CERESOLE REALE - Il trail della Resistenza celebra i 70 anni della battaglia di Ceresole

| Una serie di eventi, per l’occasione, coniugano storia, sport e promozione del Canavese. Il clou tra sabato e domenica nei Comuni di Cuorgnè, Canischio, Alpette e Ceresole Reale

+ Miei preferiti
CERESOLE REALE - Il trail della Resistenza celebra i 70 anni della battaglia di Ceresole
Si celebrano in questi giorni i 70 anni della battaglia di Ceresole Reale. Una serie di eventi, per l’occasione, coniugano storia, sport e promozione del Canavese. Il clou tra sabato e domenica con un "gradito" antipasto questa sera, venerdì, Cuorgnè, dalle 19, con la merenda sinoira a base di prodotti tipici al campo sportivo in frazione Ronchi Maddalena.
 
Sabato 9 agosto
Ore 9 - TRAIL della Resistenza – gara podistica competitiva di 20 km sui sentieri della resistenza. Partenza e arrivo in frazione Ronchi Maddalena di Cuorgnè dove i nazifascisti hanno impiccato Walter Fillak. Il percorso attraversa i luoghi della battaglia di Canischio e passa per Alpette. Seguirà il pranzo al campo di Ronchi. Organizzano Uisp e Anpi.
Ore 16 – Pomeriggio multi sport nella palestra di Alpette. Escursione sui sentieri con arrivo al planetario astronomico.
Ore 21 – Concerto del gruppo Primule Rosse all’ecomuseo del rame di Alpette. Presentazione del progetto della Uisp e dell’Anpi sui 70 anni dalla Resistenza alla Liberazione.
 
Domenica 10 agosto
Ore 9 – Escursione di due ore nel luogo dove è stato ucciso il comandante partigiano Titala a Ceresole Reale
Ore 11.30 – Commemorazione ufficiale della battaglia di Ceresole al monumento dei caduti sulla piazza del municipio. Ricordo della tragedia della Galisia. Seguirà concerto delle Primule Rosse e la visita alla Ca’ dal Meist.
Ore 13 – Pranzo al rifugio Massimo Mila di Ceresole.
Ore 15 – Al PalaMila di Ceresole, Gianni Oliva e Guido Novaria dialogano sulla Battaglia di Ceresole tra storia e memoria.
 
Venerdì 15 agosto
Ore 23 – Gran falò delle Alpi al rifugio Massimo Mila di Ceresole in ricordo di quanti, settant’anni fa, combatterono per riaffermare la libertà e la democrazia in Italia.
 
La battaglia di Ceresole
 
Nel pomeriggio del 29 luglio 1944, ebbe inizio all'imbocco della Valle dell'Orco, dove le formazioni partigiane confluirono per contrastare l'attacco delle brigate nere e dei gruppi corazzati germanici. Il primo scontro fu breve e violento (in particolare tra Valperga e Cuorgnè). Nella notte del 29 i partigiani presero posizione; parte in Val Canischio, parte a Formiero e Alpette, parte a Voira e Pont e parte nella Valle Sacra. Le forze partigiane vista l'inutilità di una resistenza prolungata per l'inferiorità nel numero di uomini e di mezzi logistici si ritirarono nella notte fra il 31 e il primo agosto, parte in Val Soana e a Ribordone e l'altra verso l'alta Valle Orco. Sopra Noasca i giorni 3 e 4 si trovarono a fronteggiare il nemico: la 77^ Brigata Garibaldi comandata da Goglio Battista (Titala) con un gruppo di Jugoslavi, comandati dal Maresciallo Popovic, la 49^ Brigata Garibaldi al comando di Trione Giuseppe (Ciciolo), un gruppo di cecoslovacchi comandati da un loro ufficiale ed infine una squadra di G.L.
 
I partigiani in tale posizione contrastarono l'attacco nemico. Nella notte fra il 4 ed il 5 agosto i partigiani spostandosi da Noasca si attestavano a difesa di Ceresole, mentre i nazifascisti si ritiravano dando alle fiamme parecchie case di Noasca. Nei giorni successivi i partigiani consolidavano la loro posizione sulle preminenze rocciose al di sotto del paese di Ceresole. Come testimoniano i giornali dell'epoca usciti l'11 - 12 - 13 agosto 1944, il quartier generale della Repubblica di Salò si riunisce nella zona di combattimento per prendere parte alla "distruzione dei banditi".
 
La battaglia ebbe il suo culmine il giorno 11 agosto ed ebbe il suo epilogo a tarda sera con lo sganciamento delle forze partigiane, costrette a ritirarsi per mancanza di munizioni e viveri. Il nemico ebbe a lamentare ingenti perdite in uomini e mezzi, fra le quali, la morte del col. Quagliatta, il ferimento grave del segr. Fascista Pavolini, del Principe Borghese, del vice federale Tealdi, del federale di Brescia Melega e di circa 600 repubblichini e tedeschi. (testo a cura dell'A.N.P.I di Alpette).
QC Sport
FOOTBALL AMERICANO - I Mastini Canavese iniziano la stagione casalinga con una vittoria - FOTO
FOOTBALL AMERICANO - I Mastini Canavese iniziano la stagione casalinga con una vittoria - FOTO
A San Giorgio Canavese vittoria di misura 8-7 nella prima partita in casa dei Mastini Canavese contro gli ospiti Lancieri Novara
CALCIO - L'Ivrea vede il ritorno in Prima Categoria. In Eccellenza pari importante della Rivarolese
CALCIO - L
I risultati delle formazioni del Canavese
ECONOMIA - Il Canavese scommette su sport e turismo
ECONOMIA - Il Canavese scommette su sport e turismo
Si è costituito il comitato “Canavese in sport”, nato per la promozione di iniziative legate al territorio per incentivare turismo
CALCIO - Nessun insulto razzista durante la partita degli Allievi a Castellamonte
CALCIO - Nessun insulto razzista durante la partita degli Allievi a Castellamonte
l Giudice Sportivo del comitato Figc di Aosta, Ezio Garrone, assistito dal rappresentante dell’Aia, Ugo Navillod, non ha preso provvedimenti in ordine al presunto caso di razzismo in campo
GRAN PIEMONTE - Il grande ciclismo italiano torna protagonista in Canavese - FOTO
GRAN PIEMONTE - Il grande ciclismo italiano torna protagonista in Canavese - FOTO
Presentato oggi a Torino il GranPiemonte 2017, organizzato da RCS Sport-La Gazzetta dello Sport in collaborazione con la Regione Piemonte, la Federazione Ciclistica Italiana e la Camera di Commercio di Torino
RALLY - Conto alla rovescia per il decimo Memorial Conrero
RALLY - Conto alla rovescia per il decimo Memorial Conrero
Il rally storico avrà il suo epicentro ancora una volta a Ivrea e vivrà la parte agonistica venerdì 5 e sabato 6 maggio
CASTELLAMONTE - Insulti razzisti sul campo di calcio: ragazzino di 16 anni lascia la partita in lacrime
CASTELLAMONTE - Insulti razzisti sul campo di calcio: ragazzino di 16 anni lascia la partita in lacrime
Sabato scorso un giovane di colore sarebbe stato insultato a Castellamonte, nel corso del match del campionato allievi fascia B. Il ragazzo dopo aver ricevuto degli insulti a sfondo razzista è uscito dal campo piangendo
KARATE – Ad Anagni si fanno onore gli agonisti della Rem Bu Kan Rivarolo Canavese
KARATE – Ad Anagni si fanno onore gli agonisti della Rem Bu Kan Rivarolo Canavese
Un'altra grande soddisfazione per il Karate ski Piemontese, che si concentrerà ora sul prossimo impegno in calendario
IVREA - Il Circolo Scherma Giuseppe Delfino festeggia la doppia promozione
IVREA - Il Circolo Scherma Giuseppe Delfino festeggia la doppia promozione
Per Ivrea è una conferma ad alti livelli in una disciplina, quella della Scherma, che da anni vede il Circolo Delfino fare bene
CALCIO - La Mappanese dice "No al razzismo e alla violenza" - VIDEO
CALCIO - La Mappanese dice "No al razzismo e alla violenza" - VIDEO
Gli striscioni sono stati autorizzati dal presidente della federazione calcio piemontese, Christian Mossino, che ha lodato l'iniziativa
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore