BOTTI DI CAPODANNO - Legambiente invita a rispettare le ordinanze per salvare gli animali

| In diversi comuni della regione gli spettacoli pirotecnici sono stati sostituiti da spettacoli piromusicali in cui le luci, anziché i botti, sono accompagnate da musica

+ Miei preferiti
BOTTI DI CAPODANNO - Legambiente invita a rispettare le ordinanze per salvare gli animali
Sono sempre di più i Comuni in Piemonte che regolamentano l’uso di botti a Capodanno. Secondo un’idagine condotta da Legambiente sulle 85 città piemontesi con più di 8 mila abitanti sono 49 i Comuni -tra cui tutti gli 8 capoluoghi- in cui i botti sono vietati quest’anno da specifiche ordinanze o regolamenti, mentre sono 23 quelli in cui non sono stati emanati divieti e 13 le amministrazioni che non hanno risposto all’indagine dell’associazione ambientalista. Moltissimi gli esempi in Canavese, come Ivrea, Cuorgnè e Rivarolo.
 
“In questi anni sono stati fatti importanti passi avanti da parte delle amministrazioni e si è raggiunta anche una buona consapevolezza da parte della cittadinanza sul pericolo che i botti di Capodanno costituiscono non solo per i nostri amici animali ma anche per l’incolumità delle persone, per il rischio di incendi boschivi in una stagione particolarmente secca e per l’incremento dei livelli di inquinamento atmosferico e acustico -dichiara Fabio Dovana, presidente di Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta-. In diversi comuni della regione gli spettacoli pirotecnici sono stati sostituiti da spettacoli piromusicali in cui le luci, anziché i botti, sono accompagnate da musica. Un modo più rispettoso, economico e piacevole in cui festeggiare l’anno nuovo. Speriamo che queste buone pratiche possano diffondersi ulteriormente e che, anche grazie alla sensibilità della popolazione, le ordinanze vengano rispettate”.
 
L’associazione ricorda come Torino sia stato uno dei primi grandi comuni italiani a vietare l'utilizzo dei botti, dei petardi e dei fuochi d'artificio in genere, con una norma introdotta nel 2011 nel proprio Regolamento N.320 per la tutela ed il benessere degli animali in città. Un provvedimento che ha fatto scuola e che negli ultimi anni è stato adottato in tanti altri comuni della regione e del resto del Paese, ma che necessariamente deve essere accompagnato da un’incisiva azione d’informazione, prevenzione e, dove necessario, anche di repressione del fenomeno, perché le norme non rimangano pezzi di carta che in troppi ignorano o non rispettano.
QCuccioli
CERESOLE REALE - Cani da salvataggio nelle acque del lago - FOTO e VIDEO
CERESOLE REALE - Cani da salvataggio nelle acque del lago - FOTO e VIDEO
Il Gruppo Subalpino Lavoro in Acqua, il Club Italiano Terranova e lo Csen hanno dato vita ad un raduno per assegnare i brevetti di salvataggio
FAVRIA - Appello per ritrovare il piccolo Blu scomparso nel nulla
FAVRIA - Appello per ritrovare il piccolo Blu scomparso nel nulla
In caso di avvistamenti è possibile chiamare il numero 349-0720729
CERESOLE REALE - I cani imparano a diventare bagnini nel lago
CERESOLE REALE - I cani imparano a diventare bagnini nel lago
Sabato e domenica si assegnano i brevetti di salvataggio. Una due giorni da non perdere per gli appassionati di animali
MAZZE' - Uccide il cane a martellate: condannato a quattro mesi di carcere
MAZZE
L'uomo, che aveva perso il lavoro, si era accanito sull'animale tagliandogli la gola e prendendolo a martellate per "sfogare lo stress"
FAVRIA - Nel laghetto abbandonano di tutto: conigli, pesci e tartarughe
FAVRIA - Nel laghetto abbandonano di tutto: conigli, pesci e tartarughe
Appello del Comune: «Il laghetto del parco non è lo zoo dove si lasciano gli animaletti indesiderati»
CUORGNE' - Il Comune contro l'abbandono degli animali
CUORGNE
L'entrata in vigore della Legge 189 nel 2004 prevede la pena dell'arresto fino a un anno per il reato di abbandono o l'ammenda da 1000 a 10000 euro
CANAVESE - Operazione riempiamo le ciotole per il Canile di Caluso
CANAVESE - Operazione riempiamo le ciotole per il Canile di Caluso
Raccolta alimentare a Cuorgnè, Mazzè, San Giorgio Canavese, Agliè, Forno Canavese, Favria, Strambino e Caluso
RIVAROLO - Appello per trovare la piccola Maia smarrita in zona Vesignano
RIVAROLO - Appello per trovare la piccola Maia smarrita in zona Vesignano
UPDATE - RITROVATA!!! La piccola abita in zona Vesignano, frazione di Rivarolo. E proprio in zona Vesignano Maia era solita farsi un giretto: ma poi tornava sempre a casa...
BOSCONERO - Appello per ritrovare Kissi, smarrita a Bosconero
BOSCONERO - Appello per ritrovare Kissi, smarrita a Bosconero
Chiunque la vedesse (o per effettuare segnalazioni di avvistamenti) è pregato di chiamare il numero 345/3356056
RIVAROLO - Finti gattari cercano soldi spacciandosi per volontari pro-gatti
RIVAROLO - Finti gattari cercano soldi spacciandosi per volontari pro-gatti
Le volontarie de «I gatti delle Vibrisse Onlus - Rivarolo Canavese» che gestiscono il gattile di villa Vallero hanno segnalato su Facebook la probabile azione in città di finti gattari
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore