Il Canavese, come il resto del Piemonte, è finito nuovamente nelle spire dell'anticiclone africano, che già aveva colpito duramente a fine giugno. Le temperature, ma soprattutto i livelli di umidità e la sensazione di afa, sono aumentate considerevolmente tra ieri e oggi e continueranno a mantenersi su livelli più elevati rispetto alle medie del periodo per tutto il fine settimana. Si prevedono massime attorno ai 35 gradi, con uno zero termico attorno ai 5000 metri nelle ore centrali, e minime che non dovrebbero scendere sotto i 22 gradi. Domenica sera è previsto quindi l'arrivo di una veloce perturbazione, con temporali anche localmente violenti e possibili grandinate, ed un repentino abbassamento della colonnina di mercurio anche di dieci gradi. L'instabilità dovrebbe dominare anche la giornata di lunedì 12, poi da martedì si prevede un ritorno a giornate soleggiate, ma in un contesto climatico più gradevole consono al periodo. La settimana di Ferragosto dovrebbe poi essere contraddistinta dal prevalere dell'anticiclone delle Azzorre, che usualmente garantisce temperature non troppo elevate e clima asciutto. Si tratta però di uno scenario che dovrà essere confermato nei prossimi giorni.

Galleria fotografica

Articoli correlati