Sono arrivati prima di Natale e hanno già fatto i bagagli. Don Tarcisio Benvenuti, don Zeno Sartori e don Antonio Malagisi (nella foto con i sindaci del territorio) sono rimasti alla guida di Belmonte non più di due settimane. Annunciati come i «salvatori» del santuario patrimonio dell'umanità Unesco, i tre sacerdoti sono già andati via. Nessuno ha fatto in tempo nemmeno a salutarli. E se dalla curia di Torino fanno sapere che «era tutto già previsto», in Canavese, questa fuga, tanto prevista non era. E infatti sabato, quando i fedeli si sono ritrovati un solo sacerdote alla Messa (e per giunta "in prestito" da Cuorgnè) sono cominciate a circolare voci più o meno incontrollate sul repentino addio di don Tarcisio Benvenuti, don Zeno Sartori e don Antonio Malagisi.

Avrebbe influito sulla fuga dei tre sacerdoti provenienti dal Veneto il loro stesso passato. Don Tarcisio Benvenuti è stato il fondatore della «Famiglia monastica Fraternità di Gesù», alla quale, sotto Giovanni Paolo II, venne affidata la storica abbazia di San Paolo Fuori le Mura a Roma. La Fraternità si è sfaldata in pochi anni, affossata da scandali clamorosi tanto che la Santa Sede, nel 2010, ha soppresso definitivamente la congregazione.  Secondo le accuse, i responsabili della comunità, e tra questi il fondatore don Tarcisio Benvenuti e il suo braccio destro don Zeno Sartori, abusavano della loro autorità e costringevano gli appartenenti a duro lavoro continuativo. Ci sono state diverse denunce e segnalazioni alle autorità, alcune persino per la presunta istigazione al suicidio di ex adepti.

Accuse pesanti che, però, sono emerse solo dopo il loro arrivo a Belmonte. Prima nessuno si era accorto di questo passato "ingombrante". Al santuario mariano, adesso, si ricomincia da capo. Con la speranza che l'assenza di religiosi in pianta stabile sia solo temporanea.

Galleria fotografica

Articoli correlati