VISTRORIO - La Valchiusella si mobilita per salvare i rospi mentre attraversano la strada - FOTO

| L’appuntamento è fissato per sabato 4 marzo a partire dalle 9 alla diga. Durante la compagna 2016 sono stati trasportati 1500 animaletti, per il 90% anfibi della specie Bufo Bufo, ma anche qualche rana, salamandra e tritone

+ Miei preferiti
VISTRORIO - La Valchiusella si mobilita per salvare i rospi mentre attraversano la strada - FOTO
La primavera si avvicina e anche quest’anno i volontari del Circolo chiusellaVivo poseranno la barriera di salvataggio lungo la stada provinciale che costeggia il lago di Vistrorio ed “aiuteranno” i rospi ad attraversare la strada per raggiungere il sosttostante lago e potersi riprodutrre. L’appuntamento è fissato per sabato 4 marzo a partire dalle 9:00 alla diga di Vistrorio (data da ridefinire in caso di pioggia o neve). Lo scorso anno durante le 5 settimane che è durata la migrazione degli anfibi verso i siti di riproduzione sono stati trasportati 1.500 “animaletti” tra andata e ritorno dai volontari del Chiusellavivo. La barriera di protezione posata dai volontari stessi è in assoluto una delle maggiori del Piemonte.
 
Durante la compagna 2016 sono stati trasportati per il 90% anfibi della specie Bufo Bufo, ma anche qualche rana, salamandra e tritone. Il picco della migrazione è avvenuto durate i primi 10 gg. Le condizioni affinché gli anfibi si risveglino dal letargo ed inizino a migrare verso il lago sono principalmente il rialzo della temperatura serale stabilmente sopra i 5° centigradi e la pioggia. Normalmente dopo le 24 con l’abbassamento della temperatura si fermano. Lo scorso anno la campagna è stata seguita anche dal Comprensorio Scolastico di Vistrorio ed è stato oggetto di numerosi lavori svolti con gli alunni.
 
A partire dal 2005, il Circolo Chiusellavivo, in collaborazione della Provincia di Torino, ora Città Metropolitana. organizza la campagna di salvataggio e di informazione in oggetto. Alla Campagna hanno inoltre collaborato la Regione Piemonte le Università di Firenze e Torino, il WWF. Nel 2007 ha ottenuto il prestigioso patrocinio della Società Italiana di Erpetologia. Il progetto Rospi Valchiusella ha avuto un ruolo pilota nell’avviare la campagna  di salvataggio che Legambiente organizza a livello nazionale. Come più volte dichiarato l’iniziativa si è resa necessaria dal rischio d’investimenti stradali a cui la popolazione locale di Anfibi è soggetta (questa vulnerabilità è imputata alla lentezza dei movimenti e all’irrigidimento nel momento del pericolo), l’impatto stradale potrebbe infatti portare in pochi anni all’estinzione dell’intera popolazione. Si stima che un traffico stradale di solo 5 automobili, ogni 5 minuti, possa causare l’uccisione di circa il 30% della popolazione, causandone l’estinzione in pochi anni.
 
Allo scopo di sensibilizzare la popolazione della Valchiusella nei confronti dei problema rospi, dell’ambiente e della sicurezza stradale, a partire dal 2005 sono stati organizzati numerosi incontri presso la sede del Circolo Chiusellavivo e presso il salone pluriuso del Comune di Vistrorio. Incontri con le scuole sono stati organizzati presso scuole elementari (come quella di Vistrorio) e superiori (Liceo Scientifico di Ivrea). In questi anni le barriere e l’attività dei volontari sono stati così di enorme importanza per la salvaguardia della specie Bufo bufo (rospo comune) e non solo. Il censimento accurato che si è fatto ha messo in evidenza una ricca popolazione di anfibi, composta non solo dai rospi ma anche da rane verdi, rane rosse e salamandre. Chi fosse interessato a partecipare può contattare il circolo scrivendo all’indirizzo mail: circolochiusellavivo@libero.it
Galleria fotografica
VISTRORIO - La Valchiusella si mobilita per salvare i rospi mentre attraversano la strada - FOTO - immagine 1
VISTRORIO - La Valchiusella si mobilita per salvare i rospi mentre attraversano la strada - FOTO - immagine 2
VISTRORIO - La Valchiusella si mobilita per salvare i rospi mentre attraversano la strada - FOTO - immagine 3
VISTRORIO - La Valchiusella si mobilita per salvare i rospi mentre attraversano la strada - FOTO - immagine 4
QCuccioli
CANAVESE - Attacchi dei lupi: più soldi per i rimborsi agli allevatori danneggiati
CANAVESE - Attacchi dei lupi: più soldi per i rimborsi agli allevatori danneggiati
La Città Metropolitana di Torino chiederà alla Regione Piemonte lo stanziamento di risorse adeguate
BAIRO - Cinghiale cade nel canale Caluso: salvato dai pompieri - VIDEO
BAIRO - Cinghiale cade nel canale Caluso: salvato dai pompieri - VIDEO
Operazione di soccorso, oggi all'ora di pranzo, tra Bairo ed Agliè per un cinghiale rimasto bloccato tra le grate del canale
CERESOLE-CUORGNE' - Il cane disperso torna a casa dopo otto mesi: la sua storia diventa un libro
CERESOLE-CUORGNE
Sabato nell'ex chiesa della Santissima Trinità a Cuorgnè, verrà presentato il libro «La storia di Dana», di Maria Grazia Pezzetto con illustrazioni di Umberto Burro. Una storia vera...
CANAVESE - Jasmine è morta: la triste storia del cavallo maltrattato
CANAVESE - Jasmine è morta: la triste storia del cavallo maltrattato
I volontari della Casa del Cane Vagabondo, il rifugio per animali di Barbania, ne hanno dato la triste notizia ieri sui social. «Jasmine è morta perché ha vissuto una vita decente per soli due mesi»
CANAVESE - Nuovi avvistamenti di lupi. La Città metropolitana: «Basta allarmismi, bisogna conviverci»
CANAVESE - Nuovi avvistamenti di lupi. La Città metropolitana: «Basta allarmismi, bisogna conviverci»
Recenti fatti di cronaca dimostrano come la presenza del Lupo nelle vallate della Città Metropolitana di Torino induca alcuni malintenzionati ad uccidere esemplari del carnivoro, commettendo un reato punito dalla legge
ANIMALI - Polpette avvelenate nei parchi: entra in servizio l'unità cinofila antiveleno
ANIMALI - Polpette avvelenate nei parchi: entra in servizio l
La Città Metropolitana dispone da qualche tempo di un'unità cinofila antiveleno, composta dall’istruttore direttivo di vigilanza Carlo Geymonat e dal cane pastore australiano «Myrtille»
PONT CANAVESE - Niente sfratto (per ora) al piccolo canile di Grazia De Palma - FOTO
PONT CANAVESE - Niente sfratto (per ora) al piccolo canile di Grazia De Palma - FOTO
Prorogato il termine per lasciare quella casa in frazione Bausano. Se ne riparlerà a dicembre. Resta il problema della donna e dei suoi quattordici cani sfortunati che non si sa dove andranno
CASTELLAMONTE - Appello per ritrovare il cane Motaki
CASTELLAMONTE - Appello per ritrovare il cane Motaki
Il cucciolo risulta smarrito dal pomeriggio dello scorso 16 ottobre in frazione Sant'Anna Boschi di Castellamonte. UPDATE: è stato ritrovato!
PONT - Ultimo appello per Grazia e i suoi 14 cani sfortunati
PONT - Ultimo appello per Grazia e i suoi 14 cani sfortunati
Dopo vent'anni, la storia del piccolo rifugio è arrivata ai titoli di coda. Grazia De Palma, 53 anni, dovrà lasciare l'immobile
OZEGNA - Un lupo adulto a spasso sulla provinciale? - FOTO
OZEGNA - Un lupo adulto a spasso sulla provinciale? - FOTO
Le immagini del lettore sono statte scattate alle 5.30, lungo la strada che da Ozegna porta a Castellamonte e San Giorgio
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore