RIVAROLO - Tragedia nel sottopasso: «Quella sera non c'era nessuna allerta meteo»

| «Quella sera si sono verificate una serie di circostanze negative», ha detto in consiglio il sindaco Rostagno. Dall'enorme aflusso d'acqua fino al possibile ritardo nei soccorsi. Un dramma sul quale la procura indaga per omicidio colposo

+ Miei preferiti
RIVAROLO - Tragedia nel sottopasso: «Quella sera non cera nessuna allerta meteo»
Il sindaco Alberto Rostagno, l'altra sera in consiglio comunale, ha relazionato ufficialmente per la prima volta su quanto accaduto nel sottopasso di via Galileo Ferraris nella notte tra il 2 e il 3 luglio. Quando, a causa dell'allagamento del tunnel, un operaio di Favria è morto annegato. La relazione del sindaco è arrivata in risposta ad una interrogazione congiunta presentata dai consiglieri di minoranza Marina Vittone, Aldo Raimondo, Martino Zucco Chinà e Alessandro Chiapetto.

«Un atto dovuto chiedere lumi perché a noi nessuno ha detto niente - ha detto il consigliere Marina Vittone - non cerchiamo colpevoli ma vogliamo capire se c’era qualcosa che si poteva fare e cosa si potrà fare in futuro». Alessandro Chiapetto del Movimento 5 Stelle, in aula, ha reso noto il carteggio post incidente intercorso tra il Comune di Rivarolo e il consorzio irriguo. Tra mancate risposte e sollecitazioni, ne è emerso un quadro poco edificante nel quale Comune e consorzio si rimbalzano eventuali responsabilità sull'accaduto. Quelle che dovrà eventualmente identificare la procura di Ivrea che ha aperto un fascicolo per omicidio colposo.

«Quel sottopasso è stato realizzato nel 2000 su un progetto Gtt - ha spiegato il sindaco Rostagno - i collaudi sono stati regolarmente eseguiti e sono state installate due pompe più una di backup per aspirare l'acqua in caso di pioggia. Nessuno, in tutti questi anni, ha pensato di mettere una sbarra o un semaforo. Nella notte tra il 2 e il 3 liglio non c’era l’allerta meteo: il nubifragio che ha colpito la città non era previsto». Poi il sindaco ha ripercorso quella drammatica notte. «Sono stato avvertito dal comandante della polizia municipale di un'esondazione della roggia in regione Cittadella. Abbiamo mandato due cantonieri a mettere i cartelli di pericolo su richiesta del comandante. Lui stesso è andato sul posto. Mentre stavo andando in località Cittadella è arrivata la chiamata per il sottopasso. Le pompe funzionavano e lo hanno verificato anche i carabinieri. La bomba d’acqua le ha rese inutili. Abbiamo segnalato al comando dei vigili del fuoco il fatto che i pompieri volontari di Rivarolo, quella sera, erano in servizio per una cantina allagata in corso Torino. All’una, però, quando è arrivata la chiamata al 112 per il sottopasso, la centrale da Torino ha mandato Ivrea. I tempi si sono allungati oltre i venti minuti per l'intervento, a conferma che si sono verificate una serie di circostanze negative».

Il 28 giugno dell’anno scorso il Comune aveva già segnalato problemi alle tubature sotto corso Re Arduino al consorzio irriguo. Senza ottenere mai risposta. I tecnici avevano ipotizzato un anomalo afflusso di acqua dai canali della zona, circostanza che avrebbe favorito l'allagamento del sottopasso. Secondo palazzo Lomellini, la sera della tragedia, le paratie del canale scolmatore di Vesignano non erano chiuse. Un grosso flusso d'acqua, anzichè finire direttamente nell'Orco, è andato nella normale rete della città. Un afflusso anomalo che potrebbe aver favorito l'allagamento del tunnel. Circostanza smentita dal consorzio irriguo che, con una lettera firmata dal presidente Onorino Freddi, ha escluso un anomalo afflusso d'acqua irrigua nella rete. «La relazione sul sottopasso effettuata il giorno dopo ha confermato il funzionamento corretto delle pompe - ha aggiunto Rostagno - le griglie erano piene di fango caduto dalla scarpata. Vasca e tubazioni erano state appena pulite». Da dove è arrivata tutta quell'acqua (insieme al fango) dovrà scoprirlo la procura. Intanto il Comune ha dato mandato per l'installazione di un semaforo d'emergenza con sbarre che si abbasseranno in caso di allagamento del sottopasso.

Video
Politica
FELETTO - Settimana decisiva per salvare la stazione ferroviaria
FELETTO - Settimana decisiva per salvare la stazione ferroviaria
Il comitato «No alla chiusura della stazione ferroviaria di Feletto» continua nella sua battaglia per evitare la soppressione
CHIVASSO - Il 31 agosto chiuderà per sempre la discarica dei Pogliani
CHIVASSO - Il 31 agosto chiuderà per sempre la discarica dei Pogliani
«Finalmente riusciamo a vedere un po' di luce, ma non la fine, al fondo del tunnel», dice il sindaco chivassese Castello
PONTE PRETI - La Città metropolitana assicura: «300 mila euro per la sicurezza»
PONTE PRETI - La Città metropolitana assicura: «300 mila euro per la sicurezza»
«Il ponte Preti è una struttura ben diversa dal ponte dell'autostrada A10 crollato a Genova ed è una struttura monitorata in continuo dal nostro servizio Viabilità»
PONTE PRETI - Il ponte è pericoloso? Bozzello: «Fermiamo subito i camion»
PONTE PRETI - Il ponte è pericoloso? Bozzello: «Fermiamo subito i camion»
Dopo il crollo del viadotto Morandi a Genova, anche in Canavese si sono moltiplicate le segnalazioni di ponti «problematici» perchè vecchi e (forse) alle prese con una scarsa manutenzione
CUORGNE' - Due tirocinanti diventano cantonieri per sei mesi
CUORGNE
«Un'iniziativa che si inserisce nell'ambito degli interventi a favore di soggetti svantaggiati ed in situazione economica precaria», dice il sindaco Pezzetto
IVREA - Parte il corso per le nuove Guardie Ecologiche Volontarie
IVREA - Parte il corso per le nuove Guardie Ecologiche Volontarie
Le lezioni si svolgeranno in più sedi contemporaneamente, collegate via video: Torino, Pinerolo, Susa, Lanzo e Ivrea
MAPPANO - Procedura finita, il Mercatone Uno può riaprire
MAPPANO - Procedura finita, il Mercatone Uno può riaprire
Con le cessioni è stata, pertanto, garantita la salvaguardia occupazionale di 2.304 dipendenti pari a circa l'85% del totale
CUORGNE' - Via le barriere architettoniche alla materna e in Manifattura
CUORGNE
«Abbiamo dato corso ad interventi attesi da lungo tempo in particolare presso la scuola», sottolinea l'assessore Lino Giacoma Rosa
CANAVESE - «Inutile sparare ai lupi ma servono azioni a tutela di chi lavora in montagna»
CANAVESE - «Inutile sparare ai lupi ma servono azioni a tutela di chi lavora in montagna»
Così Marco Bussone, Presidente nazionale Uncem (Unione Comuni, Comunità ed Enti montani) in merito alla notizia relativa alla proposta di sparare ai lupi con proiettili di gomma. Quello dei lupi è un problema sentito anche in Canavese
RIVARA - Strada stretta: borgata inaccessibile dalle ambulanze - FOTO
RIVARA - Strada stretta: borgata inaccessibile dalle ambulanze - FOTO
Riceviamo da Belboschetto una segnalazione di disagi e problematiche legate alla strada che collega il centro abitato
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore