VERGOGNA SULLA 460 - Ancora spazzatura sulla strada del Gran Paradiso: cittadini scrivono a Comuni ed ex provincia

| Dopo gli appelli (inascoltati) alla Città Metropolitana di Torino, i cittadini hanno preso carta e penna per ricordare agli enti pubblici (e non solo) il dovere di procedere alla pulizia e al controllo delle strade...

+ Miei preferiti
VERGOGNA SULLA 460 - Ancora spazzatura sulla strada del Gran Paradiso: cittadini scrivono a Comuni ed ex provincia
Non passa giorno che i mucchi di spazzatura lungo l'ex statale 460 si rimpinguano di nuovi oggetti. Dai materassi ai sanitari, dai mobili ai pneumatici. Dopo gli appelli (inascoltati) alla Città Metropolitana di Torino, i cittadini hanno preso carta e penna per ricordare agli enti pubblici (e non solo) il dovere di procedere alla pulizia e al controllo delle strade. Abbiamo ricevuto la lettera che il blogger Francesco Corradino ha spedito, tra gli altri, all'ex Provincia di Torino, alla Regione e ai Comuni di Leinì, San Benigno Canavese, Lombardore, Rivarolo, Feletto. Lettera (come le foto) tratta dal blog sublimati.blogspot.it.
 
LA CIVILTÀ DELLA SPAZZATURA
 
«Mi piacerebbe poter parlare soltanto di civiltà, ma ahimè in quest'epoca è difficile parlarne senza parlare di sporcizia e spazzatura: inevitabile conseguenza del consumismo. Mi capita a volte, percorrendo strade extra urbane, di vedere sul ciglio della strada delle buste di plastica piene di spazzatura buttate da qualche imbecille. Ma si tratta di avvenimenti sporadici, o temporanei, perché qualcuno si preoccupa di far ripulire. In questa casistica certamente non rientrano alcune zone del canavese tra Caselle e Ivrea. Una vergogna che persiste da decenni.
 
Ho una casa nel Canavese e settimanalmente percorro la strada che da Caselle porta a Ivrea. L'ultima volta che è stata ripulita qualche zona risale ad almeno dieci anni fa, ad eccezione della zona di Lombardore-Leinì che qualche anno fa, dietro questa stessa lettera, è stata ripulita. Ma oggi è più sporca di prima, come lo sarebbe casa mia se la pulissi ogni dieci anni. Ma chi è colpevole di tale incuria? Forse il colpevole sono io stesso, perché non passo il mio tempo soltanto a scrivere lettere di protesta.
 
Penso che ogni cittadino che tutte le mattine ha facoltà di poter decidere se quel giorno vuole mangiare o vuole digiunare, lo può fare perché ha la fortuna di vivere nella società del benessere materiale. Ma non sempre il benessere è sinonimo di civiltà. La civiltà di un popolo, recita un dizionario, è Forma elevata di organizzazione sociale, raggiunta grazie a un adeguato sviluppo di conoscenze materiali e intellettuali, progresso, educazione, rispetto per gli altri e urbanità. Quindi far funzionare l'urbanità, cioè la “cosa comune” è civiltà.
 
Far funzionare la cosa pubblica non richiede un atto di eroismo: quello appartiene a chi si sacrifica, a volte fino alla morte, per un alto ideale; e non si tratta nemmeno di aspirazione alla perfezione umana: persino a Dio alcuni uomini sono venuti una schifezza. In questo caso, far funzionare la cosa pubblica consiste semplicemente nell'occuparsi degli “escrementi” abbandonati da imbecilli. Per evitare incomprensioni, mi spiego meglio: dove non arrivano gli effetti del processo di civilizzazione, devono, necessariamente, arrivare i provvedimenti di chi è pagato per gestire un bene pubblico.
 
Non riesco a credere che chi ha il dovere di occuparsi del suolo pubblico non sia capace di risolvere un problema così banale: trovare una soluzione per la pulizia. Magari cercando di colpire duramente questi imbecilli che abbandonano sulla strada la spazzatura. Qualcuno mi dirà che la saggezza consiglia di indulgere con gli imbecilli. Sono d'accordo. Ma non si può pretendere di farlo con chi imbecille non è; con chi amministra un bene pubblico. La domanda che mi faccio oggi è la seguente: chi è più incapace, chi abbandona la spazzatura in quelle aree o chi dovrebbe pulire e non lo fa? Una prima semplicistica risposta è che sono incapaci sia gli uni che gli altri. Ma devo subito smentirmi, perché questo non è possibile: vorrebbe dire che chi è pagato per amministrare una cosa pubblica è un incapace. Allora faccio un'altra ipotesi: forse non si tratta di imbecillità, ma di menefreghismo.
 
Certamente chi abbandona in quei punti divani, materassi, sedie, forni, cucine ecc. è un imbecille ignorante, perché la raccolta dei rifiuti solidi è gratuita anche a domicilio. Ma è possibile che anche gli amministratori di un bene pubblico siano imbecilli e ignoranti? Spero che non sia così; anzi dico che è impossibile! Se non è possibile istallare delle telecamere per multare chi sporca, forse basterebbe tener pulito: perché gli imbecilli se vedono sporco aggiungono la loro dose, ma se trovano pulito, alcuni, desistono dallo sporcare.   
 
Un cordiale saluto...
Francesco Corradino (blogger)
Galleria fotografica
VERGOGNA SULLA 460 - Ancora spazzatura sulla strada del Gran Paradiso: cittadini scrivono a Comuni ed ex provincia - immagine 1
VERGOGNA SULLA 460 - Ancora spazzatura sulla strada del Gran Paradiso: cittadini scrivono a Comuni ed ex provincia - immagine 2
VERGOGNA SULLA 460 - Ancora spazzatura sulla strada del Gran Paradiso: cittadini scrivono a Comuni ed ex provincia - immagine 3
VERGOGNA SULLA 460 - Ancora spazzatura sulla strada del Gran Paradiso: cittadini scrivono a Comuni ed ex provincia - immagine 4
VERGOGNA SULLA 460 - Ancora spazzatura sulla strada del Gran Paradiso: cittadini scrivono a Comuni ed ex provincia - immagine 5
Politica
ALPETTE - «Il 25 Aprile e la Resistenza, per gli Alpettesi, sono ancora valori importanti»
ALPETTE - «Il 25 Aprile e la Resistenza, per gli Alpettesi, sono ancora valori importanti»
In prima fila il gonfalone del Comune di Alpette e le bandiere delle sezioni Anpi
VOLPIANO - Ancora non ci sono offerte per la Comital e la Lamalù
VOLPIANO - Ancora non ci sono offerte per la Comital e la Lamalù
Il sindacato ha lanciato un appello a istituzioni e curatela fallimentare per fare in modo che questo bando non vada deserto
CUORGNE' - Un 25 Aprile in ricordo di Cecilia Genisio - FOTO
CUORGNE
La manifestazione è iniziata con il corteo al cimitero del capoluogo, la deposizione della corona d’alloro al campo della Gloria e la preghiera comunitaria
CASTELLAMONTE - Una copia della Costituzione ai neo diciottenni - FOTO
CASTELLAMONTE - Una copia della Costituzione ai neo diciottenni - FOTO
Un'iniziativa legata alle celebrazioni del 25 Aprile voluta dall'amministrazione per coinvolgere anche le nuove generazioni
IVREA - «Salviamo il pianeta»: i lavori dei ragazzi in municipio
IVREA - «Salviamo il pianeta»: i lavori dei ragazzi in municipio
I manifesti e i disegni sono stati realizzati dai ragazzi che hanno sfilato nelle vie centrali di Ivrea lo scorso 15 marzo
RIVAROLO - 25 Aprile: il Comune intitola una via a Primo Levi - VIDEO
RIVAROLO - 25 Aprile: il Comune intitola una via a Primo Levi - VIDEO
In mattinata il corteo, alla presenza del sindaco Rostagno e del sindaco dei ragazzi, ha reso omaggio al monumento di corso Torino
RIVAROLO - Vandalizzati alcuni manifesti della lista di Bertot - FOTO
RIVAROLO - Vandalizzati alcuni manifesti della lista di Bertot - FOTO
La campagna elettorale per le amministrative di Rivarolo Canavese, da qualche settimana, si gioca anche sui muri della città
ELEZIONI RIVAROLO - Alberto Rostagno presenta la sua squadra: «Per continuare il lavoro di questi cinque anni»
ELEZIONI RIVAROLO - Alberto Rostagno presenta la sua squadra: «Per continuare il lavoro di questi cinque anni»
«Abbiamo messo in sicurezza il bilancio del Comune, risolto contenziosi legali pendenti, progettato il futuro della città - ha spiegato Alberto Rostagno - ora ci proponiamo di continuare il lavoro svolto per il bene di Rivarolo»
VALPERGA - Adesivi contro il 25 Aprile sulla lapide del partigiano Francesco Poletto
VALPERGA - Adesivi contro il 25 Aprile sulla lapide del partigiano Francesco Poletto
A darne notizia, sui social, Marco Varda che ha accompagnato il portabandiera della sezione Anpi Valperga Pertusio nel suo consueto giro per portare i fiori ai partigiani caduti
VOLPIANO - Sabato taglio del nastro per la nuova area pic-nic
VOLPIANO - Sabato taglio del nastro per la nuova area pic-nic
L'area è dedicata alle famiglie, con tavolini, griglie per cuocere alla brace, portabici, attrezzi per attività fisica e porte da calcio
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore