MONTAGNA - Da tutta Italia a Ceresole Reale per «Orcoblocco»

|

+ Miei preferiti
MONTAGNA - Da tutta Italia a Ceresole Reale per «Orcoblocco»
Dall’11 al 13 settembre torna «Orcoblocco», raduno boulder organizzato nella splendida cornice naturalistica della Valle dell’Orco. Per la seconda edizione, sono cinque i nuovi settori offerti agli amanti dell’arrampicata: oltre alle storiche linee di Zangerl, anche un intero settore ancora da liberare.
 
La Valle dell’Orco, immersa nel panorama mozzafiato del Parco Nazionale del Gran Paradiso e famosa per le sue vie trad, si fa strada per diventare punto di riferimento anche per gli appassionati di boulder. La seconda edizione di Orcoblocco si presenta, infatti, ricca e appetitosa grazie all’offerta di cinque nuovi settori freschi di pulitura che comprendono passaggi storici e linee ancora vergini su stili differenti. Un raduno boulder fortemente voluto dai giovani gestori del Rifugio Mila, situato sulle rive del lago di Ceresole Reale, e reso possibile grazie all’intenso lavoro di esplorazione e pulizia di un gruppo di scalatori milanesi e locali.
 
La prima edizione di Orcoblocco, lo scorso anno, aveva attirato oltre centocinquanta iscritti presentando al pubblico quattro settori per un totale di centosessanta passaggi, e la pubblicazione della guida ufficiale “Orco Boulder 2014”, a cura di Dario Rota, scalatore appassionato e già autore di “Foppiano Boulder 2013”, Andrea Migliano, uno dei gestori del Rifugio, e Luca Cendou. Quest’anno la volontà è di consolidare il risultato, ma soprattutto far esplodere le potenzialità di una valle che, dal punto di vista dell’arrampicata su sassi, non è stata ancora valorizzata.
 
Tra i cinque settori presentati quest’anno, due erano già stati parzialmente esplorati negli anni precedenti, grazie alla loro vicinanza con lo storico sasso Kosterlitz, la cui celebre fessura diventa ora una sorta di porta d’accesso alle meraviglie delle due zone che si aprono ai lati del fiume. Il settore “I Coloniali” si presenta come una grande sassaia ancora da valorizzare, tra cui spiccano una linea liberata da Zangerl e due linee di Niccolò Ceria, tra cui l’8a che dà il nome al settore; anche “Bravi rabi”, l’area boulder sull’ansa opposta del fiume, prende il nome dal sasso omonimo sul quale ci si può confrontare con le tre linee che superano l’ottavo grado.
 
Se ogni settore ha caratteristiche naturalistiche e stilistiche differenti, la zona del “Torrente” le unisce tutte presentando linee eterogenee con traversi, tetti, rimonte e placche tecniche da scoprire sulle facce di monumentali sassi in parte immersi nel torrente. Un grosso lavoro è stato fatto per ampliare le zone già presentate lo scorso anno, espandendo il settore “Le Fonti” e arrivando fino alla diga. Da segnalare presso “Le Fonti Alte” il cosiddetto “Antro della libellula”, una fessura alta che necessita di tecnica d’incastro per poter essere domata. Ma è il settore “Diga” a rappresentare lo spirito di condivisione che anima gli organizzatori di Orcoblocco. I dieci sassi puliti aspettano di essere interamente scalati e liberati dai partecipanti al raduno che vorranno raccogliere la sfida.
 
Dario Rota, trascinatore del gruppo che ha lavorato all’organizzazione delle due edizioni di Orcoblocco, ha rimarcato proprio la volontà di partecipazione che caratterizza il raduno, sottolineando come la condivisione sia “la chiave affinché tutti, ad ogni livello, possano godere delle stesse possibilità di scalare e, perché no, di far propria una linea, scegliendola, corteggiandola quasi, fino a darle un nome dopo averla salita per primi”. Condivisione e valorizzazione della zona sono, dunque, i valori chiave di Orcoblocco, evidenziati anche dal confronto con alcuni scalatori locali e dalla ricerca di informazioni circa le linee già salite, ai quali si aggiunge tutto l’entusiasmo per una nuova zona boulder italiana. E gli scalatori conoscono la gioia di trovare un parco giochi affacciato su una natura spettacolare.
Galleria fotografica
MONTAGNA - Da tutta Italia a Ceresole Reale per «Orcoblocco» - immagine 1
MONTAGNA - Da tutta Italia a Ceresole Reale per «Orcoblocco» - immagine 2
MONTAGNA - Da tutta Italia a Ceresole Reale per «Orcoblocco» - immagine 3
MONTAGNA - Da tutta Italia a Ceresole Reale per «Orcoblocco» - immagine 4
Dove è successo
QC Sport
CALCIO - Nessun insulto razzista durante la partita degli Allievi a Castellamonte
CALCIO - Nessun insulto razzista durante la partita degli Allievi a Castellamonte
l Giudice Sportivo del comitato Figc di Aosta, Ezio Garrone, assistito dal rappresentante dell’Aia, Ugo Navillod, non ha preso provvedimenti in ordine al presunto caso di razzismo in campo
GRAN PIEMONTE - Il grande ciclismo italiano torna protagonista in Canavese - FOTO
GRAN PIEMONTE - Il grande ciclismo italiano torna protagonista in Canavese - FOTO
Presentato oggi a Torino il GranPiemonte 2017, organizzato da RCS Sport-La Gazzetta dello Sport in collaborazione con la Regione Piemonte, la Federazione Ciclistica Italiana e la Camera di Commercio di Torino
RALLY - Conto alla rovescia per il decimo Memorial Conrero
RALLY - Conto alla rovescia per il decimo Memorial Conrero
Il rally storico avrà il suo epicentro ancora una volta a Ivrea e vivrà la parte agonistica venerdì 5 e sabato 6 maggio
CASTELLAMONTE - Insulti razzisti sul campo di calcio: ragazzino di 16 anni lascia la partita in lacrime
CASTELLAMONTE - Insulti razzisti sul campo di calcio: ragazzino di 16 anni lascia la partita in lacrime
Sabato scorso un giovane di colore sarebbe stato insultato a Castellamonte, nel corso del match del campionato allievi fascia B. Il ragazzo dopo aver ricevuto degli insulti a sfondo razzista è uscito dal campo piangendo
KARATE – Ad Anagni si fanno onore gli agonisti della Rem Bu Kan Rivarolo Canavese
KARATE – Ad Anagni si fanno onore gli agonisti della Rem Bu Kan Rivarolo Canavese
Un'altra grande soddisfazione per il Karate ski Piemontese, che si concentrerà ora sul prossimo impegno in calendario
IVREA - Il Circolo Scherma Giuseppe Delfino festeggia la doppia promozione
IVREA - Il Circolo Scherma Giuseppe Delfino festeggia la doppia promozione
Per Ivrea è una conferma ad alti livelli in una disciplina, quella della Scherma, che da anni vede il Circolo Delfino fare bene
CALCIO - La Mappanese dice "No al razzismo e alla violenza" - VIDEO
CALCIO - La Mappanese dice "No al razzismo e alla violenza" - VIDEO
Gli striscioni sono stati autorizzati dal presidente della federazione calcio piemontese, Christian Mossino, che ha lodato l'iniziativa
CANOA - La nazionale italiana presentata al castello di Parella - FOTO
CANOA - La nazionale italiana presentata al castello di Parella - FOTO
«La Regione Piemonte ha lavorato con la Federazione per ottenere il centro federale e ci siamo riusciti», ha detto l’assessore regionale allo Sport, Giovanni Maria Ferraris
IVREA - Il Canavese si conferma capitale della canoa - FOTO
IVREA - Il Canavese si conferma capitale della canoa - FOTO
La canoa slalom italiana riparte proprio da Ivrea e dalle tumultuose e impegnative acque della Dora Baltea
CALCIO - Villaretto-Mappanese: nessun insulto razzista in campo
CALCIO - Villaretto-Mappanese: nessun insulto razzista in campo
Il giudice sportivo, letto il referto dell'arbitro, conferma che all'interno del campo non si sono verificati episodi di razzismo
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore