CANAVESE - Nuovi avvistamenti di lupi. La Città metropolitana: «Basta allarmismi, bisogna conviverci»

| Recenti fatti di cronaca dimostrano come la presenza del Lupo nelle vallate della Città Metropolitana di Torino induca alcuni malintenzionati ad uccidere esemplari del carnivoro, commettendo un reato punito dalla legge

+ Miei preferiti
CANAVESE - Nuovi avvistamenti di lupi. La Città metropolitana: «Basta allarmismi, bisogna conviverci»
Recenti fatti di cronaca dimostrano come la presenza del Lupo nelle vallate della Città Metropolitana di Torino induca alcuni malintenzionati ad uccidere esemplari del carnivoro, commettendo un reato punito dalla legge e allestendo raccapriccianti messe in scena, come l'esposizione di parti dei lupi soppressi lungo le strade. Fin dalla spontanea ricomparsa del Lupo nelle Alpi Occidentali, verso la fine degli anni ’90, il Servizio Tutela Fauna e Flora della Provincia, oggi Città Metropolitana di Torino, si è adoperato per la mitigazione dei contrasti che la presenza del predatore può generare nei territori montani e rurali. Il Servizio è sempre stato in prima linea nel contrasto alle uccisioni illegali.

Barbara Azzarà, Consigliera metropolitana delegata alla tutela della fauna della flora, sottolinea che “un’adeguata, corretta e capillare opera di informazione ed educazione ambientale può produrre risultati positivi e rendere possibile la convivenza tra il Lupo e le attività umane, in primis la zootecnia. La ricolonizzazione di tutto l'arco alpino da parte del predatore è avvenuta in maniera esclusivamente naturale. La presenza di un predatore al vertice della catena alimentare è un elemento di equilibrio, che giova alla salute ambientale del territorio”.

Il Servizio Tutela Fauna e Flora della Città Metropolitana di Torino, Ente territorialmente competente per la gestione della fauna selvatica, è impegnato nell’individuazione del carnivoro o dei carnivori responsabili delle predazioni di ovini e caprini che da qualche mese avvengono nelle colline del Chivassese e del Basso Monferrato. Gli agenti faunistico-ambientali di zona, stanno conducendo indagini, cercando tracce, prelevando campioni, posizionando trappole fotografiche, cercando testimonianze ed effettuando perlustrazioni notturne, anche in collaborazione con la Protezione Civile. Alcuni animali predati sono stati portati alla Facoltà di Veterinaria dell’Università di Torino per le analisi del caso. Campioni di tracce biologiche sono stati inviati all’ISPRA-Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale per la determinazione della specie predatrice.

“Scientificamente parlando, l’individuazione sicura dell'animale predatore non può essere effettuata analizzando un’immagine fotografica non molto definita, ripresa di notte e da lontano. Quell’immagine, che ha già fatto il giro del Web, è un indizio, non una prova della presenza di un lupo nelle colline del Chivassese. – precisa Barbara Azzarà, Consigliera metropolitana delegata alla tutela della fauna e della flora - La prova inequivocabile scaturirà dai risultati delle analisi genetiche che presto l’ISPRA trasmetterà al Servizio Tutela Fauna e Flora della Città Metropolitana”.

La Consigliera Azzarà precisa che “qualora le indagini genetiche dovessero stabilire che le predazioni riscontrate sono da attribuirsi ad uno o più lupi, la Città Metropolitana, come già fece la Provincia di Torino nei primi anni 2000 quando iniziarono gli attacchi agli animali domestici nelle vallate alpine, adotterà le opportune iniziative di comunicazione e di formazione rivolte alla cittadinanza potenzialmente interessata dalla presenza dei lupi sul territorio. Diffonderemo informazioni scientificamente fondate sull’etologia ed ecologia della specie, al fine di evitare allarmismi e di migliorare la consapevolezza dei cittadini sul valore ecologico del lupo, in concomitanza con attività di monitoraggio della sua presenza”.

QCuccioli
CUORGNE'-CASTELLAMONTE - I sindaci: «Meno botti a Capodanno»
CUORGNE
Le amministrazioni di Castellamonte e di Cuorgnè hanno concordato e ritenuto opportuno rivolgere un invito ai cittadini affinché limitino l’utilizzo dei petardi nella notte di Capodanno
CANAVESE - Attacchi dei lupi: più soldi per i rimborsi agli allevatori danneggiati
CANAVESE - Attacchi dei lupi: più soldi per i rimborsi agli allevatori danneggiati
La Città Metropolitana di Torino chiederà alla Regione Piemonte lo stanziamento di risorse adeguate
BAIRO - Cinghiale cade nel canale Caluso: salvato dai pompieri - VIDEO
BAIRO - Cinghiale cade nel canale Caluso: salvato dai pompieri - VIDEO
Operazione di soccorso, oggi all'ora di pranzo, tra Bairo ed Agliè per un cinghiale rimasto bloccato tra le grate del canale
CERESOLE-CUORGNE' - Il cane disperso torna a casa dopo otto mesi: la sua storia diventa un libro
CERESOLE-CUORGNE
Sabato nell'ex chiesa della Santissima Trinità a Cuorgnè, verrà presentato il libro «La storia di Dana», di Maria Grazia Pezzetto con illustrazioni di Umberto Burro. Una storia vera...
CANAVESE - Jasmine è morta: la triste storia del cavallo maltrattato
CANAVESE - Jasmine è morta: la triste storia del cavallo maltrattato
I volontari della Casa del Cane Vagabondo, il rifugio per animali di Barbania, ne hanno dato la triste notizia ieri sui social. «Jasmine è morta perché ha vissuto una vita decente per soli due mesi»
ANIMALI - Polpette avvelenate nei parchi: entra in servizio l'unità cinofila antiveleno
ANIMALI - Polpette avvelenate nei parchi: entra in servizio l
La Città Metropolitana dispone da qualche tempo di un'unità cinofila antiveleno, composta dall’istruttore direttivo di vigilanza Carlo Geymonat e dal cane pastore australiano «Myrtille»
PONT CANAVESE - Niente sfratto (per ora) al piccolo canile di Grazia De Palma - FOTO
PONT CANAVESE - Niente sfratto (per ora) al piccolo canile di Grazia De Palma - FOTO
Prorogato il termine per lasciare quella casa in frazione Bausano. Se ne riparlerà a dicembre. Resta il problema della donna e dei suoi quattordici cani sfortunati che non si sa dove andranno
CASTELLAMONTE - Appello per ritrovare il cane Motaki
CASTELLAMONTE - Appello per ritrovare il cane Motaki
Il cucciolo risulta smarrito dal pomeriggio dello scorso 16 ottobre in frazione Sant'Anna Boschi di Castellamonte. UPDATE: è stato ritrovato!
PONT - Ultimo appello per Grazia e i suoi 14 cani sfortunati
PONT - Ultimo appello per Grazia e i suoi 14 cani sfortunati
Dopo vent'anni, la storia del piccolo rifugio è arrivata ai titoli di coda. Grazia De Palma, 53 anni, dovrà lasciare l'immobile
OZEGNA - Un lupo adulto a spasso sulla provinciale? - FOTO
OZEGNA - Un lupo adulto a spasso sulla provinciale? - FOTO
Le immagini del lettore sono statte scattate alle 5.30, lungo la strada che da Ozegna porta a Castellamonte e San Giorgio
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore