VALPERGA - Crolla il campanile: da nove mesi un'intera famiglia è senza casa

| In consiglio, su richiesta dei gruppi di minoranza, il sindaco ha fatto un rendiconto delle spese sostenute dal Comune per l’emergenza. Circa 10 mila euro, compreso l’aiuto che, per sei mesi, è stato destinato alla famiglia

+ Miei preferiti
VALPERGA - Crolla il campanile: da nove mesi unintera famiglia è senza casa
Dopo nove mesi stanno ancora attendendo di poter rientrare in casa. Sono la famiglia di Valperga «sfollata» lo scorso ottobre quando un fulmine ha fatto crollare il campanile della chiesa di Sant’Antonio Abate. Situazione assurda: pur disponibile a iniziare subito i lavori per rimettere in sesto la propria casa, la famiglia è stata bloccata dalla burocrazia e dal fatto che la curia, proprietaria del campanile e dell'ex chiesa attigua, non ha i soldi per i lavori della parte di propria competenza. Tra l'altro, passati i sei mesi dal crollo, è venuto meno anche l’aiuto del Comune. Del caso se ne è occupato anche il consiglio comunale di Valperga grazie a un'interpellanza dei gruppi di opposizione. «Ci sarebbe una soluzione alternativa a costo zero - ha risposto il sindaco Gabriele Francisca - con uno spostamento della famiglia nell’ex asilo diventato proprietà della città. Anche il parroco ha dato il via libera però l’iter ha subito uno stop perchè serve il via libera della sovrintendenza che, per il momento, non c’è». 
 
Celere Spaziante, il legale della famiglia rimasta senza casa, chiederà al tribunale di Ivrea la nomina di un consulente per valutare i danni subiti dall’immobile e accertare le responsabilità di quello che è successo. Perchè è vero che il crollo è stato provocato da un fulmine ma il vecchio campanile, così come la chiesa, probabilmente necessitava da tempo dell’ordinaria manutenzione. «Ci aspettiamo più collaborazione da parte della parrocchia per chiudere questa delicata partita nel minor tempo possibile», dice Spaziante. 
 
In consiglio, su richiesta dei gruppi di minoranza, il sindaco ha fatto un rendiconto delle spese sostenute dal Comune per gestire l’emergenza. Circa 10 mila euro, compreso l’aiuto che, per sei mesi, è stato destinato alla famiglia rimasta senza casa. «Abbiamo chiesto il rimborso dell’intera cifra al servizio di protezione civile della Regione Piemonte – specifica il primo cittadino – so che i ragazzi sono ancora in difficoltà ma ci sono dei problemi con la parte di proprietà della curia. Noi abbiamo fatto tutto il possibile». I consiglieri di opposizione, però, annunciano battaglia. «Va bene chiedere i rimborsi alla Regione, ma non ci si può lavare le mani in questa maniera – sentenzia l’ex sindaco Davide Brunasso – c’è una famiglia che è rimasta senza casa. Bisognerebbe avere a cuore le sorti dei valperghesi». Dello stesso avviso il consigliere Giuliano Arimondo: «Abbiamo chiesto maggiore impegno al sindaco su questa vicenda. Il suo silenzio è a dir poco imbarazzante. Non finirà qui».
Video
Politica
RIVAROLO - Addio area Vallesusa: diventerà deposito del cippato?
RIVAROLO - Addio area Vallesusa: diventerà deposito del cippato?
Rivarolo resta senza teatro e senza area expo. Cambio di sede anche per il Vespa Club e la Galleria della locomozione storica
CUORGNE' - Il progetto della scuola Cena supera l'esame della Regione
CUORGNE
Pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte del 9 agosto la graduatoria relativa agli interventi di messa in sicurezza degli edifici scolastici
CANAVESE - L'Uncem: «Su lupi e ungulati stiamo dalla parte degli allevatori»
CANAVESE - L
«Uncem da sempre sta dalla parte degli allevatori, delle imprese agricole, di chi svolge un ruolo attivo nelle aree montane»
PONTE PRETI - 6000 firme raccolte per chiedere interventi urgenti
PONTE PRETI - 6000 firme raccolte per chiedere interventi urgenti
Bozzello alla carica: promosso un incontro pubblico a Castellamonte sulla situazione del ponte il prossimo otto settembre
PONTE PRETI - «La manutenzione del ponte con i pedaggi della Torino-Aosta»
PONTE PRETI - «La manutenzione del ponte con i pedaggi della Torino-Aosta»
Proposta dell'Uncem per garantire maggiori opere di manutenzione su alcuni assi viari molto trafficati
LEINI - Polemica sulla ristrutturazione della scuola Anna Frank
LEINI - Polemica sulla ristrutturazione della scuola Anna Frank
«I locali non potevano essere utilizzati perché privi di tutta la documentazione necessaria» ha fatto presente il consigliere Pittalis
FELETTO - Settimana decisiva per salvare la stazione ferroviaria
FELETTO - Settimana decisiva per salvare la stazione ferroviaria
Il comitato «No alla chiusura della stazione ferroviaria di Feletto» continua nella sua battaglia per evitare la soppressione
CHIVASSO - Il 31 agosto chiuderà per sempre la discarica dei Pogliani
CHIVASSO - Il 31 agosto chiuderà per sempre la discarica dei Pogliani
«Finalmente riusciamo a vedere un po' di luce, ma non la fine, al fondo del tunnel», dice il sindaco chivassese Castello
PONTE PRETI - La Città metropolitana assicura: «300 mila euro per la sicurezza»
PONTE PRETI - La Città metropolitana assicura: «300 mila euro per la sicurezza»
«Il ponte Preti è una struttura ben diversa dal ponte dell'autostrada A10 crollato a Genova ed è una struttura monitorata in continuo dal nostro servizio Viabilità»
PONTE PRETI - Il ponte è pericoloso? Bozzello: «Fermiamo subito i camion»
PONTE PRETI - Il ponte è pericoloso? Bozzello: «Fermiamo subito i camion»
Dopo il crollo del viadotto Morandi a Genova, anche in Canavese si sono moltiplicate le segnalazioni di ponti «problematici» perchè vecchi e (forse) alle prese con una scarsa manutenzione
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore