CANAVESE - Sono 10.041 le persone che hanno ricevuto la prima dose di vaccino contro il covid secondo i dati forniti alle 19 di ieri dalla Regione Piemonte. Dall’inizio della campagna si è quindi proceduto all’inoculazione di 67.333 dosi, corrispondenti all’81,3% delle 82.810 consegnate al Piemonte con la prima e la seconda fornitura. In queste ore, intanto, è stata ultimata da parte di Pfizer la consegna della terza fornitura di 40.000 dosi per il Piemonte, che sarà inoculata a partire da domani.  

«Circa il 20% di ogni fornitura, così come concordato con il commissario Arcuri, è la quota di scorta per garantire l’avvio dei richiami tra il 19° e il 23° giorno dalla somministrazione della prima dose. Da domani partiremo con la terza settimana di vaccinazione - spiegano il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio e l’assessore alla Sanità Luigi Genesio Icardi - l'obiettivo era di somministrare l’80% delle prime due forniture prima della consegna della terza e lo abbiamo raggiunto grazie allo sforzo di tutto il sistema sanitario regionale e delle Asl, che in particolare negli ultimi giorni hanno raggiunto livelli di grande efficienza. Un ottimo banco di prova per pianificare al meglio la Fase 2 su cui stiamo già lavorando e che coinvolgerà direttamente i nostri anziani, le fasce fragili, il personale scolastico e le forze dell’ordine».

Alla data dell'undici gennaio, invece, nel territorio dell'Asl To4, i vaccinati erano 4500, di cui 900 nelle case di riposo. «Siamo soddisfatti dell’andamento di questa prima fase e stiamo procedendo in ossequio alle direttive della Regione - commenta il commissario dell'azienda sanitaria, Luigi Vercellino - ieri ci sono state consegnate altre forniture. Per la prima volta anche direttamente all'ospedale di Ciriè dove è stato collaudato ed è entrato in funzione il nuovo congelatore per tenere le dosi del vaccino alla temperatura giusta. Viaggiamo su una media di 400-500 persone vaccinate al giorno».

Galleria fotografica

Articoli correlati