VALPERGA - «Sindaco dittatore»: le minoranze disertano il consiglio

| Contro i metodi di Francisca e della maggioranza, le opposizioni salgono sull'Aventino: «E' ora di dire basta»

+ Miei preferiti
VALPERGA - «Sindaco dittatore»: le minoranze disertano il consiglio
Consiglio comunale senza i gruppi di minoranza a Valperga. I consiglieri di "Impegno civico per Valperga" e "Primavera a Valperga", hanno annunciato la loro assenza con una lettera indirizzata al sindaco Gabriele Francisca e all'intero consiglio comunale. Eccola.
 
«I consiglieri Walter Sandretto e Giuliano Arimondo, Davide Maria Brunasso Cassinino e Chiara Boggio, rendono noto che non parteciperanno alla seduta consiliare e ciò al fine di contestare e rendere manifesto il proprio totale dissenso al metodo ostativo, arrogante e prevaricatore fin qui perseguito dal Sig. Sindaco e dalla sua maggioranza che continuano, al di là dagli ostentati buoni propositi di facciata, ad estromettere da qualsiasi dialogo, informazione e concertazione le minoranze e questo anche laddove sarebbe più che mai doveroso coinvolgerle dovendosi l’Assemblea confrontare con gli interessi generali della comunità,  come appunto accade per  il caso di cui alla precitata convocazione. Occorre, infatti, che il Sig. Sindaco dismetta una volta per tutte l’autoritarismo retrivo che fin qui l’ha contraddistinto e, per lo meno quando si tratta di deliberare su argomenti tali da richiedere il più ampio approfondimento, metta in condizioni le minoranze di recitare il ruolo che ad esse competono, senza svilirle al rango di comparse e/o di figuranti mai partecipati di alcuna decisione politica.  
 
In particolare, non è accettabile che il Sig. Sindaco imponga dall’alto l’adesione del nostro Comune all’Unione Montana Val Gallenca senza dare informazione alle minoranze sulla carta fondamentale, ossia sullo Statuto, che viene proposto e senza preoccuparsi di rendere noti alle minoranze stesse ed alla Comunità che rappresenta i vantaggi reali in termine di miglioramento dei servizi e di economicità degli stessi che si ipotizza di ottenere, in aderenza (si spera) alle norme imperative in materia. Lo stesso silenzio del Sig. Sindaco e della sua maggioranza sui precisi interrogativi sollevati in tal senso dagli scriventi durante la scorsa seduta consiliare del 28/9 è espressione di vieta supponenza che non è possibile tollerare oltre, soprattutto perché, con la decisione che si vorrebbe avallare, si vengono a toccare assetti fondamentali delle istituzioni, meritevoli della più attenta disamina e della più puntuale attività informativa da parte dell’Unico Decidente. 
 
Per finire, si ricorda con rammarico come Ella, Sig. Sindaco, sia venuto meno alla parola data in conferenza dei Capigruppo ove aveva promesso la discussione preventiva dell’approvando Statuto con i gruppi di minoranza, mentre tale documento viene ora imposto ex cathedra  senza alcuna riunione conoscitiva preparatoria supportata dalla documentazione occorrente. Con tale atteggiamento, pertanto, la maggioranza si rende responsabile e sarà responsabile anche patrimonialmente delle scelte operate manu militari dal Sig. Sindaco, nonché del suo avventurismo nell'adesione all'Unione Montana Val Gallenca che rischia di far compiere  alla Comunità un vero e proprio salto nel buio, con l’ausilio, oltretutto, di disposizioni regolamentari giuridicamente insostenibili. 
 
Da ultimo, si fa notare alle SS.VV. come le minoranze siano venute a conoscenza dell’attuale convocazione straordinaria del Consiglio prima dagli organi di stampa che non dal Sindaco il quale ha così dimostrato, una volta di più, tutto lo spregio che Egli nutre nei confronti della dialettica democratica con le minoranze stesse. In buona sostanza, detto senza mezzi termini, siamo stufi di essere presi in giro insieme a tutti i cittadini di questo paese che abbiamo l’onore di rappresentare (e sono la maggioranza). 
 
Riteniamo che si sia passato il segno e sia ora di dire con fermezza basta agli atteggiamenti dittatoriali che finora Ella, Sig. Sindaco, ha dispensato anche quando il Consiglio è chiamato a decidere su tematiche incidenti  sull’assetto stesso della comunità da Lei amministrata, anzi signoreggiata. Per concludere, vorremmo rammentare al Sig. Sindaco che non esercita un potere, ma svolge semplicemente un servizio, pur percependo da tutti i cittadini quell’indennità che, prima di essere investito dell’attuale carica, Ella ha sempre avversato. Le confermiamo, comunque, così come lo ribadiamo agli elettori ed ai cittadini tutti, che gli scriventi continueranno ad adempiere con impegno, scrupolo e crescente attenzione il proprio “servizio” di consiglieri comunali, anche ad onta delle barriere che Sindaco e maggioranza vorrebbero frapporre».
Dove è successo
Politica
CANAVESE - In arrivo altri disagi per chi usa le ferrovie di Gtt
CANAVESE - In arrivo altri disagi per chi usa le ferrovie di Gtt
Dopo due anni di tavoli di trattative, l'altra mattina brutta fumata nera per la negoziazione del Settore Tecnico Ferrovie
MAPPANO COMUNE - Sentenza del Tar Piemonte il 31 maggio
MAPPANO COMUNE - Sentenza del Tar Piemonte il 31 maggio
Il «Comitato per la costituzione di Mappano Comune» ha presentato istanza urgente per bloccare il ricorso di Borgaro e Leini
IVREA - Salvatore Borsellino in città a 25 anni da via D'Amelio
IVREA - Salvatore Borsellino in città a 25 anni da via D
L'agenda rossa di Paolo Borsellino è sparita subito dopo l'attentato di stampo mafioso del 19 luglio 1992 in cui perse la vita
BOLLENGO - Art Bonus per la chiesa dei Santi Pietro e Paolo
BOLLENGO - Art Bonus per la chiesa dei Santi Pietro e Paolo
Su proposta del sindaco, la giunta comunale ha deliberato di utilizzare le opportunità offerte dal decreto legge Art Bonus
RIVAROLO - Elezioni Eaton: vince la Uilm Canavese
RIVAROLO - Elezioni Eaton: vince la Uilm Canavese
La Uilm del Canavese è l’organizzazione più votata in azienda con il 51.56%
FERROVIA CANAVESANA - La Cgil contro Gtt e Regione Piemonte: «Siamo delusi e incazzati»
FERROVIA CANAVESANA - La Cgil contro Gtt e Regione Piemonte: «Siamo delusi e incazzati»
Oggi prima giornata senza treni sulla Rivarolo-Pont Canavese e nessuna soppressione a sorpresa (almeno salvo imprevisti in serata) sulla tratta Rivarolo-Torino Porta Susa. Il sindacato, intanto, se la prende con azienda e Regione
RIVAROLO - La scuola di Argentera intitolata al maestro Caligaris
RIVAROLO - La scuola di Argentera intitolata al maestro Caligaris
A 18 anni dalla prima richiesta, la scuola primaria della frazione ha finalmente un nome, a ricordo di una persona illustre
RIVABANCA - I soci di Alba hanno approvato la fusione con Rivarolo e Rivara: si rafforza la Banca del Canavese
RIVABANCA - I soci di Alba hanno approvato la fusione con Rivarolo e Rivara: si rafforza la Banca del Canavese
Ospite d’eccezione all'assemblea il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani che ha assistito, oltre al via libera alla fusione con RivaBanca, anche al voto favorevole per l'ingresso di Banca d'Alba e del Canavese in Iccrea
ECONOMIA - Lo sviluppo del Canavese (ri)parte da 113 progetti: è il nuovo Piano di Sviluppo. Ora si cercano i soldi
ECONOMIA - Lo sviluppo del Canavese (ri)parte da 113 progetti: è il nuovo Piano di Sviluppo. Ora si cercano i soldi
Il Piano di Sviluppo del Canavese, presentato a Colleretto Giacosa, poggia su cinque assi tematici: Industria e attività produttive, Infrastrutture e trasporti, Formazione e istruzione, Turismo cultura e sport, Sanità e welfare
OZEGNA - Grande festa per l'autonomia del Comune - FOTO
OZEGNA - Grande festa per l
Ricorrenza storica per il Comune che oggi ha celebrato i 70 anni della propria riconquistata autonomia dopo la guerra
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore