RIVAROLO - Mai dire... Consiglio: gli stimoli del piano regolatore e la pipý in compagnia di Raimondo

| Viste le temperature non pi¨ estive sono sparite dalla sala consiglio le infradito. L'assessore Conta Canova, per˛, ha deliziato i curiosi con un altro modello di scarpe (con zeppa) ispirate alle Bratz...

+ Miei preferiti
RIVAROLO - Mai dire... Consiglio: gli stimoli del piano regolatore e la pipý in compagnia di Raimondo
La serata dedicata alla variante generale del piano regolatore dura meno del previsto e il pubblico, incredulo, può uscire da palazzo Lomellini alle 22 in punto, ancora in tempo per trovare un bar aperto. E' successo l'imponderabile nel corso dell'ultimo consiglio comunale di Rivarolo Canavese. Solo tre ore di dibattito. Roba da pivelli dopo le maratone alle quali ci avevano abituato maggioranza e (soprattutto) opposizione. Se si fosse pagato il biglietto per entrare in sala consiglio, questa volta gli spettatori (più del solito, tra l'altro) avrebbero chiesto il rimborso. Nelle tre ore, tra l'altro, sono compresi i sessanta minuti di "lezione" dell'architetto Paglia che ha illustrato per filo e per segno la variante partendo dalla situazione urbanistica del 1600, quando Rivarolo era grande poco più di Ingria ed Edo Gaetano era già in amministrazione.

Lo spiegone tecnico deve aver fiaccato la resistenza dei consiglieri di minoranza, meno spumeggianti del solito, troppo presi, piano regolatore alla mano, a chiedersi che cosa intendeva l'architetto Paglia quando, nel sottolineare la partecipazione collettiva, ha detto che «le sollecitazioni dei cittadini hanno portato a 200 stimoli»... I più hanno pensato a sollecitazioni lassative. E lo stesso hanno ipotizzato i consiglieri di minoranza dal momento che i suggerimenti pervenuti, a loro dire, sono finiti nel cestino (per non dire di peggio). L'ora di lezione sulla variante, tra l'altro, è avvenuta a luci spente per permettere la proiezione delle slide. Metà della sala si è addormentata, complice l'oscurità. Qualcuno è stato assalito dagli incubi politico-amministrativi e ha sognato il ritorno di Bertot e delle sue infinite varianti al piano regolatore. Al momento del voto, la «strana coppia» Navone-Vittone ha abbandonato l'aula. Che si prospetti davvero, come qualche assessore ha ipotizzato in aula, una lista unica delle minoranze?

Bene Diemoz che, con l'avvicinarsi della fine del mandato, ha fatto il primo passo verso la santità, citando l'enciclica sull'ambiente di Papa Francesco per giustificare la variante al piano regolatore. «Qualcuno mi ha anche preso in giro», ha poi puntualizzato l'assessore. Era inevitabile: per molti colleghi di giunta è già diventato Papa Francesco Diemoz o, per non tirarsela troppo, Don Diemoz. Viste le temperature non più estive sono sparite dalla sala consiglio le infradito. L'assessore Conta Canova, però, ha deliziato i curiosi con un altro modello di scarpe (con zeppa) ispirate alle Bratz. Attendiamo con ansia la camicia a fiori del presidente del consiglio comunale Rosboch. Raimondo ha chiesto di poter andare a fare pipì (a proposito di stimoli) insieme al capogruppo di maggioranza... Ma la menzione speciale va al consigliere Zucco Chinà che ha esordito negli interventi con una perla destinata a rimanere negli annali... (Mdc)


Le «PERLE» della serata

In che senso?
«le sollecitazioni pervenute hanno portato a 200 stimoli...» (Paglia)

Capolavoro
«Concedetemi di stare seduto così magari il sangue mi arriva al cervello e dico delle cose sensate» (Zucco)

Prole-tari
«Io e il presidente Nastro abbiamo dato sui figli» (Raimondo)

Freddura...
«Avete toppato. Questa variante è stata un fuoco di Paglia» (Navone)

Campagna elettorale
«Farete la lista unica» (Diemoz ai consiglieri di minoranza)

Beato lui
«Abbiamo fatto gli incontri con i professionisti. Lei non è stato invitato. Lei è un professionista?» (Diemoz)
«No, sono pensionato...» (Navone)

Incontri pericolosi in bagno...
«Posso chiedere di andare a fare pipì per parlare col capogruppo Ricciardi?» (Raimondo)

Dove è successo
Politica
LEINI - Si dimette l'assessore al bilancio del Comune, Marco D'Acri
LEINI - Si dimette l
Motivi professionali alla base della decisione: źNon sono pi¨ in grado di garantire quella presenza che la carica impone╗
CASTELLAMONTE - Lavori in corso in diversi punti della cittÓ
CASTELLAMONTE - Lavori in corso in diversi punti della cittÓ
Nei giorni scorsi, a Castellamonte, sono partiti alcuni lavori di manutenzione richiesti da parecchio tempo al Comune
IVREA - Imprenditori a lezione in Confindustria
IVREA - Imprenditori a lezione in Confindustria
Parte un percorso formativo organizzato per aiutare le aziende a superare sfide e barriere nei mercati internazionali
CUORGNE' - Chiude (ancora una volta) il bocciodromo di via Braggio: diventerÓ una palestra?
CUORGNE
L'impianto sportivo, entro la fine dell'anno, perderÓ il gestore e rimarrÓ, ancora una volta, una cattedrale nel deserto. La posa del primo mattone risale al 1990. Poi uno stop di 23 anni. Le bocce, per˛, evidentemente źnon tirano╗
CASTELLAMONTE - Il centro anziani chiude: i socialisti non ci stanno
CASTELLAMONTE - Il centro anziani chiude: i socialisti non ci stanno
Dopo decenni di servizio l'associazione Ŕ ormai ad un passo dalla chiusura a causa del calo degli iscritti e dell'aumento dei costi
IVREA - CaffŔ con l'esperto: incontro sui media con Marco Mussini
IVREA - CaffŔ con l
Marco Mussini, giornalista ed ex-assistente all'Europarlamento, parlerÓ di comunicazione e media
TORINO-CERES - Da Vivi Caselle una proposta per ridurre i disagi
TORINO-CERES - Da Vivi Caselle una proposta per ridurre i disagi
Dopo la proposta per ridurre i disagi del tunnel di corso Grosseto a chi usa i bus, arriva un'analoga iniziativa per i treni
IVREA - Dall'Anpi un appello a coerenza e responsabilitÓ
IVREA - Dall
Riceviamo e pubblichiamo una riflessione sull'attualitÓ (anche in Canavese) di Mario Beiletti dell'Anpi Ivrea e Basso Canavese
CANAVESE - Esposto in procura contro l'Asl To4: źNegli ospedali del Canavese poco personale e pazienti a rischio╗
CANAVESE - Esposto in procura contro l
Dopo il fallito tentativo in Prefettura, il segretario territoriale Giuseppe Summa, a nome del Nursind, ha presentato un esposto alla procura di Ivrea per denunciare le gravissime condizioni in cui verserebbero gli ospedali dell'Asl To4
IVREA - Neve e ghiaccio: la cittÓ resta senza sale e il Comune si scusa
IVREA - Neve e ghiaccio: la cittÓ resta senza sale e il Comune si scusa
Diventano oggetto di scontro politico i disagi patiti dagli eporediesi dopo l'ondata di maltempo. Attacco della Lega Nord
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore