RIVAROLO - «La mafia in Canavese esiste»: così Libera risponde al manifesto dell'ex sindaco Bertot

| «In Canavese la mafia esiste - dicono dal Presidio Libera "Luigi Ioculano" di Cuorgnè - così come emerso chiaramente dalla sentenza del processo Minotauro. A Rivarolo, come nel resto del Canavese»

+ Miei preferiti
RIVAROLO - «La mafia in Canavese esiste»: così Libera risponde al manifesto dellex sindaco Bertot
Libera risponde al manifesto dell'ex sindaco di Rivarolo Canavese, Fabrizio Bertot. «In Canavese la mafia esiste - dicono dal Presidio Libera "Luigi Ioculano" di Cuorgnè - così come emerso chiaramente dalla sentenza del processo Minotauro. A Rivarolo, come nel resto del Canavese l’influenza mafiosa è ancora presente e continua a tessere i suoi interessi. Essere ciechi o mettersi i paraocchi non serve a nulla. Non è rinnegando la sua esistenza che possiamo combatterla. Non è utile alla comunità parlare di mafia riducendo questo problema a una questione di immagine del territorio. Così facendo si continuerebbe a offrire ai mafiosi l’opportunità di continuare indisturbati a compiere i propri traffici danneggiando la nostra economia».
 
Un lungo post, pubblicato sulla pagina del presidio, esprime la posizione dell'associazione. «La normativa sullo scioglimento delle amministrazioni locali per infiltrazione e condizionamento mafioso è un provvedimento che ha valenza preventiva. Non spetta a questa normativa individuare le responsabilità morali e soprattutto penali dei vari soggetti dell’amministrazione comunale coinvolti, per quello esiste la magistratura. Un comune, in ogni parte dell’Italia sia al nord come al sud, viene sciolto per mafia perché viene valutata la sua capacità di resistere alle pressioni dei gruppi mafiosi che operano in quel territorio. È la resistenza di quell’amministrazione nel suo complesso ad essere quindi valutata. Non è intenzione della normativa ledere l'immagine della comunità ma anzi è un suo strumento di autotutela. A Rivarolo come nel resto del Canavese la ‘ndrangheta c’è, anche se non si presenta con coppola in testa e accento meridionale. Se nessuno è mafioso allora la mafia non esiste, invece in Canavese, e anche a Rivarolo, soggetti mafiosi esterni alla comunità sono riusciti a penetrare nella società e nella sua economia, e ci sono riusciti non per magia ma grazie al fatto di essere stati in grado di trarre beneficio da alcune relazioni con individui canavesani. L’opportunismo non è penalmente sanzionabile ma è una grave colpa sul piano politico e morale. Il Procuratore Capo Giancarlo Caselli ha affermato a proposito del processo Minotauro che “La mafia c’è perché c’è mercato per i suoi servizi"».
 
«Crediamo dunque sia importante l’intervento dello Stato per aver interrotto questi legami e di aver acceso in Canavese un faro che ha fatto luce sul radicamento della ‘ndrangheta in queste terre. Ci teniamo a sottolineare che comunque non tutto ciò che è accaduto negli anni può essere inserito in un processo e dunque non si può chiudere la questione “mafie in Canavese” solamente riferendosi a Minotauro. Sappiamo bene quanto la presenza delle organizzazioni criminali continui a opprimere l'economia del nostro territorio e di quanta strada ci sia ancora da percorrere per rendere il più chiaro possibile questo fenomeno ai cittadini, soprattutto per il modo subdolo con cui si manifesta. Come Presidio territoriale di Libera dunque crediamo sia importante che tutte le forze politiche, che vogliano incidere efficacemente nella lotta contro la mafia, debbano avere un atteggiamento vigile e tenere alta la guardia.
 
Chiunque sa parlare di mafia. Ma la differenza sta nel come se ne parla e se ne discute. È importante distinguere e problematizzare ma senza lasciare spazio a risposte e soluzioni semplicistiche. Al fine di garantire a tutti la libertà da ogni condizionamento mafioso, come cittadini crediamo che il commissariamento non debba essere letto come un’imposizione dall’alto ma come un’opportunità per i cittadini di migliorare il proprio spirito civico al fine di curare meglio la cosa pubblica. Perché la lotta alla mafia non è imputabile solo allo Stato e ai suoi rappresentanti ma deve partire anche dal basso attraverso l’impegno di tutti i cittadini».
Politica
RIVAROLO - Comitato pro circonvallazione: «Sindaco spiacevole»
RIVAROLO - Comitato pro circonvallazione: «Sindaco spiacevole»
«La nostra gratitudine va a tutti coloro che sono venuti al gazebo o che ci hanno fatto pervenire il loro sostegno sui social»
CANAVESE - 1,5 miliardi di euro per nuovi ospedali in Piemonte: Ivrea esclusa. «Diamoci da fare per l'ospedale unico»
CANAVESE - 1,5 miliardi di euro per nuovi ospedali in Piemonte: Ivrea esclusa. «Diamoci da fare per l
Si rinnova l'appello alla politica per trovare risorse e location di quello che potrebbe diventare il nuovo ospedale del Canavese. Luigi Sergio Ricca, sindaco di Bollengo, rinnova l'appello al collega di Ivrea e a tutti i primi cittadini
VOLPIANO - Crisi Comital: due cordate in visita allo stabilimento
VOLPIANO - Crisi Comital: due cordate in visita allo stabilimento
Ora i sindacati chiedono di congelare i 138 licenziamenti dal momento che è possibile avviare una trattativa con gli acquirenti
IVREA - Contro Vodafone parte la campagna di boicottaggio
IVREA - Contro Vodafone parte la campagna di boicottaggio
Rifondazione Comunista ha convocato un presidio-flash mob per il lancio di una campagna di boicottaggio contro Vodafone
CASTELLAMONTE - La ceramica anche al Day Service Riabilitativo
CASTELLAMONTE - La ceramica anche al Day Service Riabilitativo
«Ancora una volta dal fare sistema tra istituzioni e realtà territoriali nascono opportunità a vantaggio della comunità»
CASTELLAMONTE - Due giorni di festa per i pensionati della Cgil
CASTELLAMONTE - Due giorni di festa per i pensionati della Cgil
La lega 33 dello Spi-Cgil, il sindacato pensionati, festeggia la sua presenza sul territorio del Canavese con due giorni di eventi
CASELLE - 70 mila euro per ancorare le tegole che volano con gli aerei
CASELLE - 70 mila euro per ancorare le tegole che volano con gli aerei
E' lo stanziamento per ancorare le tegole sui tetti delle case e fare in modo che non volino via con gli aerei che atterrano
INGRIA - Il piccolo Comune si schiera con il popolo Catalano
INGRIA - Il piccolo Comune si schiera con il popolo Catalano
Arriva anche dal Canavese un piccolo sostegno alla causa del popolo Catalano, pronto a chiedere l'indipendenza dalla Spagna
MAPPANO - «In 100 giorni il Comune ha prodotto solo 5 delibere»
MAPPANO - «In 100 giorni il Comune ha prodotto solo 5 delibere»
E' un bilancio negativo quello tracciato dall'opposizione dopo i primi 100 giorni di governo della giunta guidata da Grassi
FELETTO - Una scuola più bella grazie anche all'aiuto dei profughi
FELETTO - Una scuola più bella grazie anche all
Prima dell'inaugurazione dei locali è stata presentata anche l'iniziativa del Comune chiamata «Bimbi accompagnati»
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore