RIVAROLO - Non bruciamoci il futuro diventa associazione

| Prosegue la battaglia contro le fonti d'inquinamento in città, a partire dalla centrale a biomassa del Vallesusa

+ Miei preferiti
RIVAROLO - Non bruciamoci il futuro diventa associazione
Il comitato “Non bruciamoci il futuro” di Rivarolo Canavese diventa un’associazione e prosegue la sua battaglia a tutela dell’ambiente. E’ quanto emerso nel corso dell’assemblea pubblica della scorsa settimana alla quale ha partecipato un centinaio di persone.  Il 2015, per quanto riguarda la situazione ambientale di Rivarolo, sarà un anno cruciale. Soprattutto perché andranno ridiscusse le autorizzazioni d’esercizio della centrale a biomassa oggi gestita dalla Cofely-Gdf Suez.

Nel corso della serata i rappresentanti del comitato hanno posto l’accento sulla situazione dell’inquinamento rivarolese che, come ha sottolineato l’Arpa con due campagne di rilevamento, per quanto riguarda il traffico veicolare, ha fatto registrare dati molto simili a quelli del centro di Torino.

«Sono passati dieci anni da quella conferenza dei servizi che ha autorizzato la centrale – ha detto, nel corso del suo intervento, il sindaco Alberto Rostagno – oggi i dati dell’inquinamento della città presentano diverse criticità. Purtroppo non ci sono indagini precedenti all’avvio della centrale a biomassa. Il principio di precauzione non è stato preso in considerazione». Il primo cittadino ha confermato l’incarico al Politecnico di Torino per eseguire una serie di studi sull’impatto della centrale. Il Comune ha poi chiesto alla Sipea i dati sull’inquinamento dell’impianto da pubblicare sul sito internet istituzionale. Per il momento i dati non sono stati trasmessi. Di promesse non rispettate, in tal senso, il Comitato ne ha ricordate parecchie nel corso della serata. 

Politica
VOLPIANO - Crisi Comital: Comune e Regione al fianco dei lavoratori
VOLPIANO - Crisi Comital: Comune e Regione al fianco dei lavoratori
L'assessora al Lavoro della Regione Piemonte, Gianna Pentenero, ha confermato la disponibilità ad aprire un tavolo tecnico
PONT - Finanziato l'inizio dei lavori per la Sp47 della Valle Soana
PONT - Finanziato l
Primi passi avanti nel progetto relativo alla strettoia verso la Valle Soana. Ora è atteso il via libera per l'inizio del cantiere
IVREA - Un nuovo direttivo per l'associazione Casa delle donne
IVREA - Un nuovo direttivo per l
La Casa è un luogo dove ogni donna può trovare ascolto per i propri problemi, contare sulla disponibilità delle altre
MAPPANO - Approvato il primo statuto del Comune autonomo
MAPPANO - Approvato il primo statuto del Comune autonomo
Il nuovo Comune di Mappano si è dotato degli strumenti fondamentali per poter operare nella pienezza dei suoi poteri
CANAVESE - I piccoli comuni entrino nel consiglio della Smat
CANAVESE - I piccoli comuni entrino nel consiglio della Smat
Lo chiede con forza l'Uncem a nome di tutte le Unioni montane di Comuni della Città metropolitana di Torino
MAPPANO - Parchi giochi vietati ai ragazzi non accompagnati
MAPPANO - Parchi giochi vietati ai ragazzi non accompagnati
Tra i divieti c'è anche quello del gioco del pallone nelle aree "non appositamente predisposte". Molti mappanesi scettici
RIVAROLO - La vecchia elementare va demolita? Si, no, forse...
RIVAROLO - La vecchia elementare va demolita? Si, no, forse...
L'intervento urbanistico simbolo dell'attuale giunta è ancora al palo. Lo ha confermato, in consiglio, l'assessore Francesco Diemoz
BOSCONERO - Nuovi impianti Enel: cala la bolletta del Comune
BOSCONERO - Nuovi impianti Enel: cala la bolletta del Comune
I nuovi sistemi a led consentiranno all'amministrazione un risparmio di circa il 58% sui consumi di energia per l'illuminazione
RIVAROLO - Mai dire... consiglio: Zucco Chinà cita Fantozzi, la Vittone chiede l'esonero di Leone
RIVAROLO - Mai dire... consiglio: Zucco Chinà cita Fantozzi, la Vittone chiede l
La maggioranza ha passato le cinque ore di discussione a tentare di schivare le tonnellate di sterco partite dai banchi dell'opposizione. Non sempre riuscendo nell'impresa...
CASTELLAMONTE - Appalto sospetto: la procura chiede il rinvio a giudizio per Mascheroni, Maddio e Maggiotti
CASTELLAMONTE - Appalto sospetto: la procura chiede il rinvio a giudizio per Mascheroni, Maddio e Maggiotti
Dopo due anni di indagini la procura di Ivrea ha chiesto il rinvio a giudizio per tre delle cinque persone indagate per turbativa d’asta e falso ideologico. Chiesta archiviazione per Bersano e Savoia Carlevato
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore