BOTTI DI CAPODANNO - Legambiente invita a rispettare le ordinanze per salvare gli animali

| In diversi comuni della regione gli spettacoli pirotecnici sono stati sostituiti da spettacoli piromusicali in cui le luci, anziché i botti, sono accompagnate da musica

+ Miei preferiti
BOTTI DI CAPODANNO - Legambiente invita a rispettare le ordinanze per salvare gli animali
Sono sempre di più i Comuni in Piemonte che regolamentano l’uso di botti a Capodanno. Secondo un’idagine condotta da Legambiente sulle 85 città piemontesi con più di 8 mila abitanti sono 49 i Comuni -tra cui tutti gli 8 capoluoghi- in cui i botti sono vietati quest’anno da specifiche ordinanze o regolamenti, mentre sono 23 quelli in cui non sono stati emanati divieti e 13 le amministrazioni che non hanno risposto all’indagine dell’associazione ambientalista. Moltissimi gli esempi in Canavese, come Ivrea, Cuorgnè e Rivarolo.
 
“In questi anni sono stati fatti importanti passi avanti da parte delle amministrazioni e si è raggiunta anche una buona consapevolezza da parte della cittadinanza sul pericolo che i botti di Capodanno costituiscono non solo per i nostri amici animali ma anche per l’incolumità delle persone, per il rischio di incendi boschivi in una stagione particolarmente secca e per l’incremento dei livelli di inquinamento atmosferico e acustico -dichiara Fabio Dovana, presidente di Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta-. In diversi comuni della regione gli spettacoli pirotecnici sono stati sostituiti da spettacoli piromusicali in cui le luci, anziché i botti, sono accompagnate da musica. Un modo più rispettoso, economico e piacevole in cui festeggiare l’anno nuovo. Speriamo che queste buone pratiche possano diffondersi ulteriormente e che, anche grazie alla sensibilità della popolazione, le ordinanze vengano rispettate”.
 
L’associazione ricorda come Torino sia stato uno dei primi grandi comuni italiani a vietare l'utilizzo dei botti, dei petardi e dei fuochi d'artificio in genere, con una norma introdotta nel 2011 nel proprio Regolamento N.320 per la tutela ed il benessere degli animali in città. Un provvedimento che ha fatto scuola e che negli ultimi anni è stato adottato in tanti altri comuni della regione e del resto del Paese, ma che necessariamente deve essere accompagnato da un’incisiva azione d’informazione, prevenzione e, dove necessario, anche di repressione del fenomeno, perché le norme non rimangano pezzi di carta che in troppi ignorano o non rispettano.
QCuccioli
CUORGNE'-RIVAROLO - E' morto il micio al quale un idiota ha sparato a Salto
CUORGNE
«E' con estremo dolore che dobbiamo informarvi che Tiger è volato sul ponte. Speravamo con tutto il cuore che con tutte le cure potesse farcela, rimettersi in sesto, ma la sua situazione è peggiorata drasticamente»
CIRIE' - Un corso gratuito per convivere con il cane
CIRIE
I tre appuntamenti sono gratuiti ed aperti a tutti attuali e futuri possessori di cani ed ai simpatizzanti che sono interessati a scoprire di più su questo compagno di vita dal punto di vista veterinario, educativo e legale
CUORGNE' - Idioti sparano in bocca a un gatto: salvato dai volontari di Rivarolo che, adesso, chiedono aiuto
CUORGNE
Ancora idioti (ed è un eufemismo) in azione contro gli animali. L'associazione «Le Vibrisse - onlus» di Rivarolo Canavese segnala il recupero di un gatto al quale hanno sparato a Salto
SPARONE - Cervo ucciso: i cacciatori prendono le distanze dal brutto episodio
SPARONE - Cervo ucciso: i cacciatori prendono le distanze dal brutto episodio
Secondo i veterinari dell'Asl To4, che si sono occupati della rimozione del cervo, ad uccidere l'animale è stato un colpo di fucile che ha raggiunto l'esemplare (di oltre 150 chili) vicino al cuore
SPARONE - Cervo ucciso senza motivo: abbandonato agonizzante dai bracconieri
SPARONE - Cervo ucciso senza motivo: abbandonato agonizzante dai bracconieri
Sui social la notizia dell'uccisione del cervo è stata diffusa dal sindaco di Cuorgnè, Beppe Pezzetto, che ha bollato i bracconieri come «idioti»
SICCITA' E INCENDI - Per il momento nessuno stop all'apertura della caccia in Piemonte
SICCITA
In questi giorni, l'Ispra ha segnalato «una situazione meteorologica decisamente critica» che comporta una condizione di rischio della fauna selvatica condizionando il successo riproduttivo e aumentando la mortalità
CASTELLAMONTE - Gatti spariti da San Giovanni: ricompensa per chi li ritrova
CASTELLAMONTE - Gatti spariti da San Giovanni: ricompensa per chi li ritrova
Il tigrato si chiama Pepe e la squamata Milù. La proprietaria offre 200 euro di ricompensa per chi riuscisse a trovare i suoi mici
CANAVESE - Appello per questi quattro gattini senza famiglia
CANAVESE - Appello per questi quattro gattini senza famiglia
Questi deliziosi micini nati a inizio giugno sono in attesa di famiglie affettuose che vogliano adottarli
RIVAROLO - Idiota spara ai gatti in pieno centro: indagini dei carabinieri in corso
RIVAROLO - Idiota spara ai gatti in pieno centro: indagini dei carabinieri in corso
A farne le spese il povero Theor, un gatto bianco e nero di proprietà di una residente della zona. La stessa che, dopo l'accaduto, ha presentato la denuncia ai carabinieri
CANAVESE - Cosa fare e a chi rivolgersi quando si trova un animale in difficoltà?
CANAVESE - Cosa fare e a chi rivolgersi quando si trova un animale in difficoltà?
La fauna selvatica è un bene prezioso della collettività ed è tutelata dalla legge
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore