L'altra mattina personale della Questura di Torino ha dato esecuzione alla misura cautelare della custodia in carcere nei confronti di Carlo B., carabiniere di 52 anni di origine siciliana in servizio a Torino, e alla misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di Domenico P., dentista 61enne di Torino, originario della Calabria.

Il carabiniere è destinatario della misura cautelare in carcere perché indagato per millantato credito, in quanto si è fatto consegnare da un pregiudicato residente a Salassa, già finito a processo nell'ambito del procedimento «Minotauro» per una presunta appartenenza alla 'ndrangheta, 200 euro in cambio di fittizie informazioni su indagini in corso nei confronti di quest’ultimo.

Il 52enne è anche accusato di favoreggiamento personale nei confronti di un soggetto di origini calabresi responsabile della detenzione illecita di un’arma da sparo, perchè il carabiniere ha appreso, fuori dal servizio, informazioni precise su tale fatto reato e ha omesso di  comunicarlo all’Autorità Giudiziaria e ai suoi superiori. Al suo arresto hanno partecipato anche i militari del comando provinciale dell’Arma dei carabinieri di Torino.

Galleria fotografica

Articoli correlati