Periodo delicato in tutto il Canavese a seguito di un'ondata di furti. Negli ultimi giorni si sono registrati numerosi assalti nella zona di Ciriè, di Chivasso, a Valperga e Volpiano. A Levone, invece, un finto carabiniere ha truffato un'anziana con la scusa di un controllo: l'ha convinta ad aprire la cassaforte e in un attimo ha arraffato i preziosi contenuti all'interno. E' la seconda truffa in paese nel giro di un mese. Il malvivente avrebbe raggiunto Levone con un'Alfa Romeo Giulietta.

Allarme rosso nel chivassese: numerose razzie hanno riguardato la frazione Castelrosso dove diverse abitazioni sono state svaligiate anche in pieno giorno. L'altra sera, invece, in centro a Chivasso un ladro si è introdotto nell'appartamento di un professionista arrampicandosi su un albero; una volta all'interno ha rovistato nei cassetti rubando oro e un orologio prezioso. E' stato poi messo in fuga dal rientro in casa dei proprietari. In consiglio comunale la minoranza ha presentato un'interrogazione per invitare il sindaco ad organizzare un tavolo di confronto con i carabinieri.

A Volpiano, invece, qualche giorno fa, i malviventi hanno smurato la cassaforte di una villetta. I vicini non si sono accorti di nulla e hanno pensato fossero lavori di ristrutturazione. I ladri hanno agito in pieno giorno: hanno rubato gioielli e contanti. Diversi furti, infine, sono stati segnalati a Valperga. Ad opera, probabilmente, di una banda che si muove con una Bwm scura con targa straniera. Occhi aperti dunque in tutta la zona: per ogni auto sospetta o dubbio su persone che citofonano ai campanelli è sempre consigliato chiamare il 112 e allertare le forze dell'ordine.

Galleria fotografica

Articoli correlati