TRASPORTI - Legambiente boccia i treni del Piemonte: lenti e costosi

| Ogni giorno in Piemonte sono 165 mila i pendolari che prendono il treno per spostarsi per ragioni di lavoro o di studio, il 9,5% in meno rispetto al 2011

+ Miei preferiti
TRASPORTI - Legambiente boccia i treni del Piemonte: lenti e costosi
Ogni giorno in Piemonte sono 165 mila i pendolari che prendono il treno per spostarsi per ragioni di lavoro o di studio, il 9,5% in meno rispetto al 2011. E’ questa la più evidente e diretta conseguenza dei tagli al servizio ferroviario regionale che dal 2010 ad oggi hanno portato alla soppressione di intere linee con un taglio complessivo del servizio pari all’8,4%. E’ un Italia che viaggia sempre di più a velocità differenti, quella che viene fuori dal rapporto Pendolaria di Legambiente che, dal 2008, presenta la fotografia della situazione del trasporto ferroviario in Italia e ne racconta i cambiamenti. Sono proprio le differenze e diseguaglianze tra le diverse aree del Paese, ad essere al centro del focus quest’anno. Con realtà dove la situazione è migliorata ed altre, come il Piemonte, in cui ci sono meno treni e anche più lenti che in passato.
 
Scorrendo i dati contenuti nel rapporto di Legambiente si può constatare come i pendolari siano aumentati dove il servizio non è stato tagliato e dove sono stati realizzati investimenti per l’acquisto di nuovi treni, come in Lombardia dove sono arrivati a 712 mila (con un +1,3%), in Emilia-Romagna (+3%) e in Alto Adige (dove sulle linee riqualificate con treni nuovi sono triplicati, da 11.000 nel 2011 a quasi 32.000). Mentre continua a calare in Regioni dove dal 2010 a oggi sono stati realizzati solo tagli ai servizi (in Calabria -26,4% treni in circolazione e -31% passeggeri, in Campania -15,1% treni e -40,3% passeggeri, in Piemonte –8,4% e -9,5%).
 
Le ragioni di questa situazione sono da individuare, secondo Legambiente, in alcuni gravi errori compiuti in questi anni nelle politiche dei trasporti. Innanzitutto un trasferimento dei poteri sul servizio ferroviario locale alle Regioni senza indirizzi e controlli. Per cui sono state chiuse linee e cancellati collegamenti senza alcun intervento da parte dello Stato, quando i diritti dei cittadini alla mobilità sono gli stessi da Bolzano a Ragusa e garantiti da risorse pubbliche. In secondo luogo le risorse da parte dello Stato per far circolare i treni regionali sono state ridotte tra il 2009 e il 2016 del 19,1%, e solo poche Regioni hanno investito per garantire il servizio, in tutte le altre sono avvenuti tagli e aumenti dei biglietti. E’ da sottolineare poi che le Regioni hanno investito pochissimo per potenziare il servizio e comprare treni: tra il 2005 e il 2015 il Piemonte ha investito appena 7,06 euro all’anno per abitante contro i 14,35 euro della vicina Lombardia. Stanziamenti che nel 2015 hanno raggiunto in Piemonte la risibile cifra dello 0,06% del bilancio regionale.
Politica
SAN BENIGNO - Il sindaco con i pendolari della ferrovia Canavesana
SAN BENIGNO - Il sindaco con i pendolari della ferrovia Canavesana
«La gravità del problema è evidente - dice Maura Geminiani - con ritardi cronici tra i 15 e i 40 minuti nelle ore di punta»
CUORGNE' - La storia di Fillak rivive nel libro «Lettere dal carcere»
CUORGNE
L'uscita del libro è stata l'occasione per premiare gli studenti che hanno conseguito la licenza media col massimo dei voti
RIVAROLO - Raffica di dossi sulle strade per rallentare le auto
RIVAROLO - Raffica di dossi sulle strade per rallentare le auto
I lavori in cinque vie lungo le quali i residenti hanno chiesto interventi al Comune per moderare la velocità dei veicoli in transito
IVREA - Le aziende del Canavese a sostegno del Carnevale
IVREA - Le aziende del Canavese a sostegno del Carnevale
Si tratta di una scelta di responsabilità e di investimento sul territorio che le ha viste nascere e crescere: un impegno concreto
RIVAROLO - Mai dire... consiglio: quando parla Raimondo, muore un ambientalista
RIVAROLO - Mai dire... consiglio: quando parla Raimondo, muore un ambientalista
A Rivarolo c'è sempre qualche colpo di scena per fare in modo che lo sparuto pubblico non pagante debba necessariamente rinunciare alle partite di calcio in Tv...
RIVAROLO - Il sindaco: «Abbiamo impedito l'arrivo di altri profughi»
RIVAROLO - Il sindaco: «Abbiamo impedito l
Per il centrodestra c'è un problema di sicurezza: «All'hotel Europa sono in 128 quando lo stabile ha l'agibilità solo per 60 persone»
FERROVIA CANAVESANA - Ritardi e disservizi: anche i sindaci sul piede di guerra
FERROVIA CANAVESANA - Ritardi e disservizi: anche i sindaci sul piede di guerra
Visto che le segnalazioni di ritardi, guasti e carrozze al freddo sono ormai all'ordine del giorno da almeno quattro mesi, la politica locale ha deciso di darsi una mossa
PROFUGHI IN CANAVESE - I Comuni scrivono al prefetto: «Noi abbiamo già fatto la nostra parte: stop agli arrivi»
PROFUGHI IN CANAVESE - I Comuni scrivono al prefetto: «Noi abbiamo già fatto la nostra parte: stop agli arrivi»
La scorsa settimana sindaci e amministratori hanno dato mandato al Ciss38, il consorzio dei servizi socio assistenziali, di scrivere al prefetto sulla questione migranti. «Abbiamo già soddisfatto i parametri previsti per l'accoglienza»
CUORGNE' - Cavalot stronca la giunta Pezzetto: «Non fate nulla»
CUORGNE
Sul ricorso al lodo Asa, invece, per la prima volta anche l'ex sindaco si è trovato (stranamente) d'accordo con l'amministrazione
CASTELLAMONTE - L'ex ospedale non chiude: diventa Casa della Salute
CASTELLAMONTE - L
La struttura della città della ceramica ospiterà anche il centro diurno per l’autismo adulto dedicato a tutto il territorio del Canavese
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore