VERGOGNA SULLA 460 - Ancora spazzatura sulla strada del Gran Paradiso: cittadini scrivono a Comuni ed ex provincia

| Dopo gli appelli (inascoltati) alla Città Metropolitana di Torino, i cittadini hanno preso carta e penna per ricordare agli enti pubblici (e non solo) il dovere di procedere alla pulizia e al controllo delle strade...

+ Miei preferiti
VERGOGNA SULLA 460 - Ancora spazzatura sulla strada del Gran Paradiso: cittadini scrivono a Comuni ed ex provincia
Non passa giorno che i mucchi di spazzatura lungo l'ex statale 460 si rimpinguano di nuovi oggetti. Dai materassi ai sanitari, dai mobili ai pneumatici. Dopo gli appelli (inascoltati) alla Città Metropolitana di Torino, i cittadini hanno preso carta e penna per ricordare agli enti pubblici (e non solo) il dovere di procedere alla pulizia e al controllo delle strade. Abbiamo ricevuto la lettera che il blogger Francesco Corradino ha spedito, tra gli altri, all'ex Provincia di Torino, alla Regione e ai Comuni di Leinì, San Benigno Canavese, Lombardore, Rivarolo, Feletto. Lettera (come le foto) tratta dal blog sublimati.blogspot.it.
 
LA CIVILTÀ DELLA SPAZZATURA
 
«Mi piacerebbe poter parlare soltanto di civiltà, ma ahimè in quest'epoca è difficile parlarne senza parlare di sporcizia e spazzatura: inevitabile conseguenza del consumismo. Mi capita a volte, percorrendo strade extra urbane, di vedere sul ciglio della strada delle buste di plastica piene di spazzatura buttate da qualche imbecille. Ma si tratta di avvenimenti sporadici, o temporanei, perché qualcuno si preoccupa di far ripulire. In questa casistica certamente non rientrano alcune zone del canavese tra Caselle e Ivrea. Una vergogna che persiste da decenni.
 
Ho una casa nel Canavese e settimanalmente percorro la strada che da Caselle porta a Ivrea. L'ultima volta che è stata ripulita qualche zona risale ad almeno dieci anni fa, ad eccezione della zona di Lombardore-Leinì che qualche anno fa, dietro questa stessa lettera, è stata ripulita. Ma oggi è più sporca di prima, come lo sarebbe casa mia se la pulissi ogni dieci anni. Ma chi è colpevole di tale incuria? Forse il colpevole sono io stesso, perché non passo il mio tempo soltanto a scrivere lettere di protesta.
 
Penso che ogni cittadino che tutte le mattine ha facoltà di poter decidere se quel giorno vuole mangiare o vuole digiunare, lo può fare perché ha la fortuna di vivere nella società del benessere materiale. Ma non sempre il benessere è sinonimo di civiltà. La civiltà di un popolo, recita un dizionario, è Forma elevata di organizzazione sociale, raggiunta grazie a un adeguato sviluppo di conoscenze materiali e intellettuali, progresso, educazione, rispetto per gli altri e urbanità. Quindi far funzionare l'urbanità, cioè la “cosa comune” è civiltà.
 
Far funzionare la cosa pubblica non richiede un atto di eroismo: quello appartiene a chi si sacrifica, a volte fino alla morte, per un alto ideale; e non si tratta nemmeno di aspirazione alla perfezione umana: persino a Dio alcuni uomini sono venuti una schifezza. In questo caso, far funzionare la cosa pubblica consiste semplicemente nell'occuparsi degli “escrementi” abbandonati da imbecilli. Per evitare incomprensioni, mi spiego meglio: dove non arrivano gli effetti del processo di civilizzazione, devono, necessariamente, arrivare i provvedimenti di chi è pagato per gestire un bene pubblico.
 
Non riesco a credere che chi ha il dovere di occuparsi del suolo pubblico non sia capace di risolvere un problema così banale: trovare una soluzione per la pulizia. Magari cercando di colpire duramente questi imbecilli che abbandonano sulla strada la spazzatura. Qualcuno mi dirà che la saggezza consiglia di indulgere con gli imbecilli. Sono d'accordo. Ma non si può pretendere di farlo con chi imbecille non è; con chi amministra un bene pubblico. La domanda che mi faccio oggi è la seguente: chi è più incapace, chi abbandona la spazzatura in quelle aree o chi dovrebbe pulire e non lo fa? Una prima semplicistica risposta è che sono incapaci sia gli uni che gli altri. Ma devo subito smentirmi, perché questo non è possibile: vorrebbe dire che chi è pagato per amministrare una cosa pubblica è un incapace. Allora faccio un'altra ipotesi: forse non si tratta di imbecillità, ma di menefreghismo.
 
Certamente chi abbandona in quei punti divani, materassi, sedie, forni, cucine ecc. è un imbecille ignorante, perché la raccolta dei rifiuti solidi è gratuita anche a domicilio. Ma è possibile che anche gli amministratori di un bene pubblico siano imbecilli e ignoranti? Spero che non sia così; anzi dico che è impossibile! Se non è possibile istallare delle telecamere per multare chi sporca, forse basterebbe tener pulito: perché gli imbecilli se vedono sporco aggiungono la loro dose, ma se trovano pulito, alcuni, desistono dallo sporcare.   
 
Un cordiale saluto...
Francesco Corradino (blogger)
Galleria fotografica
VERGOGNA SULLA 460 - Ancora spazzatura sulla strada del Gran Paradiso: cittadini scrivono a Comuni ed ex provincia - immagine 1
VERGOGNA SULLA 460 - Ancora spazzatura sulla strada del Gran Paradiso: cittadini scrivono a Comuni ed ex provincia - immagine 2
VERGOGNA SULLA 460 - Ancora spazzatura sulla strada del Gran Paradiso: cittadini scrivono a Comuni ed ex provincia - immagine 3
VERGOGNA SULLA 460 - Ancora spazzatura sulla strada del Gran Paradiso: cittadini scrivono a Comuni ed ex provincia - immagine 4
VERGOGNA SULLA 460 - Ancora spazzatura sulla strada del Gran Paradiso: cittadini scrivono a Comuni ed ex provincia - immagine 5
Politica
PONTE PRETI - La Città metropolitana assicura: «300 mila euro per la sicurezza»
PONTE PRETI - La Città metropolitana assicura: «300 mila euro per la sicurezza»
«Il ponte Preti è una struttura ben diversa dal ponte dell'autostrada A10 crollato a Genova ed è una struttura monitorata in continuo dal nostro servizio Viabilità»
PONTE PRETI - Il ponte è pericoloso? Bozzello: «Fermiamo subito i camion»
PONTE PRETI - Il ponte è pericoloso? Bozzello: «Fermiamo subito i camion»
Dopo il crollo del viadotto Morandi a Genova, anche in Canavese si sono moltiplicate le segnalazioni di ponti «problematici» perchè vecchi e (forse) alle prese con una scarsa manutenzione
CUORGNE' - Due tirocinanti diventano cantonieri per sei mesi
CUORGNE
«Un'iniziativa che si inserisce nell'ambito degli interventi a favore di soggetti svantaggiati ed in situazione economica precaria», dice il sindaco Pezzetto
IVREA - Parte il corso per le nuove Guardie Ecologiche Volontarie
IVREA - Parte il corso per le nuove Guardie Ecologiche Volontarie
Le lezioni si svolgeranno in più sedi contemporaneamente, collegate via video: Torino, Pinerolo, Susa, Lanzo e Ivrea
MAPPANO - Procedura finita, il Mercatone Uno può riaprire
MAPPANO - Procedura finita, il Mercatone Uno può riaprire
Con le cessioni è stata, pertanto, garantita la salvaguardia occupazionale di 2.304 dipendenti pari a circa l'85% del totale
CUORGNE' - Via le barriere architettoniche alla materna e in Manifattura
CUORGNE
«Abbiamo dato corso ad interventi attesi da lungo tempo in particolare presso la scuola», sottolinea l'assessore Lino Giacoma Rosa
CANAVESE - «Inutile sparare ai lupi ma servono azioni a tutela di chi lavora in montagna»
CANAVESE - «Inutile sparare ai lupi ma servono azioni a tutela di chi lavora in montagna»
Così Marco Bussone, Presidente nazionale Uncem (Unione Comuni, Comunità ed Enti montani) in merito alla notizia relativa alla proposta di sparare ai lupi con proiettili di gomma. Quello dei lupi è un problema sentito anche in Canavese
RIVARA - Strada stretta: borgata inaccessibile dalle ambulanze - FOTO
RIVARA - Strada stretta: borgata inaccessibile dalle ambulanze - FOTO
Riceviamo da Belboschetto una segnalazione di disagi e problematiche legate alla strada che collega il centro abitato
BORGARO - Defibrillatore in piazza Agorà: città cardioprotetta
BORGARO - Defibrillatore in piazza Agorà: città cardioprotetta
Il defibrillatore è stato poi consegnato alla dottoressa Stefania Scagliola, responsabile della farmacia numero 13 dell'Asm
LEINI - Problemi di sicurezza: chiude il parco «Grande Torino»
LEINI - Problemi di sicurezza: chiude il parco «Grande Torino»
«Sono emerse delle problematiche gravi, legate anche alla cattiva manutenzione», conferma il vicesindaco Fabrizio Troiani
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore