Sembra non arrestarsi l’emergenza incendi in Canavese. Anche oggi, domenica 31 marzo, nuovi focolai hanno costretto all’intervento diverse squadre dei vigili del fuoco. Il primo in località Bastiglia, sopra Cuorgnè, dove, tra l'altro, Vigili del Fuoco e volontari degli Aib sono già intervenuti tre volte nel giro di una settimana sempre per dei roghi probabilmente dolosi. Sul posto il sindaco Beppe Pezzetto insieme al consigliere Vanni Crisapulli e al tecnico comunale Mauro Malano.

«Non posso che ringraziare i Vigili del Fuoco, gli AIB, i Carabinieri e il nostro responsabile Mauro Malano siamo intervenuti subito ed abbiamo arginato il fuoco che si stava velocemente propagando in zona Bastiglia a Priacco - commenta il Sindaco Beppe Pezzetto - a cosa pazzesca e che non ha giustificazioni è che nella stessa zona è il 3 incendio in 10 giorni, abbiamo in giro della gente veramente malata».

L'altro incendio è segnalato nella zona di Borgiallo, vicino al santuario di Santa Elisabetta, in direzione Colleretto Castelnuovo, proprio su uno dei versanti della Quinzeina. Entrambe le situazioni sono al momento sotto controllo. Accertamenti in corso sulle cause dei roghi. La siccità sta favorendo il rapido estendersi delle fiamme.

L’allarme è scattato questa mattina intorno alle 11, a due giorni dalla chiusura delle operazioni sulla collina di Belmonte dove un incendio boschivo ha distrutto la riserva naturale del Sacro Monte patrimonio Unesco. In settimana altri incendi boschivi sono invece divampati in Valchiusella, sopra Traversella, dove sono andati distrutti boschi e pascoli.

 

Galleria fotografica

Articoli correlati