RIVAROLO - Il milione di euro lo paghi Bertot: M5S all'attacco

| «Non è ammissibile che a pagare sia sempre e solo il cittadino. Bertot si assuma le responsabilità del suo gesto»

+ Miei preferiti
RIVAROLO - Il milione di euro lo paghi Bertot: M5S allattacco
Non si placa la polemica sull'ex sindaco Fabrizio Bertot dopo la stangata del tribunale di Bologna che obbliga in solido il Comune di Rivarolo a pagare un milione di euro alla Locat Leasing, la finanziaria del gruppo Unicredit. "Colpa" dei debiti accumulati nella realizzazione dell'area expo e del teatro (ora pignorati) da parte della Rivarolo Futura. Dopo il Pd e Marina Vittone di "Rivarolo Sostenibile", anche il Movimento 5 Stelle va all'attacco dell'ex primo cittadino di Rivarolo.

«Il 2015 per la nostra città inizia nel peggiore dei modi, la tanto temuta stangata del debito di “Rivarolo Futura” alla fine è arrivata. I timori che già avevamo espresso in campagna elettorale si sono rivelati reali e purtroppo la paura è che questo sia solo l’inizio! La gestione scriteriata attuata dall’amministrazione Bertot sta dando i suoi frutti negativi e i rivarolesi ne dovranno pagare le conseguenze sia in termini economici quanto di probabile stallo che potrebbe essere causato dallo sforamento del patto di stabilità per il pagamento del risarcimento alla Locat.
 
Come forza politica chiederemo di riunire urgentemente la Commissione Bilancio per capire dall’Assessore al  Bilancio e dai tecnici della ragioneria quali saranno le conseguenze per il nostro ente e per i cittadini. Auspichiamo che la giunta Rostagno decida di rendere il Comune parte offesa e di attuare tutte le azioni possibili per rivalersi sugli attori di tale disastro perché se c’è stato e si configura un danno erariale qualcuno ne dovrà rispondere in solido! Non è ammissibile che a pagare sia sempre e solo il cittadino! Il precedente Sindaco si era fatto garante di un prestito ben conscio che il Comune non avrebbe potuto coprire? Bene, che ora si assuma le responsabilità di tale gesto».
Politica
VESTIGNE' - La Lega Nord Canavese festeggia il Natale con Molinari
VESTIGNE
Sarà ospite in Canavese il segretario nazionale della Lega Nord Piemont, Riccardo Molinari
SANITA' - Il 26 gennaio apre la nuova ala dell'ospedale di Chivasso
SANITA
La conferma è arrivata al termine di un incontro con l'assessore regionale alla Sanità, Antonio Saitta
OGLIANICO-RIVAROLO - Dal Ministero arriva quasi un milione di euro
OGLIANICO-RIVAROLO - Dal Ministero arriva quasi un milione di euro
Servirà per completare lo scolmatore dal rio Levesa al Gallenca a salvaguardia dei centri di Salassa, Oglianico e Rivarolo
SANITA' - L'Asl risponde al sindacato dopo l'esposto in procura: «Negli ultimi tre anni personale aumentato»
SANITA
Dopo l'esposto in procura presentato dal Nursind, l'Asl To4 risponde alle sollecitazioni del sindacato sulla carenza di personale al pronto soccorso in vista anche dell'iperafflusso nei reparti d'urgenza di tutto il Canavese
PONT CANAVESE - Una lettera sul nuovo polo scolastico
PONT CANAVESE - Una lettera sul nuovo polo scolastico
«Pont è un microcosmo che può offrire tutti quegli spunti d'osservazione che riconducono agli stilemi amministrativi e politici della nostra penisola»
CUORGNE' - Parcheggi a pagamento: ecco dove, come e quando
CUORGNE
Per la prima volta la città delle due torri sperimenterà la zona blu in centro. Subito polemiche da parte dei cuorgnatesi
LEINI - Si dimette l'assessore al bilancio del Comune, Marco D'Acri
LEINI - Si dimette l
Motivi professionali alla base della decisione: «Non sono più in grado di garantire quella presenza che la carica impone»
CASTELLAMONTE - Lavori in corso in diversi punti della città
CASTELLAMONTE - Lavori in corso in diversi punti della città
Nei giorni scorsi, a Castellamonte, sono partiti alcuni lavori di manutenzione richiesti da parecchio tempo al Comune
IVREA - Imprenditori a lezione in Confindustria
IVREA - Imprenditori a lezione in Confindustria
Parte un percorso formativo organizzato per aiutare le aziende a superare sfide e barriere nei mercati internazionali
CUORGNE' - Chiude (ancora una volta) il bocciodromo di via Braggio: diventerà una palestra?
CUORGNE
L'impianto sportivo, entro la fine dell'anno, perderà il gestore e rimarrà, ancora una volta, una cattedrale nel deserto. La posa del primo mattone risale al 1990. Poi uno stop di 23 anni. Le bocce, però, evidentemente «non tirano»
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore