RIVAROLO - Il viale senza nome diventa via Monsignor Bosio

| Il sindaco Rostagno intitola un'altra via. Questa volta scelta una strada ufficialmente senza nome che sarà dedicata all'ex parroco

+ Miei preferiti
RIVAROLO - Il viale senza nome diventa via Monsignor Bosio
Sarà intitolato a Monsignor Mario Bosio il viale alberato al fondo di via Ivrea formalmente senza nome. La cerimonia domenica 25 settembre alle 12, nell'ambito del festeggiamenti per la patronale di San Michele. Monsignor Mario Bosio era nato a Montanaro il 29 novembre del 1917. Intraprese gli studi da seminarista dopo aver ricevuto l'ordinazione presbiteriale da monsignor Paolo Rostagno il 2 giugno del 1940. Viene prima assegnato alla comunità di Azeglio ed in seguito, come vice parroco, a Feletto. Nel 1948 lascia la parrocchia felettese per affiancare a Rivarolo Canavese il parroco e teologo Vincenzo Stragiotti. Don Bosio diventa parroco di San Michele a Rivarolo nel 1950, su nomina del vescovo Rostagno. 
 
Elemento tangibile della sua opera in città fu la ripresa, da lui fortemente voluta, della distribuzione del bollettino parrocchiale, precedentemente interrotta dai turbolenti anni della guerra. Una via, come diceva spesso, «per essere nelle case di ognuno». Don Mario si rese protagonista di un evento molto importante della storia di Rivarolo: il completamente dei lavori di costruzione della chiesa di San Michele, iniziati nel 1759 dall'allora parroco don Antonio Ghizzardi e dall'allora sindaco Viani, i quali posero la prima pietra della chiesa più famosa e visitata di Rivarolo. I lavori, però, si arrestarono nella parte alta dell'edificio e vennero ripresi solo grazie all'interessamento di don Mario. 
 
Fu una vita spirituale e di grande lavoro per la comunità di Rivarolo, quella di don Mario. Persino il Papa, Giovanni Paolo II, invocò sul parroco rivarolese la Benedizione Apostolica. Un semplice uomo di chiesa ma dalle grandi qualità. Una persona di grande statura morale. Forse questo è il ricordo autentico da tramandare. Quello di un uomo che, con coraggio e determinazione, ha affrontato le difficoltà, difendendo la sua scelta di fedeltà al ministero sacerdotale anche nei momenti problematici per la vita della chiesa. Nel 1944, ostaggio insieme ad altri tra le mura dell'oratorio di Feletto in fiamme, sotto il tiro delle sentinelle tedesche, s'impose contro la violenza per poter continuare a celebrare la Messa di ogni giorno. Rischiando la vita come viene richiesto agli uomini di Dio.
 
Ricevette l'onirificenza della nomina a Cappellano di Sua Santità e l'appellativo di Monsignore il 29 settembre del 2002, su richiesta del vescovo d'Ivrea, Monsignor Arrigo Miglio, ad opera di Papa Giovanni Paolo II. Pochi mesi prima della morte, avvenuta il primo marzo del 2003. 
Politica
PONTE PRETI - La Città metropolitana assicura: «300 mila euro per la sicurezza»
PONTE PRETI - La Città metropolitana assicura: «300 mila euro per la sicurezza»
«Il ponte Preti è una struttura ben diversa dal ponte dell'autostrada A10 crollato a Genova ed è una struttura monitorata in continuo dal nostro servizio Viabilità»
PONTE PRETI - Il ponte è pericoloso? Bozzello: «Fermiamo subito i camion»
PONTE PRETI - Il ponte è pericoloso? Bozzello: «Fermiamo subito i camion»
Dopo il crollo del viadotto Morandi a Genova, anche in Canavese si sono moltiplicate le segnalazioni di ponti «problematici» perchè vecchi e (forse) alle prese con una scarsa manutenzione
CUORGNE' - Due tirocinanti diventano cantonieri per sei mesi
CUORGNE
«Un'iniziativa che si inserisce nell'ambito degli interventi a favore di soggetti svantaggiati ed in situazione economica precaria», dice il sindaco Pezzetto
IVREA - Parte il corso per le nuove Guardie Ecologiche Volontarie
IVREA - Parte il corso per le nuove Guardie Ecologiche Volontarie
Le lezioni si svolgeranno in più sedi contemporaneamente, collegate via video: Torino, Pinerolo, Susa, Lanzo e Ivrea
MAPPANO - Procedura finita, il Mercatone Uno può riaprire
MAPPANO - Procedura finita, il Mercatone Uno può riaprire
Con le cessioni è stata, pertanto, garantita la salvaguardia occupazionale di 2.304 dipendenti pari a circa l'85% del totale
CUORGNE' - Via le barriere architettoniche alla materna e in Manifattura
CUORGNE
«Abbiamo dato corso ad interventi attesi da lungo tempo in particolare presso la scuola», sottolinea l'assessore Lino Giacoma Rosa
CANAVESE - «Inutile sparare ai lupi ma servono azioni a tutela di chi lavora in montagna»
CANAVESE - «Inutile sparare ai lupi ma servono azioni a tutela di chi lavora in montagna»
Così Marco Bussone, Presidente nazionale Uncem (Unione Comuni, Comunità ed Enti montani) in merito alla notizia relativa alla proposta di sparare ai lupi con proiettili di gomma. Quello dei lupi è un problema sentito anche in Canavese
RIVARA - Strada stretta: borgata inaccessibile dalle ambulanze - FOTO
RIVARA - Strada stretta: borgata inaccessibile dalle ambulanze - FOTO
Riceviamo da Belboschetto una segnalazione di disagi e problematiche legate alla strada che collega il centro abitato
BORGARO - Defibrillatore in piazza Agorà: città cardioprotetta
BORGARO - Defibrillatore in piazza Agorà: città cardioprotetta
Il defibrillatore è stato poi consegnato alla dottoressa Stefania Scagliola, responsabile della farmacia numero 13 dell'Asm
LEINI - Problemi di sicurezza: chiude il parco «Grande Torino»
LEINI - Problemi di sicurezza: chiude il parco «Grande Torino»
«Sono emerse delle problematiche gravi, legate anche alla cattiva manutenzione», conferma il vicesindaco Fabrizio Troiani
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore