CANAVESE - Esercizi commerciali, ristoranti, aziende. Ma anche circoli e mercati. I controlli sui green pass nei luoghi di lavoro continuano in tutto il Canavese. Numerose le sanzioni fin qui elevate. Le forze dell'ordine, però, al netto della doverosa elasticità, stanno intervenendo soprattutto su segnalazione degli utenti al 112.

Così è stato a Torre Canavese, l'altra mattina, dove è stata sanzionata la titolare di un negozio priva del certificato verde (400 euro di multa). Stesso discorso per la pizzeria di Rivarolo «visitata» dai carabinieri: sette multe elevate. Sei a clienti seduti ai tavoli senza green pass e una al titolare del locale. 

C'è stato poi il blitz nel ristorante di Colleretto Giacosa insieme ai carabinieri del Nas. Multa salata per il titolare (specie per alcune inadempienze con i cibi), tre collaboratori senza green pass e una festa con quasi 400 persone invitate rinviata a data da destinarsi. Anche nei mercati rionali controlli a campione: a Ivrea un ambulante è stato multato perchè, senza certificato verde, è rimasto al proprio posto. Altri, invece, sempre privi del green pass, hanno preferito smontare il banco e andarsene.

A Borgaro sono stati allontanati dieci ambulanti in due giorni di mercato: due ambulanti fissi e quattro spuntisti. La polizia locale ha controllato il green pass a tutti durante la fase di sorteggio dei posti. «C'è un decreto legge che deve essere rispettato: solo rispettando le leggi usciremo velocemente dalla pandemia», ha commentato il comandante della polizia locale, Roberto Mattiello.

Galleria fotografica

Articoli correlati