SAN GIORGIO - Firmata la Carta di Expoelette: obiettivo dare più voce alle donne

| Per tre giorni al Castello di San Giorgio Canavese si è discusso di politica, finanza, economia, salute, ricerca, rigenerazione urbana, migranti e cultura, attraverso la voce e lo sguardo femminile sulla nostra società

+ Miei preferiti
SAN GIORGIO - Firmata la Carta di Expoelette: obiettivo dare più voce alle donne
Seminari, libri, concerti, mostre, proiezioni, più di 50 ospiti e centinaia di partecipanti: si è conclusa con successo la prima edizione di Expoelette, Forum internazionale delle donne al governo della politica e dell’economia. Per tre giorni al Castello di San Giorgio Canavese si è discusso di politica, finanza, economia, salute, ricerca, rigenerazione urbana, migranti e cultura, attraverso la voce e lo sguardo femminile sulla nostra società.
 
Tra gli ospiti Livia Turco, presidente della Fondazione Nilde Iotti, le eurodeputate Cécile Kyenge e Lara Comi, quest’ultima protagonista insieme a Roberta Siliquini, presidente del Consiglio Superiore di Sanità, Anna Rossomando, parlamentare e membro della segreteria di Presidenza della Camera dei deputati, ed Elisa Padoan, direttrice di Reteconomy, della tavola rotonda conclusiva durante la quale è stata firmata la “Carta di Expoelette”, con obiettivi e strategie future per rendere più forte e riconoscibile la voce delle donne.
 
"Dare l'esempio è fondamentale - sottolinea Alberta Pasquero, presidente di S&T, promotore dell’evento - L’aggressività, con cui le donne fanno oggettivamente più fatica a confrontarsi, deve lasciare il passo all'ascolto. Serve un cambio di stile e questo fa parte dell'agenda attuale della politica e non soltanto. La carta di Expoelette, firmata oggi, parte proprio da questo".
 
"Io sono per eliminare le quote rosa - ha dichiarato l’eurodeputata Lara Comi - Il punto su cui lavorare ora è la parità di opportunità. Accanto ai sei mesi di maternità deve esserci un tempo analogo per la paternità che consenta ai padri di prendersi cura della famiglia. L'elettorato ha dimostrato di preferire in questo momento la donna per un motivo ben preciso: come è in grado di risolvere tanti problemi a casa e nella vita quotidiana l'idea è che possa farlo anche governando".
 
"Le quote non risolvono, ma da quando sono state introdotte c'è stato un forte impulso alla crescita della rappresentanza femminile - ha aggiunto Anna Rossomando, parlamentare e membro della segreteria di Presidenza della Camera dei deputati - La questione è come intendiamo la politica, perché quando diventa un fine più che un mezzo le donne vengono escluse. La battaglia che dobbiamo portare avanti è sul merito".
 
"La verità è che non ci sono molte donne con un curriculum che consenta loro di arrivare a essere scelte per merito per un ruolo di vertice - ha sottolineato Roberta Siliquini, presidente del Consiglio superiore di sanità - Bisogna spingere molto su questo e costruire un percorso di carriera che permetta alle donne di dimostrare la propria competenza per essere scelte. Una parola chiave è "formazione". Facendo però attenzione a non scimmiottare gli uomini nell'esercizio del potere".
Galleria fotografica
SAN GIORGIO - Firmata la Carta di Expoelette: obiettivo dare più voce alle donne - immagine 1
SAN GIORGIO - Firmata la Carta di Expoelette: obiettivo dare più voce alle donne - immagine 2
SAN GIORGIO - Firmata la Carta di Expoelette: obiettivo dare più voce alle donne - immagine 3
SAN GIORGIO - Firmata la Carta di Expoelette: obiettivo dare più voce alle donne - immagine 4
SAN GIORGIO - Firmata la Carta di Expoelette: obiettivo dare più voce alle donne - immagine 5
SAN GIORGIO - Firmata la Carta di Expoelette: obiettivo dare più voce alle donne - immagine 6
SAN GIORGIO - Firmata la Carta di Expoelette: obiettivo dare più voce alle donne - immagine 7
SAN GIORGIO - Firmata la Carta di Expoelette: obiettivo dare più voce alle donne - immagine 8
SAN GIORGIO - Firmata la Carta di Expoelette: obiettivo dare più voce alle donne - immagine 9
SAN GIORGIO - Firmata la Carta di Expoelette: obiettivo dare più voce alle donne - immagine 10
Politica
PONTE PRETI - La Città metropolitana assicura: «300 mila euro per la sicurezza»
PONTE PRETI - La Città metropolitana assicura: «300 mila euro per la sicurezza»
«Il ponte Preti è una struttura ben diversa dal ponte dell'autostrada A10 crollato a Genova ed è una struttura monitorata in continuo dal nostro servizio Viabilità»
PONTE PRETI - Il ponte è pericoloso? Bozzello: «Fermiamo subito i camion»
PONTE PRETI - Il ponte è pericoloso? Bozzello: «Fermiamo subito i camion»
Dopo il crollo del viadotto Morandi a Genova, anche in Canavese si sono moltiplicate le segnalazioni di ponti «problematici» perchè vecchi e (forse) alle prese con una scarsa manutenzione
CUORGNE' - Due tirocinanti diventano cantonieri per sei mesi
CUORGNE
«Un'iniziativa che si inserisce nell'ambito degli interventi a favore di soggetti svantaggiati ed in situazione economica precaria», dice il sindaco Pezzetto
IVREA - Parte il corso per le nuove Guardie Ecologiche Volontarie
IVREA - Parte il corso per le nuove Guardie Ecologiche Volontarie
Le lezioni si svolgeranno in più sedi contemporaneamente, collegate via video: Torino, Pinerolo, Susa, Lanzo e Ivrea
MAPPANO - Procedura finita, il Mercatone Uno può riaprire
MAPPANO - Procedura finita, il Mercatone Uno può riaprire
Con le cessioni è stata, pertanto, garantita la salvaguardia occupazionale di 2.304 dipendenti pari a circa l'85% del totale
CUORGNE' - Via le barriere architettoniche alla materna e in Manifattura
CUORGNE
«Abbiamo dato corso ad interventi attesi da lungo tempo in particolare presso la scuola», sottolinea l'assessore Lino Giacoma Rosa
CANAVESE - «Inutile sparare ai lupi ma servono azioni a tutela di chi lavora in montagna»
CANAVESE - «Inutile sparare ai lupi ma servono azioni a tutela di chi lavora in montagna»
Così Marco Bussone, Presidente nazionale Uncem (Unione Comuni, Comunità ed Enti montani) in merito alla notizia relativa alla proposta di sparare ai lupi con proiettili di gomma. Quello dei lupi è un problema sentito anche in Canavese
RIVARA - Strada stretta: borgata inaccessibile dalle ambulanze - FOTO
RIVARA - Strada stretta: borgata inaccessibile dalle ambulanze - FOTO
Riceviamo da Belboschetto una segnalazione di disagi e problematiche legate alla strada che collega il centro abitato
BORGARO - Defibrillatore in piazza Agorà: città cardioprotetta
BORGARO - Defibrillatore in piazza Agorà: città cardioprotetta
Il defibrillatore è stato poi consegnato alla dottoressa Stefania Scagliola, responsabile della farmacia numero 13 dell'Asm
LEINI - Problemi di sicurezza: chiude il parco «Grande Torino»
LEINI - Problemi di sicurezza: chiude il parco «Grande Torino»
«Sono emerse delle problematiche gravi, legate anche alla cattiva manutenzione», conferma il vicesindaco Fabrizio Troiani
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore