BOTTI DI CAPODANNO - Legambiente: «Le ordinanze dei Comuni non bastano»

| E’ allo stesso tempo importante che i cittadini facciano la propria parte festeggiando in modo responsabile

+ Miei preferiti
BOTTI DI CAPODANNO - Legambiente: «Le ordinanze dei Comuni non bastano»
«E’ dovere di tutti, Comuni e cittadini, fare in modo che la notte di Capodanno non lasci dietro a sè strascichi dolorosi. Evitiamo l’uso di botti e facciamo sì che questa sia una bella festa per tutti». E’ questo l’appello e al tempo stesso l’augurio che Legambiente rivolge ai cittadini e ai Comuni per la notte di San Silvestro. Ogni anno, infatti, l'esplosione di botti, petardi, mortaretti e fuochi d'artificio di fine anno causa numerosi danni e veri e propri drammi: feriti, strade ricoperte di rifiuti da smaltire, incendi boschivi e aumento dell’inquinamento acustico e atmosferico sono tra le conseguenze di questa usanza. I primi a pagarne gli effetti sono gli animali: se quelli da compagnia possono reagire in modo incontrollato, fuggire e ferirsi, gli animali selvatici rischiano la vita per lo spavento del forte rumore, in un periodo già molto duro a causa del clima e della scarsità di cibo.
 
«In questi anni sono diversi i Comuni che hanno deciso di vietare l’esplosione dei botti sul proprio territorio, attraverso l’approvazione di una specifica ordinanza o di un regolamento comunale; invitiamo quindi tutti i Sindaci che ancora non hanno provveduto a fare altrettanto. Ma evidentemente non è sufficiente un’ordinanza - dichiara Fabio Dovana, presidente di Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta - è doverosa un'azione di sensibilizzazione nei giorni precedenti e che i divieti una volta approvati siano fatti rispettare, impegnando la polizia locale in azioni di informazione, prevenzione, dissuasione e repressione, sanzionando i trasgressori. E’ allo stesso tempo importante che i cittadini facciano la propria parte festeggiando in modo responsabile».
 
L’associazione ambientalista, che anche quest’anno ha scritto una lettera ai sindaci di tutto il Piemonte e Valle d’Aosta, si augura che sempre più spesso gli spettacoli pirotecnici possano essere sostituiti da spettacoli piromusicali in cui le luci, anziché dai botti, siano accompagnate da musiche piacevoli e amiche degli animali. «Questi spettacoli, tra l’altro –sottolinea Legambiente - hanno anche costi inferiori a quelli tradizionali. Non si tratta quindi di non festeggiare, ma di farlo responsabilmente: esistono valide alternative e invitiamo i Comuni, le Pro loco e tutti coloro che organizzano eventi di questo genere a scegliere questo tipo di spettacoli».
QCuccioli
IVREA - C'è qualcuno che ammazza le volpi: allarme rosso in città
IVREA - C
Se sono state disseminate esche avvelenate, c'è il concreto pericolo che qualcuno si avvicini troppo al cibo contaminato
SAN GIORGIO - Appello per ritrovare la piccola cucciola scomparsa
SAN GIORGIO - Appello per ritrovare la piccola cucciola scomparsa
La famiglia lancia un appello per ritrovare la cagnetta al più presto. Per info e contatti è possibile chiamare il numero 347-7746565 - UPDATE: RITROVATA
ANIMALI - Gli agenti della Città metropolitana di Torino salvano un cardellino
ANIMALI - Gli agenti della Città metropolitana di Torino salvano un cardellino
Le perquisizioni effettuate da personale della Città Metropolitana hanno inoltre consentito di sequestrare numerosi mezzi di cattura illeciti e di far emergere un giro di ricettazione che coinvolgeva anche le province Biella e Cuneo
CUORGNE' - Nelle frazioni continuano a sparare ai gatti
CUORGNE
La micia ferita è stata soccorsa da un veterinario ed è stata salvata. Era stata colpita da qualche idiota con dei proiettili ad aria compressa
PRATIGLIONE - Appello per ritrovare la gatta scomparsa
PRATIGLIONE - Appello per ritrovare la gatta scomparsa
Riceviamo e pubblichiamo l'appello di Elisa che in questi giorni ha smarrito la propria gatta nei pressi del municipio di Pratiglione
CASTELLAMONTE - Gattini abbandonati nel bosco: appello urgente per salvarli
CASTELLAMONTE - Gattini abbandonati nel bosco: appello urgente per salvarli
Servirebbe una gatta in allattamento o una balia umana che possa dedicarsi ai due cuccioli recuperati in un bosco della frazione Filia
CUORGNE'-RIVAROLO - E' morto il micio al quale un idiota ha sparato a Salto
CUORGNE
«E' con estremo dolore che dobbiamo informarvi che Tiger è volato sul ponte. Speravamo con tutto il cuore che con tutte le cure potesse farcela, rimettersi in sesto, ma la sua situazione è peggiorata drasticamente»
CIRIE' - Un corso gratuito per convivere con il cane
CIRIE
I tre appuntamenti sono gratuiti ed aperti a tutti attuali e futuri possessori di cani ed ai simpatizzanti che sono interessati a scoprire di più su questo compagno di vita dal punto di vista veterinario, educativo e legale
CUORGNE' - Idioti sparano in bocca a un gatto: salvato dai volontari di Rivarolo che, adesso, chiedono aiuto
CUORGNE
Ancora idioti (ed è un eufemismo) in azione contro gli animali. L'associazione «Le Vibrisse - onlus» di Rivarolo Canavese segnala il recupero di un gatto al quale hanno sparato a Salto
SPARONE - Cervo ucciso: i cacciatori prendono le distanze dal brutto episodio
SPARONE - Cervo ucciso: i cacciatori prendono le distanze dal brutto episodio
Secondo i veterinari dell'Asl To4, che si sono occupati della rimozione del cervo, ad uccidere l'animale è stato un colpo di fucile che ha raggiunto l'esemplare (di oltre 150 chili) vicino al cuore
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore