RIVAROLO - «Il sindaco ha lottato da solo per tutelare i cittadini»

| Riceviamo e pubblichiamo il comunicato del gruppo di minoranza «Rivarolo Sostenibile» sulla centrale a biomassa

+ Miei preferiti
RIVAROLO - «Il sindaco ha lottato da solo per tutelare i cittadini»
Sul probabile rinnovo delle autorizzazioni all'esercizio della centrale a biomassa dell'ex Vallesusa di Rivarolo Canavese, riceviamo e pubblichiamo il comunicato del gruppo di minoranza «Rivarolo Sostenibile» che era presente alla conferenza dei servizi di giovedì scorso a Torino.

«Rivarolo Sostenibile» era presente con il Capogruppo Marina Vittone e con il Presidente Paolo Bettarello, in qualità di uditori, alla Conferenza dei Servizi che si è tenuta Giovedì 16 giugno 2016 presso gli uffici della Città Metropolitana di Torino. Argomento dell’incontro il rinnovo dell’autorizzazione alle emissioni in atmosfera e agli scarichi fognari della Centrale a biomassa di Rivarolo. Confinati nel semplice “ruolo di uditori”, senza possibilità di intervenire, quando invece avremmo voluto “urlare” le ragioni del NO dei cittadini del Comune di Rivarolo. Abbiamo visto un Sindaco lottare, da solo, per difendere l’interesse dei cittadini, appellarsi, inascoltato, alla difesa della salute pubblica.

L’Assessore all’Urbanistica, che accompagnava il Sindaco, si è dimostrato poco incisivo, titubante nelle richieste esposte e allo stesso tempo timoroso nei confronti del colosso aziendale che aveva di fronte, tanto meno è stato utile il funzionario comunale, più che altro preoccupato di capire quale fosse la procedura autorizzativa da adottare per le  eventuali opere, connesse all’impianto, ancora da realizzare (ad esempio la proposta tettoia per la copertura del cippato o la risistemazione del piazzale antistante l’impianto); assente giustificato l’esperto del Politecnico incaricato dal Comune, per cui non era neppure reperito un sostituto!

Non basta invitare i rappresentanti politici della Città Metropolitana durante il taglio del nastro del nuovo Polo scolastico o all’inaugurazione della “Nuova Fiera del Canavese”, vanno coinvolti nelle questioni amministrative dei Comuni, interessati alle situazioni legislative in cui gli enti locali, loro malgrado, si trovano a non contare più nulla, come in quella proposta dal D.Lgs. 387/2003, in cui l’Autorizzazione Unica in capo alla Città Metropolitana diventa “sostitutiva” di tutti i pareri e le autorizzazioni altrimenti necessari. Sembra che, in base a questo principio e in nome della semplificazione e accelerazione delle procedure per la realizzazione e gestione degli impianti alimentati da fonti energetiche rinnovabili, l’Autorizzazione unica possa “scavalcare” qualsiasi tipo di pianificazione urbanistica dell’ente locale.

Se da un lato, l’azienda si è dichiarata disposta a soddisfare le richieste dell’Amministrazione comunale e ha sostenuto di aver allacciato l’impianto alla rete di tele riscaldamento cittadina e di aver introdotto correttivi per l’ulteriore abbattimento delle emissioni in atmosfera, dall’altro, ha predisposto progetti non definitivi per le opere accessorie, preventivi di spesa per l’acquisto di nuove torri evaporative meno impattanti dal punto di vista acustico e preventivi di spesa per la fideiussione a garanzia delle opere di rispristino dei luoghi a fine vita dell’impianto: progetti, preventivi, dichiarazioni di intenti - carta, parole, non fatti. Un’autorizzazione definitiva potrebbe essere rilasciata su queste basi? E’ come se i cittadini, alla scadenza delle tasse comunali da pagare, facessero pervenire una missiva al Comune dicendo che hanno intenzione di pagare, ma non effettuassero il versamento! Le conseguenze sarebbero di ben altro tipo!

Come si concilia, inoltre, quanto previsto dalla norma e cioè che entro la data in cui è prevista la riunione conclusiva della Conferenza dei servizi il proponente debba fornire la documentazione che dimostri la disponibilità del suolo su cui è ubicato l’impianto? E’ di dominio pubblico che proprio su questa materia sia pendente un ricorso avanti al Tar del Piemonte, ove il Comune di Rivarolo si è costituito in giudizio. In conclusione: se, per usare un paragone calcistico, la partita di andata “giocata fuori casa”, potrebbe portare una sconfitta, la partita di ritorno, giocata sul campo comunale, potrebbe riservare delle sorprese. Sempre che i giocatori, rincuorati dai tifosi, ritrovino un po’ di coraggio».

Dove è successo
Politica
RIVAROLO - Elezioni Eaton: vince la Uilm Canavese
RIVAROLO - Elezioni Eaton: vince la Uilm Canavese
La Uilm del Canavese è l’organizzazione più votata in azienda con il 51.56%
FERROVIA CANAVESANA - La Cgil contro Gtt e Regione Piemonte: «Siamo delusi e incazzati»
FERROVIA CANAVESANA - La Cgil contro Gtt e Regione Piemonte: «Siamo delusi e incazzati»
Oggi prima giornata senza treni sulla Rivarolo-Pont Canavese e nessuna soppressione a sorpresa (almeno salvo imprevisti in serata) sulla tratta Rivarolo-Torino Porta Susa. Il sindacato, intanto, se la prende con azienda e Regione
RIVAROLO - La scuola di Argentera intitolata al maestro Caligaris
RIVAROLO - La scuola di Argentera intitolata al maestro Caligaris
A 18 anni dalla prima richiesta, la scuola primaria della frazione ha finalmente un nome, a ricordo di una persona illustre
RIVABANCA - I soci di Alba hanno approvato la fusione con Rivarolo e Rivara: si rafforza la Banca del Canavese
RIVABANCA - I soci di Alba hanno approvato la fusione con Rivarolo e Rivara: si rafforza la Banca del Canavese
Ospite d’eccezione all'assemblea il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani che ha assistito, oltre al via libera alla fusione con RivaBanca, anche al voto favorevole per l'ingresso di Banca d'Alba e del Canavese in Iccrea
ECONOMIA - Lo sviluppo del Canavese (ri)parte da 113 progetti: è il nuovo Piano di Sviluppo. Ora si cercano i soldi
ECONOMIA - Lo sviluppo del Canavese (ri)parte da 113 progetti: è il nuovo Piano di Sviluppo. Ora si cercano i soldi
Il Piano di Sviluppo del Canavese, presentato a Colleretto Giacosa, poggia su cinque assi tematici: Industria e attività produttive, Infrastrutture e trasporti, Formazione e istruzione, Turismo cultura e sport, Sanità e welfare
OZEGNA - Grande festa per l'autonomia del Comune - FOTO
OZEGNA - Grande festa per l
Ricorrenza storica per il Comune che oggi ha celebrato i 70 anni della propria riconquistata autonomia dopo la guerra
PONT CANAVESE - In autunno i lavori per la nuova scuola: il sindaco Coppo difende il progetto - FOTO
PONT CANAVESE - In autunno i lavori per la nuova scuola: il sindaco Coppo difende il progetto - FOTO
Affollata assemblea sul progetto della nuova scuola, venerdì sera, a Pont Canavese. L'opinione pubblica è divisa tra i favorevoli e i contrari alla proposta dell'attuale amministrazione comunale. Costo dei lavori 1,5 milioni di euro
PONT CANAVESE - No alla scuola: «Inutile e costosa: speriamo che il sindaco sia un Rockefeller della finanza»
PONT CANAVESE - No alla scuola: «Inutile e costosa: speriamo che il sindaco sia un Rockefeller della finanza»
Tra gli interventi quello del consigliere di minoranza Walter Portacolone (che anche in consiglio ha sempre esternato le sue perplessità) e dell'ex amministratore Massimo Motto
CASTELLAMONTE - Elezioni: Giovanni Maddio presenta il programma
CASTELLAMONTE - Elezioni: Giovanni Maddio presenta il programma
Giovanni Maddio e tutti i candidati della lista «Per la nostra terra, per la nostra città», hanno presentato il programma elettorale alla Casa della Musica
OZEGNA - Tutto il paese festeggia la rinascita del Comune autonomo
OZEGNA - Tutto il paese festeggia la rinascita del Comune autonomo
Nel 1929 il regime fascista impose a Ozegna, così come ad altri Comuni della zona, di diventare una frazione di Agliè
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore