SAITTA: L'OSPEDALE DI CUORGNE' NON VE LO CHIUDO

| L'assessore regionale risponde alla lettera di Pezzetto e ai timori di tanti

+ Miei preferiti
SAITTA: LOSPEDALE DI CUORGNE NON VE LO CHIUDO
«Sono a conoscenza delle preoccupazioni e delle paure dei cittadini, le rispetto, le comprendo e come amministratore ho il dovere di farmene carico e di fornire delle risposte. La delibera 1-600 sul riordino della rete ospedaliera non chiude nessun ospedale: l’offerta ospedaliera non diminuirà, ma sarà migliorata per garantire sicurezza e salute. La delibera classifica la struttura di Cuorgnè come ‘ospedale di area disagiata’. Si tratta di un ospedale nel senso pieno del termine, con un Pronto Soccorso h24, quindi un presidio inserito nella rete dell’Emergenza-Urgenza, non una semplice lungodegenza o un poliambulatorio. Non solo l’ospedale di Cuorgnè non perderà nessuna delle attività che attualmente si svolgono, ma, nella fase di attuazione della delibera che avverrà in due-tre anni, sarà possibile implementare l’ospedale con ulteriori attività/servizi: come scritto con precisione nella delibera, spetterà all’assessorato, su proposta dei direttori generali delle aziende, definire l’allocazione definitiva delle discipline non connesse all’Emergenza urgenza». E’ la risposta dell’assessore regionale alla sanità, Antonio Saitta, alla lettera inviata nei giorni scorsi dal sindaco di Cuorgnè, Beppe Pezzetto.
 
 «Voglio poi ricordare che il riordino della rete ospedaliera verrà attuato contestualmente alla riorganizzazione dell’assistenza territoriale e alla riorganizzazione del 118 – aggiunge Saitta - siamo convinti che soprattutto nei territori montani con popolazione prevalentemente anziana, occorra passare da una visione sanitaria prevalentemente incentrata sull’ospedale a una impostazione ‘territoriale’, e per questo assegneremo ai nuovi direttori generali che nomineremo ad aprile obiettivi non generici, ma specifici e articolati, con una particolare rilevanza assegnata proprio all’assistenza territoriale”.
 
Sul punto nascite di Cuorgnè e sulle richieste avanzate dal gruppo “Sosteniamo l'ostetricia di Cuorgnè”, l’assessore Saitta così risponde: «Il Punto nascite venne trasferito da Ivrea a Cuorgnè provvisoriamente a causa dei lavori di ristrutturazione dell’ospedale di Ivrea. Terminati i lavori il Punto nascite è ritornato nella sua originaria collocazione. La delibera sul riordino della rete ospedaliera del 14 marzo 2013 (Giunta Cota), stabiliva la disattivazione di otto Punti nascite sotto soglia, tra cui quello di Cuorgnè. Qui, peraltro, sarà attivato il nuovo Day Service materno-infantile. Pertanto le gestanti non saranno certo abbandonate al loro destino. Il Patto per la salute e il regolamento attuativo stabiliscono che i Punti nascite possono essere mantenuti solo nei Dea di I e II livello. E non si tratta di una discrezionalità o una scelta dettata da ragioni di risparmio, ma dal rispetto di precisi parametri tesi alla tutela della salute delle mamme e dei nascituri». 
 
Saitta conferma che i parti devono avvenire in strutture dove sono presenti tutti i reparti indispensabili a garantire interventi di emergenza (cardiologia, neurologia, rianimazione). Infine, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha fissato in 1.000 parti la soglia dei Punti nascite: «Come amministrazione regionale riteniamo che sotto l’asticella dei 500 parti ci sia un inaccettabile rischio per le mamme e per i bambini. Pertanto, la chiusura dei Punti nascite non è giustificata da ragioni di risparmio, ma solo di sicurezza».
Politica
CUORGNE' - Successo per le feste nelle frazioni: Pezzetto ringrazia i volontari
CUORGNE
«Mi sembra il minimo ringraziare tutti quei volontari che in modo gratuito si sono prestati in questo mese di luglio per animare le rispettive frazioni»
CASTELLAMONTE - La Mostra della Ceramica si fa: dal 9 al 24 settembre
CASTELLAMONTE - La Mostra della Ceramica si fa: dal 9 al 24 settembre
Il sindaco Pasquale Mazza garantisce: «Stiamo gią lavorando per dare la giusta continuitą alle nostre tradizioni»
CANAVESE - La Appendino propone un ex Asa per la Smat: Rostagno guida la protesta dei sindaci
CANAVESE - La Appendino propone un ex Asa per la Smat: Rostagno guida la protesta dei sindaci
Sul nome di Fabio Sessa, indicato dal sindaco di Torino, Chiara Appendino, per il nuovo vertice della Smat, scoppia la rivolta dei sindaci dell'alto Canavese. Pronto il voto contrario se Torino non cambierą il candidato
MONTALENGHE - Grosso accende la nuova luce del centro storico
MONTALENGHE - Grosso accende la nuova luce del centro storico
Il Comune di Montalenghe annuncia l'inizio del primo lotto di ammodernamento dell'illuminazione pubblica del centro paese
IVREA - Anpi in piazza: «La cittą č stata e sarą sempre antifascista»
IVREA - Anpi in piazza: «La cittą č stata e sarą sempre antifascista»
Dopo l'atto vandalico contro uno dei simboli della Resistenza in cittą la pronta reazione dell'Anpi e delle istituzioni locali
MAPPANO - Raccolta firme contro l'ordinanza dei 1000 divieti
MAPPANO - Raccolta firme contro l
A promuovere la petizione sono i consiglieri di opposizione e un nutrito gruppo di cittadini. Prima grana per il sindaco Grassi
IVREA - Atto vandalico firmato «Decima Mas» danneggia simbolo della Resistenza sul lungo Dora - FOTO
IVREA - Atto vandalico firmato «Decima Mas» danneggia simbolo della Resistenza sul lungo Dora - FOTO
Oggi pomeriggio, sabato 22 luglio, alle ore 17,30, l'Anpi di Ivrea e basso Canavese invita associazioni e cittadini, sul Lungo Dora di Ivrea «per manifestare con tranquilla fermezza la condanna per l'episodio»
RIVAROLO - Il centro storico vietato alle auto? «Nei prossimi mesi»
RIVAROLO - Il centro storico vietato alle auto? «Nei prossimi mesi»
Il Comune di Rivarolo tornerą alla carica sul progetto «Ztl» dopo la sperimentazione dell'anno scorso relativa a via Ivrea
MAPPANO - Non si č dimesso il segretario comunale Bovenzi
MAPPANO - Non si č dimesso il segretario comunale Bovenzi
«Il Segretario Comunale, Umberto Bovenzi, ha confermato il suo impegno nel Comune di Mappano», si legge in una nota
CANAVESE - Richiedenti asilo in montagna? Il buon esempio di Chiesanuova e il sostegno dell'Uncem
CANAVESE - Richiedenti asilo in montagna? Il buon esempio di Chiesanuova e il sostegno dell
«Non devono sentirsi soli i sindaci che accolgono migranti e richiedenti asilo» dice l'Uncem. L'accoglienza diffusa auspicata dal ministro dell'Interno, Minniti, gią si realizza in decine di Comuni montani piemontesi
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore