CALCIO - L'ARBITRO SCAPPA PER PAURA, BOSCONERESE STANGATA

| Partita persa a tavolino, squalifiche a raffica e 500 euro di multa

+ Miei preferiti
CALCIO - LARBITRO SCAPPA PER PAURA, BOSCONERESE STANGATA
Come previsto è arrivata la stangata per la Bosconerese dopo la "fuga" dell'arbitro, domenica scorsa, a metà del secondo tempo del derby di Prima categoria con il Colleretto. Il giudice sportivo è andato giù pesante: partita persa 0-3 a tavolino, 500 euro di multa e squalifiche a raffica per un complessivo di 25 giornate. Un record.
 
Ecco un estratto dal comunicato ufficiale del comitato regionale Piemonte e Valle d'Aosta delle Lega Nazionale Dilettanti.
 
Gara del 17/11/2013 BOSCONERESE A.S.D.-COLLERETTO G.PEDANEA
La gara in epigrafe non ha avuto regolare svolgimento essendo stata sospesa anzitempo dall'arbitro. Dal referto si evince che fin dall'inizio la gara si è svolta in un clima particolarmente ostile nei confronti dell'arbitro da parte dei sostenitori della società ospitante senza che i tesserati della stessa offrissero collaborazione al direttore di gara. Al 20º minuto del secondo tempo veniva espulso il giocatore CHIARONI LUCA (Bosconerese) per condotta violenta nei confronti di un avversario (in precedenza era già stato espulso nel primo tempo un altro giocatore della stessa società) e alla notifica del provvedimento il suddetto Chiaroni afferrava la mano dell'arbitro procurandogli graffi ed escoriazioni alla base del polso.
 
Subito l'arbitro veniva circondato da 6/7 calciatori della società ospitante tra i quali identificava FERRERO FABRIZIO e LOMBARDO EMANUELE che ripetutamente lo minacciavano in modo assai grave: il primo "Se lo espelli ti prendo a schiaffi" il secondo " adesso ti ammazzo". I suddetti calciatori venivano ritenuti espulsi pur non esibendo loro il cartellino rosso ritenendolo giustamente pregiudizievole per la propria sicurezza fisica.
 
Il gioco restava interrotto per circa 5 minuti, durante i quali l'arbitro cercava di riprendersi dal forte dolore al polso e dallo sconforto, pienamente comprensibile, causatogli dall'atteggiamento aggressivo e intimidatorio dei tesserati della società Bosconerese. A questo punto il dirigente accompagnatore della società signor STRIPPOLI ROBERTO ed alcuni giocatori tra i quali l'arbitro identificava il capitano della squadra CHIODO EMANUELE, tenevano comportamento "offensivo, minaccioso e rissoso" nei confronti dei tesserati avversari. Anche il suddetto capitano veniva ritenuto passibile di espulsione. 
 
Poiché con queste espulsioni la società Bosconerese si sarebbe venuta a trovare con soli SEI giocatori, numero insufficiente per la prosecuzione della gara, l'arbitro decretava la sospensione definitiva. La stessa deve quindi addebitarsi alla società Bosconerese, responsabile del comportamento vile, aggressivo ed intimidatorio posto in essere dai propri tesserati. 
 
SI DELIBERA
di assegnare gara persa alla società Bosconerese mandandola ad omologare con il seguente
risultato: BOSCONERESE-COLLERETTO PEDANEA 0-3
di riportare negli appositi paragrafi i provvedimenti disciplinari assunti per quanto in atti.
 
A CARICO DI SOCIETA'
 
AMMENDA 
Euro 500,00 BOSCONERESE A.S.D.
Per comportamento offensivo e minaccioso, durante tutta la gara da parte dei proprio sostenitori nei confronti dell'arbitro e dei tesserati della società avversaria. Inoltre, dopo la sospensione anticipata, gli stessi, mentre l'arbitro si avviava agli spogliatoi, si riversavano contro la rete di recinzione scuotendola violentemente e tentando di provocarne la rottura.
 
Nessun supporto veniva offerto all'arbitro dai dirigenti e giocatori della società ospitante. Il direttore di gara poteva abbandonare l'impianto sportivo solo dopo circa 50 minuti dalla fine anticipata, accompagnato dal signor MOINE LUCA, dirigente della società addetto all'arbitro, che lo faceva uscire da un'apertura laterale onde evitare l'incontro con i sostenitori ancora presenti ed urlanti. Il suddetto dirigente è stato l'unico a prestare collaborazione all'arbitro, impedendo ai propri giocatori di entrare nello spogliatoio arbitrale sprovvisto di chiave per la chiusura.
 
CARICO DIRIGENTI
INIBIZIONE A SVOLGERE OGNI ATTIVITA' FINO AL 20/12/2013
 
STRIPPOLI ROBERTO (BOSCONERESE A.S.D.)
Per non aver offerto collaborazione alcuna all'arbitro ed aver tenuto altresì comportamento offensivo e minaccioso nei confronti dei tesserati avversari.
 
A CARICO CALCIATORI ESPULSI DAL CAMPO
 
SQUALIFICA PER 9 GARE EFFETTIVE
 
CHIARONI LUCA (BOSCONERESE A.S.D.)
Per aver colpito intenzionalmente un avversario con un calcio al collo, senza possibilità di giocare il pallone. Alla notifica dell'espulsione afferrava con forza il polso dell'arbitro graffiandolo.
 
SQUALIFICA PER 3 GARE EFFETTIVE
 
LUNARDI MARCO (BOSCONERESE A.S.D.)
Durante un'azione di gioco colpiva un avversario al costato con i tacchetti della scarpa.
 
A CARICO CALCIATORI NON ESPULSI DAL CAMPO
 
SQUALIFICA PER 5 GARE
 
FERRERO FABRIZIO (BOSCONERESE A.S.D.) e LOMBARDO EMANUELE (BOSCONERESE A.S.D.) 
Dopo l'espulsione di un compagno di squadra accerchiavano l'arbitro, unitamente ad altri giocatori non identificati, con fare minaccioso e rivolgendo espressioni gravemente intimidatorie.
 
SQUALIFICA PER 3 GARE
 
CHIODO EMANUELE (BOSCONERESE A.S.D.)
Anziché adoperarsi per la tutela dell'arbitro, in considerazione dello "status" di capitano della squadra, teneva comportamento minaccioso e rissoso nei confronti degli avversari
QC Sport
CALCIO - L'Ivrea vede il ritorno in Prima Categoria. In Eccellenza pari importante della Rivarolese
CALCIO - L
I risultati delle formazioni del Canavese
ECONOMIA - Il Canavese scommette su sport e turismo
ECONOMIA - Il Canavese scommette su sport e turismo
Si è costituito il comitato “Canavese in sport”, nato per la promozione di iniziative legate al territorio per incentivare turismo
CALCIO - Nessun insulto razzista durante la partita degli Allievi a Castellamonte
CALCIO - Nessun insulto razzista durante la partita degli Allievi a Castellamonte
l Giudice Sportivo del comitato Figc di Aosta, Ezio Garrone, assistito dal rappresentante dell’Aia, Ugo Navillod, non ha preso provvedimenti in ordine al presunto caso di razzismo in campo
GRAN PIEMONTE - Il grande ciclismo italiano torna protagonista in Canavese - FOTO
GRAN PIEMONTE - Il grande ciclismo italiano torna protagonista in Canavese - FOTO
Presentato oggi a Torino il GranPiemonte 2017, organizzato da RCS Sport-La Gazzetta dello Sport in collaborazione con la Regione Piemonte, la Federazione Ciclistica Italiana e la Camera di Commercio di Torino
RALLY - Conto alla rovescia per il decimo Memorial Conrero
RALLY - Conto alla rovescia per il decimo Memorial Conrero
Il rally storico avrà il suo epicentro ancora una volta a Ivrea e vivrà la parte agonistica venerdì 5 e sabato 6 maggio
CASTELLAMONTE - Insulti razzisti sul campo di calcio: ragazzino di 16 anni lascia la partita in lacrime
CASTELLAMONTE - Insulti razzisti sul campo di calcio: ragazzino di 16 anni lascia la partita in lacrime
Sabato scorso un giovane di colore sarebbe stato insultato a Castellamonte, nel corso del match del campionato allievi fascia B. Il ragazzo dopo aver ricevuto degli insulti a sfondo razzista è uscito dal campo piangendo
KARATE – Ad Anagni si fanno onore gli agonisti della Rem Bu Kan Rivarolo Canavese
KARATE – Ad Anagni si fanno onore gli agonisti della Rem Bu Kan Rivarolo Canavese
Un'altra grande soddisfazione per il Karate ski Piemontese, che si concentrerà ora sul prossimo impegno in calendario
IVREA - Il Circolo Scherma Giuseppe Delfino festeggia la doppia promozione
IVREA - Il Circolo Scherma Giuseppe Delfino festeggia la doppia promozione
Per Ivrea è una conferma ad alti livelli in una disciplina, quella della Scherma, che da anni vede il Circolo Delfino fare bene
CALCIO - La Mappanese dice "No al razzismo e alla violenza" - VIDEO
CALCIO - La Mappanese dice "No al razzismo e alla violenza" - VIDEO
Gli striscioni sono stati autorizzati dal presidente della federazione calcio piemontese, Christian Mossino, che ha lodato l'iniziativa
CANOA - La nazionale italiana presentata al castello di Parella - FOTO
CANOA - La nazionale italiana presentata al castello di Parella - FOTO
«La Regione Piemonte ha lavorato con la Federazione per ottenere il centro federale e ci siamo riusciti», ha detto l’assessore regionale allo Sport, Giovanni Maria Ferraris
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore