C’è una domanda che torna periodicamente, nell’ambito delle automobili: meglio le vetture usate rispetto a quelle nuove? Molti pensano di sì, per via del prezzo ovviamente, ma anche per la possibilità di portarsi a casa una vettura comunque affidabile, moderna e tecnologica. Come spesso accade, però, durante la fase di scelta esistono alcuni elementi da valutare, in modo tale da selezionare un modello che possa fare esattamente al caso nostro. E l’algoritmo progettato dal Politecnico di Torino va proprio in aiuto degli automobilisti.

In cosa consiste questo algoritmo

Il Politecnico di Torino è balzato in prima pagina per aver sviluppato un particolare algoritmo, in grado di calcolare la percentuale di durata residua di un’automobile. In pratica, si parla di uno strumento il cui scopo è valutare il ciclo di vita di una vettura, calcolando quanto tempo ancora le resta, per mantenersi funzionante e dunque sicura ed efficiente.

L’algoritmo in questione, poi, promette di cambiare molte carte in tavola: questo per via del fatto che, se convertito in una app, potrebbe consentire all’automobilista di monitorare in tempo reale diversi fattori inerenti al veicolo, come nel caso del suo stato di usura. Ciò che conta, però, è che al momento può essere sfruttato per valutare la convenienza di un’automobile usata in sede di acquisto.

Gli aspetti da valutare prima di comprare un’auto usata

Algoritmi a parte, sono diversi gli aspetti da valutare quando si pensa ad acquistare una vettura di seconda mano. E visto che sono moltissimi gli automobilisti che hanno deciso di cercare anche sul web le auto usate per esempio a Torino, oppure nel resto d’Italia, meglio scoprire quali sono gli aspetti da tenere in considerazione.

·        Meglio assicurarsi che il venditore sia onesto, e che non vi siano rischi relativi alle diffuse truffe del contachilometri contraffatto. Purtroppo, da soli, è impossibile riuscire a valutarlo correttamente, quindi si consiglia di farsi accompagnare da un bravo meccanico.

·        L’estetica di un’auto conta, per una questione di stile, ma anche di sicurezza. Il nemico numero uno di chi acquista una vettura usata è la ruggine, dato che può compromettere seriamente l’affidabilità del veicolo. Di conseguenza, il suggerimento è di aguzzare la vista e di cercare le tracce di ruggine, soprattutto negli sportelli e sotto al pianale.

·        Gli pneumatici sono sempre fondamentali, quindi è necessario valutare il loro stato di usura e la pressione delle gomme. Anche in questo caso, si consiglia vivamente di rivolgersi ad un esperto o ad un’officina specializzata.

·        Il motore è gioco forza il cuore pulsante di ogni veicolo, quindi va controllato in ogni minimo dettaglio e in ogni piccola componente. Fra gli step più importanti, in tal senso, figura il controllo della cinghia del motore. Anche se in realtà il consiglio è valido per ogni parte meccanica della vettura.

Interni e tappezzeria? Mai darli per scontato, perché possono diventare un preoccupante campanello d’allarme per lo stato del veicolo. Dal loro studio, spesso, è possibile individuare anche dei problemi relativi alla ruggine e alla struttura della vettura, dunque conviene sempre dedicarci del tempo

Galleria fotografica

Articoli correlati