SICCITA' E INCENDI - Per il momento nessuno stop all'apertura della caccia in Piemonte

| In questi giorni, l'Ispra ha segnalato «una situazione meteorologica decisamente critica» che comporta una condizione di rischio della fauna selvatica condizionando il successo riproduttivo e aumentando la mortalità

+ Miei preferiti
SICCITA E INCENDI - Per il momento nessuno stop allapertura della caccia in Piemonte
L’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) è il più importante Ente Scientifico italiano che si occupa di fauna selvatica ed è il referente ufficiale dei Ministeri che si occupano di attività venatoria. In questi giorni, l’ISPRA ha segnalato a tutte le Regioni italiane, Piemonte compreso, che fin dall’inizio del 2017 si è manifestata in Italia “una situazione meteorologica decisamente critica” con temperature massime prolungate e prolungati periodi di siccità con espansione del numero degli incendi. Questa situazione, lancia l’allarme ISPRA, “comporta una condizione di rischio della fauna selvatica condizionando il successo riproduttivo e aumentando la mortalità degli individui. A ciò deve essere aggiunto un impoverimento dell’offerta trofica”. 
 
In applicazione del comma 1, art. 19 della L. 157/1992 ISPRA invita pertanto le Regioni ad adottare misure di contenimento e limitazione dell’attività venatoria per la stagione 2017/2018, il cui inizio è ormai prossimo. Lac e Pro Natura invitano le competenti autorità regionali ad «attivarsi affinché le richieste dell’ISPRA vengano recepite nella nostra Regione nella misura più ampia possibile. La Regione Piemonte ha sempre rivendicato con giustificato orgoglio una gestione dell’attività venatoria in linea con le indicazioni provenienti dal mondo scientifico; siamo pertanto fiduciosi che anche in questa occasione le richieste dell’ISPRA verranno tenute nella massima considerazione».
 
Intervento dell'assessore alla Caccia della Regione Piemonte, Giorgio Ferrero, sull'opportunità di adottare eventuali limitazioni all'attività venatoria: «Al di là di quanto previsto dalla legge 157/92, si tratta - puntualizza Ferrero - di un documento pertinente ed assolutamente apprezzabile dal punto di vista della tutela dell’ambiente in un contesto di delicata criticità come quello attuale. E' bene però precisare che e indicazioni contenute si rivolgono a due eventi specifici: gli incendi boschivi e la siccità. Per quanto riguarda il primo caso, per fortuna la nostra Regione non è stata colpita in maniera così pesante come avvenuto in altri territori e che nelle aree interessate, costantemente monitorate con attenzione dai carabinieri forestali, è vietata l’attività venatoria. Per quanto riguarda la questione derivante dal lungo periodo siccitoso, le indicazioni di Ispra pongono particolare attenzione agli uccelli acquatici, raccomandando l’apertura del prelievo ad ottobre, evitando le aperture in settembre. A tal proposito la Regione Piemonte rientra ampiamente nell’osservazione di queste raccomandazioni, tanto che non c’è alcuna pre-apertura». 
 
Il Settore regionale competente ha richiesto a Province, comprensori alpini e ambiti territoriali di caccia di far pervenire eventuali situazioni di criticità, al fine di attuare tempestivamente e caso per caso eventuali opportuni provvedimenti, e per assicurare il costante monitoraggio delle variabili meteoclimatiche e idrogeologiche.
QCuccioli
CANAVESE - Nuovi avvistamenti di lupi. La Città metropolitana: «Basta allarmismi, bisogna conviverci»
CANAVESE - Nuovi avvistamenti di lupi. La Città metropolitana: «Basta allarmismi, bisogna conviverci»
Recenti fatti di cronaca dimostrano come la presenza del Lupo nelle vallate della Città Metropolitana di Torino induca alcuni malintenzionati ad uccidere esemplari del carnivoro, commettendo un reato punito dalla legge
ANIMALI - Polpette avvelenate nei parchi: entra in servizio l'unità cinofila antiveleno
ANIMALI - Polpette avvelenate nei parchi: entra in servizio l
La Città Metropolitana dispone da qualche tempo di un'unità cinofila antiveleno, composta dall’istruttore direttivo di vigilanza Carlo Geymonat e dal cane pastore australiano «Myrtille»
PONT CANAVESE - Niente sfratto (per ora) al piccolo canile di Grazia De Palma - FOTO
PONT CANAVESE - Niente sfratto (per ora) al piccolo canile di Grazia De Palma - FOTO
Prorogato il termine per lasciare quella casa in frazione Bausano. Se ne riparlerà a dicembre. Resta il problema della donna e dei suoi quattordici cani sfortunati che non si sa dove andranno
CASTELLAMONTE - Appello per ritrovare il cane Motaki
CASTELLAMONTE - Appello per ritrovare il cane Motaki
Il cucciolo risulta smarrito dal pomeriggio dello scorso 16 ottobre in frazione Sant'Anna Boschi di Castellamonte. UPDATE: è stato ritrovato!
PONT - Ultimo appello per Grazia e i suoi 14 cani sfortunati
PONT - Ultimo appello per Grazia e i suoi 14 cani sfortunati
Dopo vent'anni, la storia del piccolo rifugio è arrivata ai titoli di coda. Grazia De Palma, 53 anni, dovrà lasciare l'immobile
OZEGNA - Un lupo adulto a spasso sulla provinciale? - FOTO
OZEGNA - Un lupo adulto a spasso sulla provinciale? - FOTO
Le immagini del lettore sono statte scattate alle 5.30, lungo la strada che da Ozegna porta a Castellamonte e San Giorgio
VOLPIANO - Cavallo scappa in autostrada: lo salvano carabinieri e polizia
VOLPIANO - Cavallo scappa in autostrada: lo salvano carabinieri e polizia
Carabinieri e polizia, prontamente intervenuti su segnalazione di alcuni automobilisti, hanno intercettato il cavallo alla barriera di Volpiano
CANI DA SOCCORSO - A Bardonecchia brevetto per Ghea del Soccorso Alpino Canavesano - FOTO
CANI DA SOCCORSO - A Bardonecchia brevetto per Ghea del Soccorso Alpino Canavesano - FOTO
Sì è concluso il trentesimo Corso Nazionale Unità Cinofile da Ricerca in Superficie organizzato a Bardonecchia
CORIO - Sette cani e un cavallo maltrattati: intervengono i carabinieri
CORIO - Sette cani e un cavallo maltrattati: intervengono i carabinieri
Tutti gli animali sono risultati denutriti e mantenuti in un ambiente insalubre. Per la proprietaria è scattata una denuncia per maltrattamenti
CANAVESE - Il rarissimo Ibis Eremita ha fatto tappa a Castellamonte - FOTO
CANAVESE - Il rarissimo Ibis Eremita ha fatto tappa a Castellamonte - FOTO
Gianni Cena, salassese e appassionato di Birdwatching, ha catturato, con il proprio obiettivo, una specie decisamente inusuale in Canavese a Sant'Antonio di Castellamonte
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore