CANAVESE - Questa estate il rischio truffe nel settore delle vacanze è elevatissimo e i consumatori devono prestare la massima attenzione per non perdere i propri soldi e ritrovarsi senza alcuna sistemazione dove trascorrere la propria villeggiatura. Lo afferma il Codacons, intervenendo sull’allarme lanciato dalla Polizia Postale.

«La crisi che attanaglia il nostro paese, con inflazione alle stelle e prezzi rincarati in tutti i settori, compreso quello turistico, alimenta il rischio di truffe e raggiri nella scelta delle vacanze estive e delle strutture ricettive – spiega il Codacons – la criminalità specializzata sfrutta proprio tale situazione, e l’esigenza dei cittadini di risparmiare sui costi delle villeggiature, per mettere in atto truffe sempre più sofisticate».

Un pericolo che riguarda soprattutto case-vacanza e alloggi pubblicizzati sul web, spesso strutture da sogno offerte a prezzi molto bassi allo scopo di attirare il maggior numero possibile di vittime – prosegue l’associazione – Annunci che riportano foto dettagliate ma non l’indirizzo preciso delle abitazioni, spesso senza riferimenti e numeri telefonici di chi gestisce tali strutture, per il cui affitto vengono richiesti via mail pagamenti su carte ricaricabili o altri strumenti non tracciabili.

Il rischio concreto è non solo quello di versare soldi per strutture inesistenti, ma anche scoprire, una volta arrivati a destinazione, di non avere alcun alloggio dove soggiornare! – avverte l’associazione. Il Codacons ha deciso quindi di lanciare una campagna in tutta Italia contro le truffe sulle vacanze estive, offrendo assistenza legale a quei cittadini che, nelle prossime settimane, dovessero subire raggiri nel settore del turismo. Tutti gli interessati possono inviare una mail all’indirizzo codacons.canavese@gmail.com o rivolgersi alla sede locale dell’associazione.

Galleria fotografica

Articoli correlati