CANAVESE - Prendi un cane dal canile? Non paghi la bolletta dei rifiuti. L'idea (geniale) del Comune di Ozegna

| Grazie al nuovo regolamento, da oggi chi desidera prendersi un cane che si trova in un canile convenzionato con il Comune di Ozegna, non sarà più tenuto a pagare le spese dei rifiuti. «Così combattiamo concretamente il randagismo»

+ Miei preferiti
CANAVESE - Prendi un cane dal canile? Non paghi la bolletta dei rifiuti. Lidea (geniale) del Comune di Ozegna
L'idea è semplice quanto geniale. L'altra sera, in consiglio comunale a Ozegna, è stata approvata una delibera a favore dei cani senza famiglia. Con il nuovo regolamento, chi desidera prendersi in carico un cane del canile convenzionato con il Comune di Ozegna non sarà più tenuto a pagare le spese dei rifiuti. «Un modo intelligente per fare gli animalisti e gli ecologisti - spiega il sindaco Sergio Bartoli - i cittadini saranno esentati dal pagamento della Tari fino a quando il cane sarà in vita e sarà sufficiente dimostrare, nel tempo, la corretta custodia dell’animale (come per legge mediante microchip). Tale meccanismo permetterà ai cittadini di ottenere un notevole risparmio».

La custodia di ogni cucciolo in canile costa al Comune circa 800 euro annui: in questo modo verrebbero ridotti i costi drasticamente favorendo l’esenzione della bolletta per le famiglie che adotteranno un cane. «In ultimo, non per importanza, l’iniziativa rappresenta un’ottima occasione per donare una famiglia ai cani che si trovano in canile. Un sistema efficiente non solo dal punto di vista economico, ma anche volto a combattere il fenomeno del randagismo». Occhio ai furbetti però. Chi pensa di poter "sfruttare" un povero cagnetto abbandonato per risparmiare sulle spese avrà a che fare con un Comune attento e vigile. Meglio informarsi in Municipio e prendere visione del regolamento perchè sono previsti controlli a sorpresa mirati ad accertare le condizioni dei cani adottati.

Secondo il regolamento, i cani randagi catturati nel Comune di Ozegna potranno essere adottati esclusivamente da un soggetto in possesso di alcuni requisiti base. Ovvero: aver compiuto 18 anni; essere residente nel Comune di Ozegna; essere in regola con il pagamento delle imposte e/o tasse comunali; garantire l’adeguato trattamento, con impegno al mantenimento dell’animale in buone condizioni presso la propria residenza, in ambiente idoneo ad ospitarlo, in relazione alla taglia, alle esigenze proprie della razza, assicurando le previste vaccinazioni e cure veterinarie; non aver riportato condanne penali per maltrattamenti di animali; dare il consenso a far visionare il cane, anche senza preavviso, alle Forze di Polizia competenti per territorio allo scopo di accertare la corretta tenuta dell’animale.

L'esenzione dalla Tari scatta automaticamente dopo l'adozione. Il beneficio terminerà al presentarsi delle seguenti condizioni: decesso del cane; smarrimento del cane; maltrattamento o abbandono dell’animale; cessione del cane ad altro soggetto privato; rinuncia del cane adottato; trasferimento della residenza anagrafica dell’affidatario fuori dal territorio comunale di Ozegna. Il Comune si riserva di effettuare controlli sullo stato di salute del cane adottato, anche con personale specializzato, in qualunque momento lo ritenga opportuno e per tutta la durata dell’adozione, anche senza preavviso. Nel caso venisse accertato il maltrattamento o l’abbandono dell’animale, si provvederà ad inoltrare regolare denuncia ai sensi di legge ed a revocare tempestivamente l’adozione.

QCuccioli
CHIVASSO - Liberate anatre selvatiche e germani reali in una derivazione del Po - VIDEO
CHIVASSO - Liberate anatre selvatiche e germani reali in una derivazione del Po - VIDEO
Gli animali erano stato consegnati al Centro animali non convenzionali della Facoltà di Medicina Veterinaria dell'Università di Torino
PARCO GRAN PARADISO - Il «Grande Fratello» segue la crescita del piccolo gipeto Avrì - VIDEO
PARCO GRAN PARADISO - Il «Grande Fratello» segue la crescita del piccolo gipeto Avrì - VIDEO
Il gipeto è uno degli avvoltoi europei di maggiori dimensioni, tornato recentemente a nidificare nel Parco, dopo essere stato reintrodotto sulle Alpi negli anni '80 a seguito dell'estinzione
BAIRO-AGLIE' - Gatto scomparso nel nulla torna a casa dopo sedici mesi: la storia di Spaghetto
BAIRO-AGLIE
Un lieto fine, a volte, può farsi attendere parecchio. Ed è il caso di Spaghetto che, per tornare a casa, ci ha messo sedici mesi. Ma, alla fine, grazie all'aiuto di diverse persone, è riuscito a tornare con la propria famiglia...
GIRO D'ITALIA - Istituita una «no-fly zone» per non disturbare gli animali del Parco Gran Paradiso
GIRO D
Saranno 23 i guardaparco impegnati già da giovedì 23 maggio, anche a supporto dell'organizzazione, per le operazioni di controllo nel territorio del Parco
SAN GIORGIO - Idiota avvelena la colonia felina vicino al castello
SAN GIORGIO - Idiota avvelena la colonia felina vicino al castello
C'erano sette gatti, tutti in fase di sterilizzazione. Se ne sono salvati solo due. Dei cinque avvelenati l'ultimo è Tigro
IVREA - Gallo vivo gettato in un bidone: migliorano le condizioni di salute
IVREA - Gallo vivo gettato in un bidone: migliorano le condizioni di salute
Il gallo è diventato la mascotte dell'allevamento amatoriale galline ornamentali «Piccolo Paradiso»
RIVARA - Due gatti abbandonati dentro un sacco e lasciati sotto la pioggia
RIVARA - Due gatti abbandonati dentro un sacco e lasciati sotto la pioggia
Si cercano volontari per uno stallo temporaneo oppure qualche famiglia in grado di offrire loro un'adozione al volo
IVREA - Appello per ritrovare la gatta Ginger - FOTO
IVREA - Appello per ritrovare la gatta Ginger - FOTO
Per segnalazioni e contatti è possibile chiamare il numero 333-2802885 Mariolina oppure 348-8736156 Paola
IVREA - Cavallo maltrattato rischia di tornare al suo aguzzino
IVREA - Cavallo maltrattato rischia di tornare al suo aguzzino
Una petizione online su change.org per salvare, una seconda volta, il cavallo Apollo. Il suo caso è stato discusso al tribunale di Ivrea. Era stato ritrovato dai carabinieri a Corio
COLLERETTO CASTELNUOVO - Sfratto al maneggio: 12 cavalli bloccati dentro le stalle senza cibo - FOTO
COLLERETTO CASTELNUOVO - Sfratto al maneggio: 12 cavalli bloccati dentro le stalle senza cibo - FOTO
Tra i cavalli reclusi nella stalla, una è gravida, due sono puledri e almeno un paio necessitano di cure sanitarie. Anche per questo motivo questa mattina i proprietari hanno chiesto l'intervento dei carabinieri della compagnia di Ivrea
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore