Un altro lutto per la comunità di Alpette, ultimamente già messa duramente alla prova dagli addii di diversi concittadini. Ieri, otto luglio, si è spento Pietro Graziano Giachino, geometra storico del paese, per mezzo secolo impegnato nella politica locale. In tanti anni di attività amministrativa è stato vicesindaco, poi sindaco e consigliere comunale. Una persona sempre pronta a dare una mano che ha fatto del suo impegno per la comunità un caposaldo. «Una risorsa silenziosa ma operativa ed indispensabile per tutta la comunità, era amato da tutto il paese che ne piange oggi la scomparsa - dice in merito il consigliere comuale Danilo Goiettina - ogni alpettese almeno una volta è stato nel suo studio per questioni private o del Comune. Sicuramente se ne va un altro pezzo del paese, una mente storica sempre pronta a distribuire preziosi consigli».

«Amministratore di buon senso, vicesindaco fidatissimo del compianto dottor Ceretto Castigliano Martino, poi sindaco dal 2004 al 2009, assieme hanno fatto la storia e il bene di Alpette nell’Italia del boom economico - lo ricorda l'attuale primo cittadino Silvio Varetto - con lui se ne va un'altra laboriosa e silente figura di amministratore delle Valli Orco e Soana, una generazione nata nel periodo della seconda Guerra Mondiale che si è affrancata nella vita civile attraverso gli studi di livello superiore per poi svolgere attività di seri professionisti con un occhio al proprio paese lavorando per il bene comune dei propri valligiani. Aver apprezzato questo è stato un utile insegnamento per continuare nel fertile solco che hanno tracciato».

Galleria fotografica

Articoli correlati