CALUSO - Il veterinario cacciatore non sarà più il direttore sanitario del canile

| «Il nostro unico obiettivo è garantire agli animali che accudiamo e soccorriamo quotidianamente amore, rispetto, valide cure e buon cibo»

+ Miei preferiti
CALUSO - Il veterinario cacciatore non sarà più il direttore sanitario del canile
Riceviamo e pubblichiamo integralmente il comunicato che è arrivato oggi pomeriggio in redazione da parte del canile di Caluso. La struttura, dopo l'assemblea dell'altra sera, ha deciso di sollevare dall'incarico di direttore sanitario del canile il veterinario Luciano Ponzetto, il medico con l'hobby dei safari che tanto ha fatto discutere nel corso dell'ultima settimana. Il canile-rifugio spera in questo modo di mettere la parola fine a una lunga diatriba tra animalisti che, di fatto, non ha portato benefici alla struttura che, oggi, ospita oltre 150 randagi e cani in cerca di padrone ed è praticamente l'unica in Canavese (insieme al canile di Rivarolo) ad assolvere a questo delicatissimo compito.

«La Lega Nazionale per la Difesa del Cane -  Sezione di Ivrea – Delegazione di Caluso (Canile di Caluso), e’ venuta recentemente a conoscenza della presenza in rete di alcune spiacevoli immagini che possono urtare la sensibilità degli amanti degli animali. Queste immagini ritraggono un noto veterinario canavesano impegnato in attività venatorie con animali selvatici. La nostra sezione ha sempre mantenuto un rapporto professionale con i Medici ed il personale (e quindi non solo con il dr. Ponzetto) dello Studio Veterinario in questione, che negli anni si sono dimostrati molto attenti ai bisogni oltreche’ scrupolosi nelle cure degli ospiti a quattro zampe del ns. rifugio.

Come Associazione non eravamo a conoscenza della presenza di suddette immagini, e ringraziamo per le segnalazioni che ci sono pervenute nei giorni scorsi. Ovviamente ci teniamo a sottolineare con forza la nostra totale contrarietà, dell'Associazione, del Presidente e di tutti i suoi collaboratori, rispetto a qualsiasi forma di caccia o abuso su animali, selvatici o domestici essi siano. Tuttavia, la presenza di oltre 150 cani (fino a qualche anno fa addirittura di circa 250), che spesso arrivano malati, feriti o anziani, la limitata disponibilità di risorse umane, di tempo e di denaro aveva creato la necessità di avere un Ambulatorio Veterinario situato nelle immediate vicinanze della nostra struttura che garantisse nel contempo un servizio professionalmente valido, adatto alle nostre esigenze e con costi moderati. Di qui la scelta di affidare la direzione sanitaria del canile di Caluso allo Studio Veterinario il cui responsabile e’ stato oggetto della recente campagna mediatica.
 
Ci teniamo però a precisare che non è il solo studio con il quale lavoriamo e che stavamo gia’ valutando la possibilità di altre forme di collaborazione. Va tenuto presente che la sostituzione di un direttore sanitario di una struttura come la nostra richiede tempo e profonde valutazioni che soddisfino le ns. esigenze fatte di quotidianita’, emergenze, terapie continuative ed interventi notturni. Sara’ comunque ns. cura individuare in tempi  brevi, come gia’ da tempo preso in considerazione, un nuovo direttore sanitario. Vogliamo anche evidenziare nel presente comunicato l’iniziativa scorretta e sinceramente discutibile sia nelle intenzioni che nei contenuti da parte dell’ENPA di Torino che pur senza conoscere la bonta’ della gran mole di lavoro che svolgiamo da tanti anni con passione e dedizione (oltre che a bassi costi per la comunita’) si permette di porre diktat ai Comuni convenzionati con la ns. struttura, i quali nel corso degli ultimi 20 anni non hanno mai avuto nulla da eccepire sul ns. operato. Tale iniziativa ci stupisce molto.
 
Cogliamo l’occasione per ringraziare tutti coloro che in questi anni hanno sempre creduto in noi e nel nostro operato e ricordiamo che il nostro unico obiettivo è garantire agli animali che accudiamo e soccorriamo quotidianamente amore, rispetto, valide cure e buon cibo. Invitiamo tutti a venirci a trovare nel nostro rifugio. I nostri amici a quattro zampe vi aspettano per una passeggiata, una carezza o, ancora meglio, per un’adozione».
 
Per il Consiglio Direttivo, il presidente: Luciano Antonio Sardino.
Dove è successo
QCuccioli
CANAVESE - Cosa fare e a chi rivolgersi quando si trova un animale in difficoltà?
CANAVESE - Cosa fare e a chi rivolgersi quando si trova un animale in difficoltà?
La fauna selvatica è un bene prezioso della collettività ed è tutelata dalla legge
LOCANA - Il fiuto dell'unità cinofila fondamentale per salvare il disperso in montagna - FOTO
LOCANA - Il fiuto dell
Con molta caparbietà, affrontando una zona estremamente impervia e pericolosa, grazie alla tenacia ed all'udito fino degli operanti è stata circoscritta una zona da dove si udivano le flebili risposte del disperso
VOLPIANO - Gatti sopravvissuti all'incendio cercano uno stallo temporaneo
VOLPIANO - Gatti sopravvissuti all
Al momento i gatti sono stati affidati al canile di Settimo che però non può ospitarli a lungo. Necessitano quindi di uno stallo temporaneo
CERESOLE REALE - Cani da salvataggio nelle acque del lago - FOTO e VIDEO
CERESOLE REALE - Cani da salvataggio nelle acque del lago - FOTO e VIDEO
Il Gruppo Subalpino Lavoro in Acqua, il Club Italiano Terranova e lo Csen hanno dato vita ad un raduno per assegnare i brevetti di salvataggio
FAVRIA - Appello per ritrovare il piccolo Blu scomparso nel nulla
FAVRIA - Appello per ritrovare il piccolo Blu scomparso nel nulla
In caso di avvistamenti è possibile chiamare il numero 349-0720729
CERESOLE REALE - I cani imparano a diventare bagnini nel lago
CERESOLE REALE - I cani imparano a diventare bagnini nel lago
Sabato e domenica si assegnano i brevetti di salvataggio. Una due giorni da non perdere per gli appassionati di animali
MAZZE' - Uccide il cane a martellate: condannato a quattro mesi di carcere
MAZZE
L'uomo, che aveva perso il lavoro, si era accanito sull'animale tagliandogli la gola e prendendolo a martellate per "sfogare lo stress"
FAVRIA - Nel laghetto abbandonano di tutto: conigli, pesci e tartarughe
FAVRIA - Nel laghetto abbandonano di tutto: conigli, pesci e tartarughe
Appello del Comune: «Il laghetto del parco non è lo zoo dove si lasciano gli animaletti indesiderati»
CUORGNE' - Il Comune contro l'abbandono degli animali
CUORGNE
L'entrata in vigore della Legge 189 nel 2004 prevede la pena dell'arresto fino a un anno per il reato di abbandono o l'ammenda da 1000 a 10000 euro
CANAVESE - Operazione riempiamo le ciotole per il Canile di Caluso
CANAVESE - Operazione riempiamo le ciotole per il Canile di Caluso
Raccolta alimentare a Cuorgnè, Mazzè, San Giorgio Canavese, Agliè, Forno Canavese, Favria, Strambino e Caluso
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore