TORINO-BORGARO - Cittadini uniti: «Basta con il campo nomadi»

| Il Movimento 5 Stelle di Borgaro ha organizzato martedì sera un affollatissimo incontro per discutere di strada Aeroporto

+ Miei preferiti
TORINO-BORGARO - Cittadini uniti: «Basta con il campo nomadi»
Che il campo di strada Aeroporto sia un problema non è certo un mistero. Che stia creando problemi e disagi ai residenti della Circoscrizione 5 di Torino per i fumi tossici causati dai continui roghi di rifiuti neppure. E non è neppure un mistero l’esasperazione dei borgaresi costretti a viaggiare in condizioni difficili sulla navetta 69 che congiunge la cittadina a piazza Stampalia. Come è pure cosa nota che il Comune di Borgaro per risolvere almeno parzialmente la situazione abbia stanziato 20 mila euro e fatto un accorto con i City Angels affinchè tre ore al giorno accompagnino l’utenza su quel pullman divenuto ormai il più famoso d’Italia. 
 
Per discutere di tutti questi problemi e cercare eventuali soluzioni, il Movimento 5 Stelle di Borgaro ha organizzato martedì sera un affollatissimo incontro con Alberto Unia, capogruppo 5 Stelle in Sala Rossa, i colleghi Valentina Sganga e Debora Moltalbano e il vicesindaco della Città Metropolitana, Marco Marocco. Un confronto accesso con i cittadini non solo di Borgaro, ma anche di Venaria e della Circoscrizione 5 di Torino in cui la richiesta a gran voce è stata quella di trovare soluzioni e soprattutto far rispettare la legalità, che in poche parole significa sgombero immediato di tutta la parte abusiva del campo. Tanto per cominciare il Comitato Genitori di Borgaro ha chiesto all’amministrazione subalpina un aiuto economico per prolungare il servizio di vigilanza sul 69 oltre il mese di giugno. Fino ad allora è, infatti, coperto dai 20 mila euro stanziati da Borgaro e dalla convenzione con i City Angels. Di più il Comune certo non potrà fare. 
 
Forte e decisa si è poi alzata la voce di Maria Vittoria Calza del comitato barriera Lanzo che dopo aver descritto le disumane condizioni del campo in questione dove la Circoscrizione 5 ha perfino tenuto una commissione ha chiesto di porre fine ai roghi che i residenti di quella zona subiscono ormai da 30 anni e che addirittura si sono intensificati negli ultimi tempi. L’ex sindaco di Borgaro Giuseppe Vallone ha poi posto l’accento sul fatto che quel campo insiste nella fascia di rispetto di 150 metri dal torrente Stura. E’ illegale e per giunta pericoloso in caso di esondazione per le stesse persone che ci vivono. Maurizio Marrone, consigliere regionale di Fratelli d’Italia ha chiesto perché nonostante gli 11 indagati per truffa ai danni dello Stato (tra cui l’ex assessore di Borgaro, Michele Curto di Terra del Fuoco) delle tre cooperative sociali e il sequestro di mezzo milione di euro qualcuno di questi continui tranquillamente a lavorare nei campi per il Comune di Torino. 
 
Alberto Unia, capogruppo pentastellato in Sala Rossa ha garantito la massima attenzione sul tema e ha promesso di portare la proposta di aiuto economico a Borgaro all’attenzione della Giunta. Ha, inoltre, ribadito la volontà di bonificare, oltre il campo di via Germagnano (i cui lavori sono già in corso) anche quello di strada Aeroporto. «La questione non è solo di ordine pubblico – ha spiegato - parliamo di 1200 persone che dovrebbero essere sistemate, pena multe salate per il Comune dall’Europa. Ci sono trattati sull’immigrazione e accordi da cui non possiamo prescindere. Finito via Germagnano ribadisco faremo altrettanto in strada Aeroporto». Intanto la giunta Appendino ha cominciato con l’istituire il progetto speciale campi rom per per arrivare entro il 2020 al superamento definitivo di questo genere di accampamenti. Anche se i presenti martedì sera sono tornati a casa non soddisfatti (ma neppure il Movimento 5 Stelle possiede la bacchetta magica) la promessa è stata di nuovi confronti e si spera, qualche soluzione.
Galleria fotografica
TORINO-BORGARO - Cittadini uniti: «Basta con il campo nomadi» - immagine 1
TORINO-BORGARO - Cittadini uniti: «Basta con il campo nomadi» - immagine 2
Politica
PONTE PRETI - Droni e laser per valutare la «salute» della struttura
PONTE PRETI - Droni e laser per valutare la «salute» della struttura
La Città metropolitana ha consegnato al Club Turati di Castellamonte tutto il materiale sul ponte nuovo di Strambinello
RIVAROLO - L'asilo Maurizio Farina è tornato all'antico splendore
RIVAROLO - L
Sono terminati i lavori di restauro della facciata del palazzo ottocentesco, già sede del primo asilo aportiano del Piemonte
CASTELLAMONTE - Frazioni al voto: si parte il 5 novembre a Filia
CASTELLAMONTE - Frazioni al voto: si parte il 5 novembre a Filia
Si ricorda che le nomine dei candidati al Consiglio di Frazione dovranno essere presentate, direttamente dai candidati stessi, su apposito modulo entro le ore 17,30 di lunedì 22 ottobre
BORGARO - Sono partiti i lavori per il restyling di palazzo civico
BORGARO - Sono partiti i lavori per il restyling di palazzo civico
Nonostante il cantiere non ci saranno disagi, visto che sarà garantito il passaggio delle auto e l'accesso dei cittadini al municipio
IVREA - Arrigo Sacchi ospite all'assemblea di Confindustria
IVREA - Arrigo Sacchi ospite all
Il presidente nazionale di Confindustria, Boccia, il fisico Temporelli e l'ex allenatore del Milan il 30 ottobre alle Officine H
CUORGNE' - Una raccolta fondi per ridare vita all'area ex Salesiani
CUORGNE
Progetto di crowdfunding presentato da Fondazione di Comunità del Canavese con la collaborazione dei Comuni di Cuorgnè e Ivrea
FERROVIA CANAVESANA - A breve la firma del protocollo Regione-Rfi: poi (finalmente) partiranno i lavori
FERROVIA CANAVESANA - A breve la firma del protocollo Regione-Rfi: poi (finalmente) partiranno i lavori
L'accordo consentirà di dare il via ai lavori di messa in sicurezza della linea Canavesana e soprattutto di rivedere le prescrizioni sulla velocità. I treni torneranno a 70 chilometri orari se Gtt manterrà il doppio macchinista a bordo
VOLPIANO - Smog e blocchi auto: «Bene, ma Volpiano non è Torino»
VOLPIANO - Smog e blocchi auto: «Bene, ma Volpiano non è Torino»
Il sindaco: «Chiederemo che venga posizionata una centralina nella nostra zona per misurare i livelli effettivi di inquinamento»
SAN MAURIZIO - Gli ospiti della casa di riposo diventano scrittori
SAN MAURIZIO - Gli ospiti della casa di riposo diventano scrittori
Si è svolta sabato la presentazione di «Nella mente, nell'anima, nel cuore», la raccolta di racconti scritti dagli ospiti della Rsa
CANAVESE - Differenziata scarsa: 28 Comuni multati dalla Città metropolitana. Un conto da 700 mila euro
CANAVESE - Differenziata scarsa: 28 Comuni multati dalla Città metropolitana. Un conto da 700 mila euro
Il Comune più sanzionato è Forno Canavese (134 mila euro di multa), seguito a ruota da Bosconero, Feletto, Rivara, Ozegna, Sparone, Borgiallo, Pratiglione. La Città metropolitana disponibile «a verificare con i Comuni le situazioni»
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore