ivrea-i-detenuti-giocano-a-calcio-in-carcere-per-aiutare-i-bambini-10081
IVREA - I detenuti giocano a calcio in carcere per aiutare i bambini

IVREA - I detenuti giocano a calcio in carcere per aiutare i bambini

| La Casa Circondariale di Ivrea parteciperà il prossimo 16 Dicembre alla Seconda edizione della partita di calcio di «Bambinisenzasbarre»

+ Miei preferiti
IVREA - I detenuti giocano a calcio in carcere per aiutare i bambini
Un match di calcio per sostenere la Campagna sui diritti dei bambini figli di detenuti: la Casa Circondariale di Ivrea parteciperà il prossimo 16 Dicembre alla Seconda edizione della partita di calcio di Bambinisenzasbarre. Si sfideranno in campo quattro squadre di detenuti della media e dell’alta sicurezza, rispettivamente alle 9.30 i primi e alle 13.30 i secondi. I detenuti con e senza figli si sfideranno per dare voce e visibilità ai bambini – oltre 100mila ogni anno in Italia – che hanno un genitore recluso, per sensibilizzare istituzioni, sistema carcerario, Media e opinione pubblica affinché non vengano emarginati solo perché figli di detenuti. 
 
L’adesione è altissima: si gioca a Dicembre in tutte le regioni italiane. I calciatori scenderanno in campo con la maglietta di Bambinisenzasbarre, azzurra e gialla come i colori dell’associazione e con la scritta “I diritti dei grandi iniziano dai diritti dei bambini”. Le famiglie potranno assistere alle partite, e i bambini tifare per il loro papà in campo. In totale si giocherà in circa 40 istituti penitenziari, a partecipare saranno oltre 400 persone detenute. 
 
La “Partita di calcio Bambinisenzasbarre” fa parte delle iniziative all’interno della Campagna nazionale di sensibilizzazione “Non un mio crimine, ma una mia condanna. I diritti dei grandi iniziano dai diritti dei bambini”, per promuovere dal 20 Novembre al 20 Dicembre la “Carta dei figli dei detenuti” rinnovata lo scorso settembre dal ministro Orlando, dalla Garante dell’Infanzia Albano e da Bambinisenzasbarre e per portare all’attenzione il tema dei 100mila bambini che entrano ogni giorno ogni anno in carcere per mantenere il legame con i propri genitori, e che oggi vedono riconosciuti i propri bisogni trasformati in diritti. L’Italia è la prima in Europa ad avere un documento che impegna il sistema istituzionale del nostro Paese e la società civile a confrontarsi con la presenza in visita del bambino in carcere, e con il peso che la detenzione del proprio genitore comporta. Noi diciamo che “I diritti dei grandi iniziano dai diritti dei bambini”.
 
L’esperienza della Carta dei figli dei detenuti ha portato l’Italia a essere capofila a livello internazionale. L’Intergruppo del Parlamento Europeo per i diritti dell’infanzia ha deciso di proporre formalmente che la Carta dei figli dei detenuti italiana sia adottata da tutti i Paesi dell’Unione Europea. In queste settimane i deputati del Parlamento Europeo stanno raccogliendo le firme necessarie alla Dichiarazione Scritta n.84, per avviare l’iter di adozione della Carta italiana.
QC Sport
TRAGEDIA - Il mondo del rally in lutto per la morte del grande Beppe Volta sull'autostrada Torino-Milano
TRAGEDIA - Il mondo del rally in lutto per la morte del grande Beppe Volta sull
Oggi a Chivasso, sull'autostrada A4 Torino-Milano, il 71enne investito e ucciso nei pressi dell'uscita di Chivasso Centro era Beppe Volta, un pezzo di storia del rally italiano, una vera e propria icona
ATLETICA LEGGERA - Bottino di medaglie per l'Atletica Canavesana ad Asti
ATLETICA LEGGERA - Bottino di medaglie per l
Nel settore femminile tripletta di Anna Maria Camoletto nel disco, martello e martellone, di Nilver Perona nel giavellotto e della 4x400 Mackevica, Lanza, Sidoti, Bioletti
VOLLEY - Impresa storica per l'Alto Canavese Volley che ottiene la promozione in Serie B
VOLLEY - Impresa storica per l
Vinta la finale scudetto di serie C contro Racconigi. «E' stato il coronamento di una stagione straordinaria, di un grande gruppo, guidato da un grande coach e circondato da un grande staff»
IVREA - Anche lo Storico Carnevale di Ivrea accoglie il Giro d'Italia
IVREA - Anche lo Storico Carnevale di Ivrea accoglie il Giro d
Diverse le iniziative che domenica faranno da contorno alla partenza della tappa Ivrea-Como, la più lunga di questo Giro d'Italia 2019
GIRO D'ITALIA - La crono dice sempre Roglic, la Rosa ancora Conti
GIRO D
Seconda vittoria di tappa di Primoz Roglic (Team Jumbo-Visma) che dopo la cronometro individuale inaugurale sul San Luca di Bologna si è ripetuto nella Sangiovese Wine Stage da Riccione a San Marino
GIRO D'ITALIA NEL PARCO GRAN PARADISO - Tre consigli per turisti e spettatori della corsa rosa
GIRO D
Lungo tutto il percorso il Parco chiede al pubblico di appassionati, in attesa dell'arrivo degli atleti, di godere delle bellezze dell'area protetta, rispettandola ed evitando comportamenti che possano causare pericolo
ATLETICA LEGGERA - Inizia bene la sfida al Nebiolo di Torino per l'Atletica Canavesana
ATLETICA LEGGERA - Inizia bene la sfida al Nebiolo di Torino per l
Quattro i successi individuali e diversi piazzamenti sul podio a sancire la crescita tecnica del club bianco azzurro
GIRO D'ITALIA - Bilbao anticipa, Conti resiste: tra sei giorni in Canavese
GIRO D
La tappa, partita da Vasto, ha visto Pello Bilbao (Astana Pro Team) conquistare il suo primo successo nella Corsa Rosa
GIRO D'ITALIA - Masnada fa sua la tappa, Conti nuova Maglia Rosa - FOTO
GIRO D
Fausto Masnada si è aggiudicato la sesta tappa del centoduesimo Giro d'Italia, primo successo in questa edizione della Corsa Rosa per un corridore italian
GIRO D'ITALIA - Bis di Ackermann sotto la pioggia, Roglic ancora un giorno in Rosa
GIRO D
Pascal Ackermann (Bora-Hansgrohe) ha conquistato la sua seconda vittoria al Giro d'Italia in una frazione caratterizzata dalla pioggia
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore