RONCO CANAVESE - Sei alunni nella mini-scuola di montagna

| La scuola elementare di Ronco rappresenta ancora una sorta di “appiglio” alle famiglie che non vogliono scendere a valle

+ Miei preferiti
RONCO CANAVESE - Sei alunni nella mini-scuola di montagna
Angelica, Asia, Azzurra, Federico, Francesco, Sara e la maestra Sabina. Questa è la composizione di un’intera scuola. Una tra le più piccole d’Italia. E’ la scuola elementare – da alcuni anni “sussidiata” – di Ronco Canavese. I bambini di tutta la valle vengono a scuola qui, in questa pluriclasse al pian terreno del palazzo comunale. L’anno scorso gli alunni erano cinque, quest’anno sono diventati sei con l’arrivo di Francesco, proveniente dall’asilo di Valprato Soana. Vivere in montagna non è facile. Soprattutto durante l’inverno, quando le nevicate abbondano e i residenti nelle frazioni sono pochi. Alcune famiglie lavorano quassù – molti uomini sono artigiani e le donne si dividono tra chi lavora nel turismo e chi nella casa di riposo di Ronco – ma altrettante persone sono costrette a viaggiare. La vita in montagna è difatti causa di molti sacrifici. La scuola elementare di Ronco rappresenta ancora una sorta di “appiglio” alle famiglie che non vogliono scendere a valle.
 
L’impegno dell’amministrazione comunale è dunque quello di garantire la realtà della scuola a queste ed alle prossime famiglie che scelgono e sceglieranno di vivere nelle “terre alte” di questa valle. In fondo, si tratterebbe di un “diritto” che non dovrebbe essere negato a chi come già detto convive quotidianamente con i sacrifici di una vita tra i monti. E se lo Stato non arriva, per fortuna c’è la Regione, che con un finanziamento contribuisce alle spese del personale. Finanziamento che però copre sempre meno dell’ammontare dei costi. E poi c’è il “blocco del personale” e quindi le difficoltà per il mantenimento aumentano.
 
Lunedì la campanella è suonata. “Tuiti a ahcola!” , che nella parlata francoprovenzale della Valle Soana vuole dire “tutti a scuola!”. Ed è proprio il patois a giocare ancora un ruolo fondamentale anche a scuola. Nella stessa scuola che per prima portò l’italiano alla gente di quassù, ora le ricerche sulla cultura e le radici storiche ritornano ad impegnare i giovani valsoanini. Ogni anno si partecipa al concorso Effepi, sulla cultura e le tradizioni locali: vengono realizzate ricerche, lezioni in patois e vengono poi presentati i lavori che ogni anno sono itineranti nelle località del concorso. Il concorso 2015-2016 ha visto la giornata conclusiva organizzarsi proprio a Ronco, dove sono arrivati più di 300 alunni provenienti dalle scuole dell’area francoprovenzale piemontese. Quest’anno, per ricambiare la visita della scuola valdostana di Introd, i bambini dell’asilo di Valprato e della scuola di Ronco parteciperanno alla festa del Concorso Cherlogne nella vicina regione autonoma.
 
«Il Comune – spiega il sindaco Danilo Crosasso – continua ad impegnarsi per garantire quello che può essere definito come il “servizio fondamentale” per abitare in Valle. Ai nostri alunni viene offerto il trasporto con il mezzo comunale che ogni mattina, girando le frazioni, anche quelle più in alto, accompagna i bimbi a scuola. Lo stesso mezzo, poi, sempre gratuitamente, accompagna a Pont gli allievi delle medie». Anche i libri vengono direttamente acquistati dal comune e portati in classe dagli amministratori il primo giorno di scuola. Ma le iniziative non sono finite qua: per una scuola di montagna fare intervallo vuole dire godersi la pausa all’aria aperta. Ed ecco che la ricreazione a Ronco la si fa nel prato della piazzetta comunale e nelle “tchampane”, i vicoli del centro storico. 
 
D’inverno, poi, vengono organizzate con l’associazione che gestisce gli impianti di risalita di Piamprato in alta valle alcune giornate sulla neve con lezioni di sci. «Da alcuni anni – continua il sindaco – la scuola è dotata di LIM, la lavagna interattiva multimediale, che, grazie ad un progetto della Comunità Montana (ICI-VOS , Insegnare Comunicare Innovare nelle Valli Orco e Soana”) permette di effettuare lezioni in connessione tra le scuole delle due valli». La fase 2 del progetto permette anche, in caso di non possibilità di raggiungere la scuola nel capoluogo, di collegarsi alle lezioni direttamente da casa. E ultima iniziativa in ordine di tempo: il “bonus scuola” alle famiglie degli alunni che frequentano la materna di Valprato e l’elementare di Ronco. Adottato dalle amministrazioni comunali della Valle, è un importante sostegno economico finalizzato ad incentivare le famiglie a restare e a tornare a vivere quassù. La lotta allo spopolamento della montagna è in atto e la presenza della scuola sul territorio è di fondamentale importanza. Le nuove nascite infine fanno ben sperare le amministrazioni comunali, impegnate nel mantenimento di questi presidi.
Politica
CASTELLAMONTE - Trovato un «custode» al parco Fabio Marrone
CASTELLAMONTE - Trovato un «custode» al parco Fabio Marrone
«Noi facciamo cose, non facciamo polemiche sterili come quelli della Lega o del Movimento 5 Stelle» dice il sindaco Mazza
BORGARO - Il Comune premia le eccellenze sportive locali - FOTO
BORGARO - Il Comune premia le eccellenze sportive locali - FOTO
Sono stati ricevuti e premiati i ragazzi della Under 14 della River Borgaro Basket e le ragazze di pallavolo e pallanuoto
CANAVESE - Interi paesi senza la tv: il digitale terrestre «non prende»
CANAVESE - Interi paesi senza la tv: il digitale terrestre «non prende»
Problema di portata nazionale: sono quasi cinque milioni gli Italiani che hanno difficoltà a vedere i canali Rai e l'intero bouquet del digitale terrestre
CUORGNE' - 200 mila euro da Roma per gli impianti sportivi cittadini
CUORGNE
Il bocciodromo, purtroppo, non riaprirà ma, se non altro, il Comune porterà avanti alcune opere di messa in sicurezza
FAVRIA - Casa di riposo, tutti gli atti inviati alla Corte dei Conti
FAVRIA - Casa di riposo, tutti gli atti inviati alla Corte dei Conti
Vicenda casa di riposo: «Confidiamo ora nelle autorità competenti per individuare eventuali responsabilità» dice l'assessore Carruozzo
FAVRIA - Avvisi di garanzia, parla l'ex sindaco Ferrino: «Sono sereno, la verità verrà a galla»
FAVRIA - Avvisi di garanzia, parla l
Il Circolo Territoriale del Popolo della Famiglia-Piemonte si schiera con Serafino Ferrino, l'ex sindaco di Favria indagato nell'ambito dell'operazione dei carabinieri che ha portato all'arresto dell'imprenditore Pasquale Motta
CASTELLAMONTE - Anche la Lega critica l'amministrazione
CASTELLAMONTE - Anche la Lega critica l
Dopo il Movimento 5 Stelle, anche la Lega ha preso carta e penna per attaccare «l'immobilismo» della giunta Mazza
CANAVESE - Mancano i medici: si allungano le liste d'attesa per le visite d'ambulatorio
CANAVESE - Mancano i medici: si allungano le liste d
Un problema che riguarda tutta la Regione Piemonte e che, purtroppo, non fa eccezioni in Canavese. Lo conferma anche l'Asl To4, precisando alcuni dati relativi alle liste d'attesa. Chiesti degli specialisti «in prestito»
LEINI - Un premio al merito scolastico per gli studenti più bravi
LEINI - Un premio al merito scolastico per gli studenti più bravi
Sabato in Comune la premiazione dei 13 ragazzi della media che hanno conseguito con il massimo dei voti il diploma
FAVRIA - Avvisi di garanzia, dall'ex sindaco Giorgio Cortese «massima fiducia nella magistratura»
FAVRIA - Avvisi di garanzia, dall
«Ho la convinzione di poter dimostrare che ho sempre agito nell'interesse esclusivo della Comunità di Favria che ho avuto l'onore di rappresentare, in particolare come Sindaco, all'epoca dei fatti»
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore