MONDIALE 2014 - Deutschland uber alles. La Germania, per la quarta volta, è campione del mondo

| E’ il successo di una federazione che con serietà ha saputo programmare nel tempo, valorizzando i settori giovanili e costruendo pezzo dopo pezzo un modello sportivo vincente, anche attraverso impianti e strutture a misura di tifoso

+ Miei preferiti
MONDIALE 2014 - Deutschland uber alles. La Germania, per la quarta volta, è campione del mondo
Deutschland uber alles. Ventiquattro anni dopo la Germania riconquista la Coppa del Mondo di calcio. Per regolare i coriacei argentini in finale e diventare per la quarta volta campioni (azzurri eguagliati ndr), ai tedeschi non è bastata la mezzoretta scarsa impiegata per asfaltare il Brasile in semifinale. Sono serviti centotredici minuti di sofferenza. E’ finita uno a zero, come a Italia ’90. Allora ci pensò Andreas Brehme dal dischetto, oggi i titoli di coda li ha mandati Mario Gotze con una prodezza balistica da far saltare sulla sedia anche la Merkel. Una volèe sublime, che fredda l’incolpevole Romero e fa esplodere di gioia Berlino. 
 
E’ il sigillo al trionfo di una squadra nel vero senso della parola. Un undici elegante e pratico, spettacolare e grintoso, compatto come la roccia e arricchito di gemme preziose. La migliore formazione del mondiale, guidata da un tecnico, Joachim Low, che non sorride (quasi) mai, ma si fa stimare, calcisticamente parlando, con la forza dei fatti. Dal capitano di mille battaglie, Philipp Lahm, all’attaccante più prolifico della storia della manifestazione, Miro Klose, passando per il numero uno di maglia e di fatto Manuel Neuer. Tanta roba, senza dimenticare Bastian Schweinsteiger, il miglior giocatore della finale, i pilastri della difesa Boateng e Hummels, la diga di centrocampo eretta da Khedira e Kroos e poi gli enfant prodige Schurrle (24 anni), Gotze (22) e Kramer (23). 
 
E’ il successo di una federazione che con serietà ha saputo programmare nel tempo, valorizzando i settori giovanili e costruendo pezzo dopo pezzo un modello sportivo vincente, anche attraverso impianti e strutture a misura di tifoso. L’atto finale del torneo non è stato indimenticabile. Oltre al gol partita di SuperMario, la cosa più bella resta, probabilmente, il balletto di Gisele Bundchen sul prato del Maracanà nel pre-match. Il resto sono tutti gli sbagli di un albiceleste troppo precaria per salire sul tetto del mondo del football. Alla Seleccion è mancato il dribbling letale di Miguel Angel Di Maria e la precisione sotto-porta della cavalleria pesante. Messi, Higuain, Palacio, Aguero, Lavezzi non sono bastati a Sabella. 
 
La montagna ha partorito il più classico dei topolini. Garay e soci hanno sigillato le perdite, ma otto gol fatti (di cui 6 nel gironcino eliminatorio) sono un bottino troppo magro per mettere le mani sul trofeo disegnato dall’italiano Silvio Carzaniga, finito guarda a caso ad appannaggio di una Germania capace di dare del tu al pallone, realizzando ben 18 reti. 
 
TABELLINO e PAGELLE
 
GERMANIA (4-2-3-1): Neuer 6.5; Lahm 6.5, Boateng J. 7, Hummels 7, Höwedes 5.5; Kramer 6 (31' Schürrle 6.5), Schweinsteiger 8, Kroos 6; Mūller 6, Klose 5.5 (88' Götze 7), Özil 5.5 (120' Mertesacker sv). Allenatore: Löw 6.5
ARGENTINA (4-3-3): Romero 6.5; Zabaleta 6.5, Demichelis 6, Garay 7, Rojo 6; Biglia 5.5, Mascherano 6.5, Pérez 6 (86' Gago 5.5); Messi 5.5, Higuaín 5.5 (78' Palacio 5); Lavezzi 6.5 (46' Agüero 5). Allenatore: Sabella 6
ARBITRO: Rizzoli 6.
RETI: 113' Götze
QC Sport
TRAGEDIA - Il mondo del rally in lutto per la morte del grande Beppe Volta sull'autostrada Torino-Milano
TRAGEDIA - Il mondo del rally in lutto per la morte del grande Beppe Volta sull
Oggi a Chivasso, sull'autostrada A4 Torino-Milano, il 71enne investito e ucciso nei pressi dell'uscita di Chivasso Centro era Beppe Volta, un pezzo di storia del rally italiano, una vera e propria icona
MOTORI - Weekend sfortunato per Lorenzo Veglia al Mugello
MOTORI - Weekend sfortunato per Lorenzo Veglia al Mugello
Si è chiusa con un resoconto al di sotto delle aspettative, la parentesi di Campionato Italiano GT del pilota leinicese
PALLAVOLO - Valentina Re dal Canavese alla Serie A
PALLAVOLO - Valentina Re dal Canavese alla Serie A
Valentina Re difenderà i colori della compagine targata Acqua San Bernardo in Serie A2 nel prossimo campionato
TAVAGNASCO - Domenica si corre in montagna la «Santa Maria Maddalena ai piani»
TAVAGNASCO - Domenica si corre in montagna la «Santa Maria Maddalena ai piani»
Edizione numero 66 della corsa Tavagnasco-S.M. Maddalena ai piani – Km verticale - inserita nel progetto «Sport e Resistenza»
CICLISMO - Gran finale per la «Sei giorni di Torino»: due titoli per il canavesano Topatigh
CICLISMO - Gran finale per la «Sei giorni di Torino»: due titoli per il canavesano Topatigh
Sul tracciato sono però emersi i campioni locali, con il canavesano Fabrizio Topatigh che sabato si è aggiudicato un doppio titolo italiano nei nazionali di paraciclismo
CERESOLE REALE - Con la Ultra Sky Marathon, Ceresole sul tetto del mondo
CERESOLE REALE - Con la Ultra Sky Marathon, Ceresole sul tetto del mondo
In una cornice spettacolare atleti e accompagnatori si sono trovati a festeggiare l'ingresso di Ceresole tra le grandi località che ospitano le gare mondiali di corsa in montagna
CERESOLE REALE - Tutto il Canavese brinda al successo della Royal
CERESOLE REALE - Tutto il Canavese brinda al successo della Royal
Un grande successo anche in termini di pubblico che stimola a puntare su questi eventi per la valorizzazione del territorio
CALCIO - L'unione fa la forza: nasce l'Agliè Valle Sacra
CALCIO - L
Presentazione ufficiale, la scorsa settimana, a palazzo civico dove, a fare gli onori di casa, c'era il sindaco Marco Succio
CERESOLE REALE - Vittorie tutte italiane alla Roc Sky Race - 90 FOTO DELLA GARA
CERESOLE REALE - Vittorie tutte italiane alla Roc Sky Race - 90 FOTO DELLA GARA
La Roc Sky Race è la versione corta della Royal (coincidono della prima parte) ed è dedicata alla vetta più alta del versante S del Parco Nazionale del Gran Paradiso, il Roc (4026 metri)
CERESOLE REALE - La vittoria della Royal Marathon va in Nepal: strepitosa gara e successo di pubblico - FOTO e VIDEO
CERESOLE REALE - La vittoria della Royal Marathon va in Nepal: strepitosa gara e successo di pubblico - FOTO e VIDEO
Tra due ali di folla ha vinto con un tempo eccezionale, dopo oltre 52 chilometri di gara, Bhim Bahadur Gurung, proveniente dal Nepal. Ha preceduto sul traguardo lo svedese Andrè Jonsson con il quale ha duellato fino agli ultimi chilometri
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore