CANAVESE - Gli animali più forti degli incendi: nessuna carcassa ritrovata in Valle Orco

| Gli incendi boschivi di fine ottobre hanno seriamente danneggiato la fauna selvatica, patrimonio indisponibile dello Stato e quindi della collettività?

+ Miei preferiti
CANAVESE - Gli animali più forti degli incendi: nessuna carcassa ritrovata in Valle Orco
Gli incendi boschivi di fine ottobre hanno seriamente danneggiato la fauna selvatica, patrimonio indisponibile dello Stato e quindi della collettività? È l'interrogativo che ha spinto la Città Metropolitana a mettere in campo le competenze dei tecnici e dei funzionari dei servizi Tutela Fauna e Flora e Pianificazione e Gestione Rete Ecologica, Aree Protette e Vigilanza Ambientale, per capire quanti e quali danni possono aver subito gli animali che popolano i territori montani e pedemontani.

A partire da venerdì 10 novembre è stato effettuato un monitoraggio campione in Val di Susa,Valle dell’Orco e Val Chisone, poi esteso anche alla zona del Parco provinciale del Tre Denti-Monte Freidour. Nel frattempo è stata acquisita la cartografia digitale delle aree interessate dagli incendi, elaborata a partire da foto satellitari del Politecnico di Torino, che partecipa al programma “Copernicus” dell’Unione Europea.  

In Valle Orco, grazie alla collaborazione del personale del Comprensorio Alpino TO5 sono stati eseguiti tre transetti nelle zone montane dei Comuni di Locana, Sparone e Ribordone, ciascuno percorso da quattro operatori. Non sono state rinvenute carcasse di animali, ma sono state rilevate tracce ed è stata avvistata fauna selvatica viva. Le fiamme avevano attraversato velocemente il bosco, bruciando essenzialmente il substrato di foglie e rami secchi senza in apparenza compromettere o intaccare le piante verdi, tanto che dall'esterno non si nota quasi il passaggio del fuoco, in quanto le chiome degli alberi sono integre.

«Le operazioni - spiega la Consigliera metropolitana Elisa Pirro, delegata all'ambiente, alla tutela della fauna e della flora, ai parchi e alle aree protette - si sono svolte con la collaborazione del personale dei Comprensori Alpini di caccia TO1, TO3 e TO5, del Parco Nazionale del Gran Paradiso, del Parco regionale delle Alpi Cozie e dei Carabinieri Forestali. La Facoltà di Medicina Veterinaria dell'Università di Torino ha impegnato una quindicina di studenti del corso di Gestione delle Risorse faunistiche per affiancare gli operatori coinvolti».

QCuccioli
CANAVESE - Attacchi dei lupi: chiesti più soldi per i rimborsi agli allevatori danneggiati
CANAVESE - Attacchi dei lupi: chiesti più soldi per i rimborsi agli allevatori danneggiati
Il tema delle predazioni di animali domestici da parte dei lupi è stato affrontato dal Consiglio metropolitano, che nella seduta di mercoledì 13 febbraio ha approvato all’unanimità una mozione
CUORGNE' - Addio a Dana, il cane che visse otto mesi con gli stambecchi
CUORGNE
La storia di Dana è diventata un libro per bambini. Una fiaba che è un inno alla tenacia, alla costanza, alla voglia di non arrendersi mai
PARCO GRAN PARADISO - Tutte e tre le coppie di Gipeto hanno portato a termine la deposizione delle uova
PARCO GRAN PARADISO - Tutte e tre le coppie di Gipeto hanno portato a termine la deposizione delle uova
Si tratta di un'importante conferma di presenza del grande avvoltoio nel Parco, estintosi sulle Alpi a causa della persecuzione umana agli inizi del secolo scorso
CERESOLE REALE - E' morto il camoscio recuperato sul ghiaccio dai vigili del fuoco
CERESOLE REALE - E
Purtroppo non ce l'ha fatta il camoscio Camillo, salvato martedì scorso dai vigili del fuoco sul ghiaccio del lago di Ceresole Reale
MONTANARO - Un incontro per imparare a capire cani e gatti
MONTANARO - Un incontro per imparare a capire cani e gatti
Ospite dell'associazione La Rosa dei 20 la veterinaria comportamentalista Daniela Portaleone. Incontro ad ingresso libero
RIBORDONE - Appello per Vinc, scomparso nel nulla in montagna
RIBORDONE - Appello per Vinc, scomparso nel nulla in montagna
L'ultimo avvistamento risale a prima di Natale nei pressi del lago dell'Eugio. Per avvistamenti o segnalazioni è possibile contattare il numero 347/7187709
CANAVESE - Allarme cinghiali: la Coldiretti chiede «un piano per la gestione»
CANAVESE - Allarme cinghiali: la Coldiretti chiede «un piano per la gestione»
Negli ultimi sei anni in tutto il Piemonte ci sono stati 7000 incidenti stradali con il coinvolgimento di selvatici, tra cui cinghiali nel 40,8% dei casi
RIVAROLO CANAVESE - Appello per ritrovare la gatta Timi - FOTO
RIVAROLO CANAVESE - Appello per ritrovare la gatta Timi - FOTO
Sono in corso le ricerche di una gatta di nome Timi, persa venerdì mattina 28/12/2018 a Rivarolo Canavese in zona Gave-Bogo al confine con Ozegna
CANAVESE - Divieto di pesca del Temolo e del Luccio
CANAVESE - Divieto di pesca del Temolo e del Luccio
«Il divieto si è reso necessario - precisa la Consigliera Azzarà - in quanto entrambe le specie sono classificate a grave rischio di estinzione in Piemonte e occorre a tutti i costi evitarne la scomparsa»
RIVAROLO - Botti vietati a Natale e Capodanno: ordinanza del sindaco Rostagno
RIVAROLO - Botti vietati a Natale e Capodanno: ordinanza del sindaco Rostagno
Su tutto il territorio comunale sarà vietato far esplodere botti e fuochi d'artificio. Multe fino a 500 euro
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore