CORIO - Esiste un «Caso Corio» nei registri del Reparto Generale di sicurezza dell'Aeronautica Militare? Pare proprio di si. Ed è relativo all'avvistamento di una grande palla luminosa inseguita da due aerei la notte del 6 giugno 2018. Un avvistamento che coinvolse centinaia di residenti della zona e che finì anche in diverse segnalazioni ai carabinieri. 

I vertici del Mufon (The Mutual Ufo Network) stanno investigando sull'episodio e domenica hanno relazionato sulla loro attività in municipio a Corio. Perchè se è vero che l'Aeronautica militare parla di una traccia corrispondente ad un velivolo in transito per addestramento nella zona di Corio, la notte del 6 giugno 2018, ancora nessuna spiegazione è stata fornita sulla palla di luce e sul secondo velivolo che la stava inseguendo. Un vero e proprio mistero. 

All'epoca (link sotto) ci furono anche delle interrogazioni parlamentari per capire che cosa stesse succedendo nei cieli di Corio quella notte. La procura di Ivrea aprì anche un'indagine chiedendo i tracciari dei radar del vicino aeroporto di Caselle. Come sempre in questi casi le indagini finirono in un nulla di fatto. O meglio, con una serie di spiegazioni non del tutto coerenti con quello che la gente vide e sentì quella notte. 

Galleria fotografica

Articoli correlati