I carabinieri della stazione di Mondovì (in provincia di Cuneo) hanno denunciato due ragazzi di 18 e 19 anni, uno residente a Caluso e l'altro in provincia di Vercelli, autori di una rapina con lesioni personali ai danni di una coppia di coetanei di Mondovì.

I fatti risalgono alla fine di novembre 2018, quando quattro ragazzi tendono un vero e proprio agguato alla coppia di fidanzati all’uscita di casa. Lo scopo della «spedizione punitiva» sarebbe stato quello di recuperare un credito di droga. Il gruppo passa subito ai fatti, minacciando la coppia e malmenando il ragazzo, che cade a terra, procurandosi lesioni alla testa e alla spalla. A quel punto riescono a farsi aprire la porta di casa dalla fidanzata e si introducono all’interno, impossessandosi di un computer. Quindi scappano, lasciando il ragazzo a terra.

La coppia che ha subito la rapina è impaurita e per paura di ritorsioni, racconta al personale medico e ai carabinieri intervenuti sul posto che il ragazzo si è procurato le lesioni cadendo accidentalmente. Il giorno dopo, però, vista la situazione, si fanno coraggio e denunciano l’accaduto, permettendo ai militari dell'Arma di avviare l’indagine che ha portato all'identificazione e alla successiva denuncia di due dei quattro responsabili della spedizione punitiva.

Nelle loro abitazioni, tra l'altro, a seguito di perquisizione, è stato rinvenuto sia il computer oggetto di rapina, sia della sostanza stupefacente. Dovranno rispondere anche di detenzione di droga ai fini di spaccio. Le indagini sono al momento in corso in Canavese per risalire agli altri componenti della banda.

Galleria fotografica

Articoli correlati