VISTRORIO - La Valchiusella si mobilita per salvare i rospi mentre attraversano la strada - FOTO

| L’appuntamento è fissato per sabato 4 marzo a partire dalle 9 alla diga. Durante la compagna 2016 sono stati trasportati 1500 animaletti, per il 90% anfibi della specie Bufo Bufo, ma anche qualche rana, salamandra e tritone

+ Miei preferiti
VISTRORIO - La Valchiusella si mobilita per salvare i rospi mentre attraversano la strada - FOTO
La primavera si avvicina e anche quest’anno i volontari del Circolo chiusellaVivo poseranno la barriera di salvataggio lungo la stada provinciale che costeggia il lago di Vistrorio ed “aiuteranno” i rospi ad attraversare la strada per raggiungere il sosttostante lago e potersi riprodutrre. L’appuntamento è fissato per sabato 4 marzo a partire dalle 9:00 alla diga di Vistrorio (data da ridefinire in caso di pioggia o neve). Lo scorso anno durante le 5 settimane che è durata la migrazione degli anfibi verso i siti di riproduzione sono stati trasportati 1.500 “animaletti” tra andata e ritorno dai volontari del Chiusellavivo. La barriera di protezione posata dai volontari stessi è in assoluto una delle maggiori del Piemonte.
 
Durante la compagna 2016 sono stati trasportati per il 90% anfibi della specie Bufo Bufo, ma anche qualche rana, salamandra e tritone. Il picco della migrazione è avvenuto durate i primi 10 gg. Le condizioni affinché gli anfibi si risveglino dal letargo ed inizino a migrare verso il lago sono principalmente il rialzo della temperatura serale stabilmente sopra i 5° centigradi e la pioggia. Normalmente dopo le 24 con l’abbassamento della temperatura si fermano. Lo scorso anno la campagna è stata seguita anche dal Comprensorio Scolastico di Vistrorio ed è stato oggetto di numerosi lavori svolti con gli alunni.
 
A partire dal 2005, il Circolo Chiusellavivo, in collaborazione della Provincia di Torino, ora Città Metropolitana. organizza la campagna di salvataggio e di informazione in oggetto. Alla Campagna hanno inoltre collaborato la Regione Piemonte le Università di Firenze e Torino, il WWF. Nel 2007 ha ottenuto il prestigioso patrocinio della Società Italiana di Erpetologia. Il progetto Rospi Valchiusella ha avuto un ruolo pilota nell’avviare la campagna  di salvataggio che Legambiente organizza a livello nazionale. Come più volte dichiarato l’iniziativa si è resa necessaria dal rischio d’investimenti stradali a cui la popolazione locale di Anfibi è soggetta (questa vulnerabilità è imputata alla lentezza dei movimenti e all’irrigidimento nel momento del pericolo), l’impatto stradale potrebbe infatti portare in pochi anni all’estinzione dell’intera popolazione. Si stima che un traffico stradale di solo 5 automobili, ogni 5 minuti, possa causare l’uccisione di circa il 30% della popolazione, causandone l’estinzione in pochi anni.
 
Allo scopo di sensibilizzare la popolazione della Valchiusella nei confronti dei problema rospi, dell’ambiente e della sicurezza stradale, a partire dal 2005 sono stati organizzati numerosi incontri presso la sede del Circolo Chiusellavivo e presso il salone pluriuso del Comune di Vistrorio. Incontri con le scuole sono stati organizzati presso scuole elementari (come quella di Vistrorio) e superiori (Liceo Scientifico di Ivrea). In questi anni le barriere e l’attività dei volontari sono stati così di enorme importanza per la salvaguardia della specie Bufo bufo (rospo comune) e non solo. Il censimento accurato che si è fatto ha messo in evidenza una ricca popolazione di anfibi, composta non solo dai rospi ma anche da rane verdi, rane rosse e salamandre. Chi fosse interessato a partecipare può contattare il circolo scrivendo all’indirizzo mail: circolochiusellavivo@libero.it
Galleria fotografica
VISTRORIO - La Valchiusella si mobilita per salvare i rospi mentre attraversano la strada - FOTO - immagine 1
VISTRORIO - La Valchiusella si mobilita per salvare i rospi mentre attraversano la strada - FOTO - immagine 2
VISTRORIO - La Valchiusella si mobilita per salvare i rospi mentre attraversano la strada - FOTO - immagine 3
VISTRORIO - La Valchiusella si mobilita per salvare i rospi mentre attraversano la strada - FOTO - immagine 4
Dove è successo
QCuccioli
CANAVESE - Cosa fare e a chi rivolgersi quando si trova un animale in difficoltà?
CANAVESE - Cosa fare e a chi rivolgersi quando si trova un animale in difficoltà?
La fauna selvatica è un bene prezioso della collettività ed è tutelata dalla legge
LOCANA - Il fiuto dell'unità cinofila fondamentale per salvare il disperso in montagna - FOTO
LOCANA - Il fiuto dell
Con molta caparbietà, affrontando una zona estremamente impervia e pericolosa, grazie alla tenacia ed all'udito fino degli operanti è stata circoscritta una zona da dove si udivano le flebili risposte del disperso
VOLPIANO - Gatti sopravvissuti all'incendio cercano uno stallo temporaneo
VOLPIANO - Gatti sopravvissuti all
Al momento i gatti sono stati affidati al canile di Settimo che però non può ospitarli a lungo. Necessitano quindi di uno stallo temporaneo
CERESOLE REALE - Cani da salvataggio nelle acque del lago - FOTO e VIDEO
CERESOLE REALE - Cani da salvataggio nelle acque del lago - FOTO e VIDEO
Il Gruppo Subalpino Lavoro in Acqua, il Club Italiano Terranova e lo Csen hanno dato vita ad un raduno per assegnare i brevetti di salvataggio
FAVRIA - Appello per ritrovare il piccolo Blu scomparso nel nulla
FAVRIA - Appello per ritrovare il piccolo Blu scomparso nel nulla
In caso di avvistamenti è possibile chiamare il numero 349-0720729
CERESOLE REALE - I cani imparano a diventare bagnini nel lago
CERESOLE REALE - I cani imparano a diventare bagnini nel lago
Sabato e domenica si assegnano i brevetti di salvataggio. Una due giorni da non perdere per gli appassionati di animali
MAZZE' - Uccide il cane a martellate: condannato a quattro mesi di carcere
MAZZE
L'uomo, che aveva perso il lavoro, si era accanito sull'animale tagliandogli la gola e prendendolo a martellate per "sfogare lo stress"
FAVRIA - Nel laghetto abbandonano di tutto: conigli, pesci e tartarughe
FAVRIA - Nel laghetto abbandonano di tutto: conigli, pesci e tartarughe
Appello del Comune: «Il laghetto del parco non è lo zoo dove si lasciano gli animaletti indesiderati»
CUORGNE' - Il Comune contro l'abbandono degli animali
CUORGNE
L'entrata in vigore della Legge 189 nel 2004 prevede la pena dell'arresto fino a un anno per il reato di abbandono o l'ammenda da 1000 a 10000 euro
CANAVESE - Operazione riempiamo le ciotole per il Canile di Caluso
CANAVESE - Operazione riempiamo le ciotole per il Canile di Caluso
Raccolta alimentare a Cuorgnè, Mazzè, San Giorgio Canavese, Agliè, Forno Canavese, Favria, Strambino e Caluso
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore