con le cessioni è stata, pertanto, garantita la salvaguardia occupazionale di 2.304 dipendenti pari a circa l'85% del totale
CUORGNE' - Via le barriere architettoniche alla materna e in Manifattura
CUORGNE
«Abbiamo dato corso ad interventi attesi da lungo tempo in particolare presso la scuola», sottolinea l'assessore Lino Giacoma Rosa
CANAVESE - «Inutile sparare ai lupi ma servono azioni a tutela di chi lavora in montagna»
CANAVESE - «Inutile sparare ai lupi ma servono azioni a tutela di chi lavora in montagna»
Così Marco Bussone, Presidente nazionale Uncem (Unione Comuni, Comunità ed Enti montani) in merito alla notizia relativa alla proposta di sparare ai lupi con proiettili di gomma. Quello dei lupi è un problema sentito anche in Canavese
RIVARA - Strada stretta: borgata inaccessibile dalle ambulanze - FOTO
RIVARA - Strada stretta: borgata inaccessibile dalle ambulanze - FOTO
Riceviamo da Belboschetto una segnalazione di disagi e problematiche legate alla strada che collega il centro abitato
BORGARO - Defibrillatore in piazza Agorà: città cardioprotetta
BORGARO - Defibrillatore in piazza Agorà: città cardioprotetta
Il defibrillatore è stato poi consegnato alla dottoressa Stefania Scagliola, responsabile della farmacia numero 13 dell'Asm
LEINI - Problemi di sicurezza: chiude il parco «Grande Torino»
LEINI - Problemi di sicurezza: chiude il parco «Grande Torino»
«Sono emerse delle problematiche gravi, legate anche alla cattiva manutenzione», conferma il vicesindaco Fabrizio Troiani
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore